Crisi Coop, incontro in Regione ma per il 10 lo sciopero è confermato

L’azienda non arresta e la Conad è pronta a fare un passo indietro

La politica regionale continua a muoversi per cercare di tutelare i 270 lavoratori degli otto punti vendita Coop presenti nel Lazio nelle provincie di Roma Latina e Frosinone. Ieri c’è stato l’incontro in commissione lavoro dal quale è emerso che la Conad avrebbe sospeso la procedura di acquisto dei vari punti vendita. Intanto, mercoledì 10 ottobre prevista un’altra giornata di sciopero dei lavoratori Coop.

All’incontro alla Pisana erano presenti i rappresentanti dell’azienda Unicoop Tirreno, i sindaci dei comuni di Aprilia, Pomezia, Genzano, Velletri, Colleferro e Fiuggi e tutte le sigle sindacali, è intervenuta anche Eleonora Mattia (Pd), presidente della IX commissione regionale Lavoro.

Un impegno totale

“Oltre a rinnovare piena solidarietà ai dipendenti di Unicoop – ha detto Elonora Mattia – ho ribadito il mio totale impegno, su ogni fronte, per scongiurare i licenziamenti, mantenere i livelli occupazionali e le forme contrattuali dei 270 lavoratori coinvolti e salvaguardare un marchio importante come Coop. C’è in ballo il futuro di molte famiglie, occorre sedersi ad un tavolo con grande serenità, mettendo al primo posto la tutela delle lavoratrici e dei lavoratori. Di concerto con l’assessore al lavoro Claudio Di Berardino, stiamo lavorando affinché la questione dei lavoratori di Unicoop arrivi ad una soluzione che dia garanzie a tutti. E’ un percorso difficile, basato innanzitutto sull’ascolto e sul confronto, che deve passare attraverso azioni tese a tutelare sia i lavoratori che tutto l’indotto, nei territori in cui si trovano gli 8 negozi in procinto di essere venduti. Vogliamo che questi vengano, invece, rilanciati nell’ambito di una più ampia riorganizzazione dei servizi commerciali. Per far questo occorre rivedere il piano industriale, ragionare con le istituzioni e i sindacati e riaprire, eventualmente, un tavolo al Ministero dello sviluppo economico per individuare quale modello di cooperazione portare avanti nel basso Lazio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le parole di Sanna

“Ieri siamo stati presenti, assieme al consigliere Gabrielli – spiega il sindaco di Colleferro Sanna - all'audizione in Commissione Lavoro alla Pisana con oggetto la vertenza Coop. Innanzi tutto ringrazio la Presidente Mattia la quale, provenendo dal nostro territorio, conosce bene il tema di Colleferro ed ha a cuore tutta la questione che come sindaci della Provincia di Roma stiamo seguendo all'unisono. L'azienda ha mostrato gli artigli. Ieri, sapevamo comunque che la battaglia non sarebbe stata facile. Credo che il prosieguo possa essere positivo a patto che Ministero, le due Regioni ed i sindaci siano un unico blocco assieme ai lavoratori. Perdere il marchio coop sarebbe una negatività sotto tutti gli aspetti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 5 borghi da visitare in Ciociaria

  • Coronavirus in Ciociaria: uno dei 2 nuovi casi è un 51enne di Pontecorvo andato al pronto soccorso

  • Cassino, grave schianto tra auto lungo la Casilina in direzione Cervaro

  • Omicidio Willy, gli aggressori percepivano il reddito di cittadinanza

  • Coronavirus, reso noto il boom di casi in Ciociaria. D'Amato: 'Assembramenti di genitori all'entrata delle scuole'

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 19 e domenica 20 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento