rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Amministrative / Ferentino

Ferentino 2030, oggi le primarie. Chi sarà il prossimo candidato a sindaco?

Si vota dalle 9 alle 20. Gli elettori potranno scegliere tra Claudio Pizzotti, Manuel Caruso e Piergianni Fiorletta

Nella giornata dedicata ai papà, nel Comune di Ferentino, ci sarà spazio anche per le primarie della coalizione civica Ferentino 2030 che in questi giorni hanno destato anche il risveglio del PD di Antonio Pompeo. Documento di riconoscimento e tessera elettorale alla mano, si potrà votare dalle ore 8 alle 20 in due seggi: quello in piazza Matteotti, dove verranno allestite le Sezioni elettorali dalla 1 alla 7, e quello nel quartiere Villaggio Blu per il restante elettorato delle altre Sezioni. 

I candidati 

Tra i tre contendenti capeggia l’avvocato Piergianni Fiorletta, sostenuto da Uniti per Ferentino, Partecipare, Enea e Ferentino nel Cuore, seguito da un altro avvocato, Claudio Pizzotti, sostenuto dalla sua stessa lista Nuova Ferentino. Ultimo ma non ultimo, il giovanissimo professore e musicista Manuel Caruso, sostenuto da Ferentino in Movimento. 

Quest'ultimo, come professione indica, preme fortemente sull'istituzione di un "festival della cultura e della conoscenza che segua la regola delle tre d: Distribuito sul territorio, Diffuso in un arco temporale lungo, Diversificato nei contenuti". Pizzotti come Caruso spinge su quello che la sua professione d'avvocato può dare alla città gigliata: "credo che la mia esperienza professionale e politica, possa essere utile per portare un cambiamento positivo nella nostra città. Le primarie sono un momento di confronto". Fiorletta, che non sarebbe un volto nuovo alla guida della città, cita Achille Lauro: "ci sono cascato di nuovo". 

Il centrodestra tracolla

Il "no" del presidente dell'Ordine degli Avvocati di Frosinone, Vincenzo Galassi, aveva fatto sperare nella ricostruzione dell'asse Pompeo-Zaccari. Quest'ultimo infatti, molto tra le righe, sembrava esser stato indicato come papabile candidato del centrodestra ipotizzando la ricostruzione di quanto avvenuto in passato per la Provincia di Frosinone con Pompeo presidente della Provincia e Zaccari presidente d'Aula. Ogni decisione però era stata rimandata ai tavoli provinciali (finora saltati).

Il risultato? Zaccari ha abbandonato la nave vagliando addirittura l'ipotesi - sempre più certa - di appoggiare una lista civica con il suo gruppo. A seguirlo anche il coordinatore cittadino di Forza Italia, Franco Sisti, a riprova del caos che governa oramai il centrodestra nella città gigliata.

Nel frattempo attendiamo le primarie odierne per il terzo nome che fiancheggerà Angelica Schietroma e Alfonso Musa alle tanto attese Amministrative del 14 e 15 maggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferentino 2030, oggi le primarie. Chi sarà il prossimo candidato a sindaco?

FrosinoneToday è in caricamento