Politica

Fare Verde Frosinone assegna il premio speciale ‘Gnomo per l’ambiente’ a Zingaretti. Ecco perché

Il 'non-premio' dell’associazione ambientalista va al presidente della Regione Lazio, la quale “non si è resa conto - si motiva - che nella discarica Mad di Roccasecca sono state smaltite circa 302 mila tonnellate di rifiuti senza nessuna autorizzazione”

La sezione di Fare Verde della provincia di Frosinone, dopo aver lamentato che “tra gli anni 2016 e 2021 sono stati sversati abusivamente nella discarica di Roccasecca ben 304.426 tonnellate di rifiuti provenienti da Roma”, assegna il suo premio speciale “Gnomo per l’ambiente” al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

A fronte della relazione post-sopralluogo dell’Arpa Lazio, che secondo l’associazione ambientalista riporterebbe “fatti eclatanti dichiarati dagli ispettori” dell’Agenzia regionale per la protezione ambientale, segue il non-premio e la relativa motivazione.

La motivazione del non-premio a Zingaretti

“La Regione Lazio, nonostante gli scandali sui rifiuti, non si è resa conto che nella discarica MAD di Roccasecca sono state smaltite circa 302.000 tonnellate di rifiuti senza nessuna autorizzazione – ribadisce Fare Verde Frosinone - Dal documento dell'Arpa Lazio si legge:  “Come possibile evincere dai valori riportati nella Tabella 3, a fronte di un volume utile netto autorizzato negli anni 2016-2021 pari a 762.896 m3, corrispondenti a 739.441 tonnellate, al netto delle approssimazioni relative agli indici di compattazione, non sempre riportati nelle D.D. sopra richiamate (0,9÷1,0 tonn/m3), risulterebbero essere state conferite in discarica circa 1.041.867 tonnellate, ovvero, pari a circa 302.426 tonnellate in più a quanto autorizzato”.

La richiesta di una Commissione d’inchiesta

Fare Verde Frosinone, pertanto, ritiene “indispensabile   l'apertura di   una Commissione regionale d'inchiesta per dare   risposte celeri ai cittadini su chi materialmente ha conferito i rifiuti   e su quali rifiuti sono stati scaricati alla MAD di Roccasecca senza le autorizzazioni previste dalle leggi dello Stato e della Regione Lazio”.

“Sono state conferite circa   302.000 tonnellate di rifiuti nella discarica MAD senza le indispensabili autorizzazioni e ciò vuol dire che mancano controlli e verifiche rigorose – conclude - Oltre a ciò c'è da dire che nessuno corre il rischio gratis di conferire rifiuti in discarica senza le necessarie autorizzazioni e nessuno accetta rifiuti in discarica senza le autorizzazioni.  Se il rischio di essere colti con le mani nel sacco c'è stato vuol dire che i risultati ottenuti o che ne sono derivati indirettamente hanno compensato lo sforzo e il rischio richiesto”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fare Verde Frosinone assegna il premio speciale ‘Gnomo per l’ambiente’ a Zingaretti. Ecco perché

FrosinoneToday è in caricamento