Cassino, l'amore per la città ha creato una nuova 'coppia politica'

Intervista a viso aperto con Giuseppe Golini Petrarcone, candidato a sindaco e Niki Dragonetti che ha deciso di sostenere l'idea di un progetto civico

L'affidabilità e l'intraprendenza. L'esperienza del politico navigato e l'innovazione della nuova generazione. Un binomio effervescente quello creato da Giuseppe Golini Petrarcone e Niki Dragonetti. Una 'coppia politica' che ha rotto ogni schema e che ha in comune l'onesta e l'amore per la città. Un amore così forte e radicato che ha spinto Niki Dragonetti a fare un passo indietro ed a rinunciare al progetto di candidatura a sindaco che 'sognava' da anni. L'imprenditore, trentotto anni ed elemento di opposizione esterna come pochi in città, ha deciso di mettere a disposizione il bagaglio di novità mediatiche ad una persona molto vicina al suo modo di vedere la politica: Giuseppe Golini Petrarcone. 

Niki e Peppino quindi il vostro non è un 'matrimonio combinato' ma un patto d'amore per la città?

"Ci rendiamo conto di essere diversi, soprattutto alla luce delle precedenti esperienze politiche ma questo non ci ha certo frenato. Ci siamo confrontati in tempi non sospetti e ci siamo resi conto che entrambi volevamo la stessa cosa: far crescere i nostri figli a Cassino. Così come tanti cassinati vogliono la stessa cosa e anche far vivere serenamente i loro anziani genitori. I 'terremoti' politici delle ultime settimane ci hanno portato ad un nuovo confronto e la nostra 'unione' ci è sembrata la cosa più logica".

Pensate di essere la giusta opportunità di rilancio per Cassino?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Lavorare al fianco di un politico come Mario Abbruzzese mi ha aperto gli occhi. La vera politica non è quella della poltrona assegnata all'amico dell'amico - spiega Dragonetti - come da sempre funziona in Italia e in questa città. Per questo ho volutamente, e senza rimpianti, reciso ogni contatto con il passato e con quel tipo di mentalità e di persone che amano quel tipo di politica. Però il 'vivere' in Regione mi ha aperto la mente e l'acume. In questa città manca chi conosce le regole, i cavilli, le Leggi a favore del cittadino, i finanziamenti a fondo perduto. Ecco io sono perfettamente in grado di curare questo aspetto". "Le potenzialità di Niki Dragonetti abbiamo avuto modo di vederle e sentirle tutti nelle tante dirette e nei tanti articoli di questi anni - precisa Petrarcone -. Ecco lui è riuscito a fare quello che solitamente dovrebbe essere il compito di un consigliere comunale, in maggioranza o un opposizione che sia. La sua 'scossa' ha fatto si che molti di noi 'anziani' aprissimo gli occhi. Io per esempio mi sono reso conto che la politica oggi è cambiata e che dobbiamo adeguarci anche noi che siamo 'veterani'. Per questo abbiamo unito le nostre capacità. Nessuno di noi ha poltrone da dividere. Tutti e due abbiamo un lavoro che ci gratifica e che consente di vivere anche senza la politica. La rinascita di una città deve partire dalla consapevolezza che nessuno può essere nemico quando si vive in una situazione di dissesto come quella di Cassino. Per questo abbiamo deciso di chiamare il nostro gruppo civico 'orgoglio cassinese'. Perchè la fierezza delle nostre origini ci consente di andare avanti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

  • Cassino, il primario del Pronto Soccorso sbotta: "Datevi una regolata"

  • Coronavirus, 147 nuovi casi in provincia di Frosinone. Positivo anche un dipendente comunale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento