rotate-mobile
Attenzione al decoro

Elezioni 2022, la ‘grande opera’ proposta da Vicano: “La manutenzione ordinaria”

Il candidato sindaco del Centro l’ha già definita tale, "in quanto assente e fondamentale", in occasione del rilancio della sua corsa alle Amministrative di Frosinone domenica 12 giugno

Rilanciando la sua candidatura a sindaco Mauro Vicano ha individuato “una grande opera pubblica” da realizzare a Frosinone in quanto ritenuta “assente e fondamentale”: “La manutenzione ordinaria”.

Il competitor del Centro, sostenuto da tre liste – Azione e due civiche, di cui una con esponenti di Udc, Autonomi e Partite Iva, e Progetto Lazio) – ribadisce il concetto aggiungendo tutte le altre parole chiave: decoro urbano, cura del verde, pulizia e ordine. “Il futuro di Frosinone quale Città Europea passa anche, e forse soprattutto, attraverso una puntuale attenzione nei confronti di questi settori della vita cittadina”, dichiara il già dirigente Asl e Saf.  

“Ambiti che negli anni, basta guardarsi intorno per rendersene conto, sono stati a dir poco trascurati ma che invece, se posti al centro dell’attività amministrativa come noi vogliamo fare, avrebbero il valore di una grande opera pubblica”, aggiunge poi scagliandosi contro la doppia amministrazione guidata dal sindaco uscente Nicola Ottaviani (Lega), assieme al resto del centrodestra a favore della candidatura di Riccardo Mastrangeli.

Nel mentre non è mancata la “sfida tra avvocati” Marzi-Ottaviani rispetto alla questione Ancler. Vincenzo Iacovissi tira dritto con “una squadra giovane”. A completare per ora il quadro il quinto candidato sindaco: Giuseppe Cosimato, civico ex FdI.

Vicano: “Incuria, abbandono, niente manutenzione”

“La richiesta di maggiore considerazione di tali branche amministrative è palpabile nella popolazione che ogni giorno, sui social come sulle testate giornalistiche, al bar come nelle strade, solleva problematiche legate ad incuria, abbandono, mancanza dell’indispensabile manutenzione ordinaria, sporcizia, verde pubblico dimenticato, caos, disordine e, purtroppo, tanto altro ancora”.

“Una situazione imbarazzante nel 2022 per una città che dovrebbe essere punto di riferimento dell’intera provincia e che dovrebbe puntare a svolgere il ruolo di vero Capoluogo e, ancora di più, ad avere il volto di una Città Europea moderna, ordinata, efficiente, curata, con un elevato indice di qualità della vita”.

“Invece, ormai da anni, assistiamo ad uno spettacolo non adeguato: erba incolta ovunque, perdite idriche piccole e grandi, rifiuti dappertutto, cestini traboccanti di immondizia, verde pubblico incolto, spazi per grandi e piccoli lasciati a marcire nell’incuria. E l’elenco sarebbe ancora molto lungo, come ben sanno i cittadini”.

“Quella che oggi abbiamo sotto gli occhi, frutto di anni ed anni di cattiva amministrazione, è una Frosinone brutta, disordinata, sporca e indecorosa. Quella che invece vogliamo costruire noi è una Città Europea dove la pulizia, il decoro, l’ordine, l’attenzione per le piccole come per le grandi cose siano oggetto di una costante ed attenta azione amministrativa”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni 2022, la ‘grande opera’ proposta da Vicano: “La manutenzione ordinaria”

FrosinoneToday è in caricamento