Ecco come spreca milioni di euro la Asl di Frosinone

La denuncia per gli oltre 17 Mln "utilizzati" in meno di due anni arriva dalla Ugl sanità

Milioni di Euro per le innumerevoli conciliazioni avvenute in favore del personale Dirigente per omessa e/o difformità applicazione contrattuale, che nei primi sei mesi dell’anno raggiunge la somma di 3 milioni e mezzo di euro circa, a cui si aggiungono le conciliazioni avvenute nell’anno  2017 per lo stesso motivo, per un ammontare di oltre 14 milioni di euro, la cui somma complessiva si giudica da sola. “A risorse esaurite e intaccato il bilancio, le conciliazioni - sottolinea la segretaria Ugl Sanità – continuano anche per la dirigenza medica da decenni cessata dal servizio e/o deceduta. La ASL, così come ha fatto per la Dirigenza Professionale Tecnico amministrati (PTA) in cui riconosceva tramite scrittura privata a 12 unità dirigenziali le differenze retributive per un ammontare di circa 700.000,00 euro, in difetto del previsto Fondo, con apposita delibera, estende il beneficio anche alla Dirigenza Medico Veterinaria (DMV), per cui coloro che hanno svolto funzioni corrispondenti a quelle di un Direttore di UOC per assenza dei titolati,  si vedranno riconoscere la differenza retributiva a partire dal 2001”. 

I fondi esauriti

“Poco importa dunque, se i fondi economici delle varie AREE Dirigenziali siano esauriti, se gran parte delle somme riferite gli anni pregressi siano prescritte, basta far gravare i costi su un diverso numero del conto economico del bilancio aziendale” 
Altri milioni di euro gettati al vento, continua la Roccatani “solo nei primi 6 mesi del 2018, su disposizioni sentenziali del Tribunale di Frosinone, l’illegittimità dei contratti a termine è costata alla ASL la somma complessiva di 1 milione e 300 mila euro, per risarcire ai ricorrenti, a cui vanno sommati i costi legali: soldi che assottigliano le disponibilità delle casse dell’azienda sanitaria, verosimilmente  sottratti ai servizi che languono”. E’ questo il quadro disegnato dall’Ugl Sanità che, attraverso la responsabile Rosa Roccatani, ricostruisce quanto accaduto negli ultimi tempi. “A quanto ammontano – si chiede ancora la Roccatani – i costi risarcitori degli ultimi 15 anni sostenuti dalla ASL per compensare i lavoratori dal danno subito dai contratti a termine?”. 
Esorbitanti anche le spese legali che nei primi 6 mesi dell’anno in corso, sembra superino già oltre 2 milioni euro. Un vortice senza fine – conclude la Roccatani – che fa salire vertiginosamente i costi a danno della qualità del servizio e conseguentemente degli utenti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Coronavirus, muore Pino Scaccia. L'addio di Vacana: ‘In Ciociaria lo avevamo premiato un mese fa’

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento