rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Psi e Pd ai ferri corti

Elezioni Frosinone 2022, Schietroma smentisce ogni trattativa col Pd: “I Socialisti non sono in vendita”

Il coordinatore regionale Schietroma mette in chiaro che il Psi non ha “l’esigenza di alzare il prezzo al fine di ottenere eventuali ristori” e “si presenta libero da ogni vincolo di coalizione” con un partito con cui “i rapporti sono pressoché inesistenti dal 2017”

Il coordinatore regionale del Psi Gian Franco Schietroma intende smentire ogni trattativa con il Pd in vista delle elezioni amministrative 2022 del capoluogo ciociaro. Nega “l’esigenza di ‘alzare il prezzo’ al fine di ottenere eventuali ristori, perché i Socialisti di Frosinone non sono in vendita”.

Sembra ormai definitiva la divisione del centrosinistra in due tavoli: da una parte quello progressista guidato dal Partito democratico, a sua volta trainato dal leader provinciale Francesco De Angelis, e dall’altra quello riformista trainato dal Partito socialista. Quest’ultimo ormai ribattezzato Nuovo centrosinistra.

“Il Psi si presenta libero da ogni vincolo di coalizione con il Pd - precisa Schietroma - prendendo atto di quanto avvenuto dal 2018, con la nostra totale estromissione dalla maggioranza politica regionale e dall’assenza di qualsiasi dialogo con il Presidente della Giunta”. Non solo: “A Frosinone i rapporti con il Pd dal 2017 sono pressoché inesistenti”.

Vengono tolti così tutti i sassolini dalla scarpa: la loro assenza nella seconda Giunta Zingaretti e il fatto che alle scorse amministrative il Psi abbia ritirato il proprio candidato sindaco (Vincenzo Iacovissi) per sostenere quello indicato dal Pd (Fabrizio Cristofari).

Schietroma: “Alternativi, per un Grande capoluogo”

“Ciò che ci sta veramente a cuore - dichiara Schietroma - è poter dare agli elettori del Comune capoluogo un’altra possibilità di scelta rispetto alle ipotesi che attualmente animano il dibattito cittadino, tra cui la costruzione di una coalizione civica e trasversale”.  

“Infatti, il tavolo del nuovo centrosinistra, di cui noi socialisti facciamo parte, sta lavorando da mesi per presentare ai cittadini di Frosinone una proposta politica e programmatica altamente innovativa e adeguata alle sfide della modernità, imperniata sulla creazione di una grande città intercomunale, un Grande Capoluogo che sappia rispondere innanzitutto a due gravi emergenze: impoverimento sociale e disastro ambientale”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni Frosinone 2022, Schietroma smentisce ogni trattativa col Pd: “I Socialisti non sono in vendita”

FrosinoneToday è in caricamento