Ferentino, dai beni confiscati alla mafia nascerà una casa famiglia per ragazzi disabili

Il comune ha ottenuto dalla Regione Lazio un contributo di quasi 65 mila euro per il riutilizzo del complesso immobiliare di via Forma Coperta

L'Area Affari Generali, Sicurezza Integrata e Beni Confiscati alla mafia della Direzione Regionale Affari Costituzionali ha comunicato al Comune di Ferentino l'ammissione al finanziamento per gli interventi di manutenzione straordinaria degli immobili situati in località 'Fossa della Penna'.

Il finanziamento regionale

Si tratta, in particolare, di un complesso immobiliare, confiscato alla criminalità organizzata, secondo quanto previsto dalla Legge regionale 15/2001 e dalla Dgr 621/2019, che ora, grazie al finanziamento accordato dalla Regione Lazio di 64.829 euro, sarà oggetto di lavori di recupero ai fini del suo riutilizzo. Una bella notizia per il Comune di Ferentino, ammesso al finanziamento regionale. Il complesso immobiliare di via Forma Coperta sarà utilizzato come casa-famiglia per disabili: un risultato che premia il costante impegno dell'Amministrazione comunale nel rispondere ai bisogni della comunità e alla crescente domanda delle famiglie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Vittoria della legalità sul crimine"

"Accogliamo questa notizia con grande soddisfazione – è il commento del sindaco Antonio Pompeo e del vicesindaco e assessore ai Servizi Sociali, Luigi Vittori – non solo perché simbolicamente convertire un bene della mafia in un punto di riferimento per la collettività e le emergenze sociali è una vittoria della legalità sul crimine, ma anche perché, grazie al lavoro dei nostri uffici e all'impegno costante dell'Amministrazione, possiamo dare risposte concrete alle esigenze dei cittadini. E, in questo caso, alle fasce deboli e alle persone con disabilità, che potranno contare su una nuova struttura di riferimento. Ringraziamo, quindi, la Regione Lazio – concludono Pompeo e Vittori – per il contributo e ci impegneremo, come sempre, affinché l'iter possa concludersi entro tempi certi e rapidi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento