Politica

Mobilità sostenibile, tra le polemiche il primo passo compiuto verso il Pums del Capoluogo

All’assemblea pubblica ospitata dalla Casa della Cultura di Frosinone, alla presenza del sindaco Ottaviani e dell’assessora alla Polizia locale Graziani, non ha partecipato tra gli altri la critica associazione Frosinone Bella&Brutta

Nella serata di ieri, venerdì 2 ottobre, la Casa della Cultura di Frosinone ha ospitato l’assemblea pubblica in materia di Pums (Piano urbano della mobilità sostenibile), dalla quale ha preso le distanze, tra gli altri, Frosinone Bella&Brutta. Quest’ultima, dettasi non consultata e ignorata da anni al pari di altre associazioni ambientaliste e di promozione sociale, non ha partecipato perché sarebbe stato, come dichiarato dai suoi volontari, “un atto contraddittorio, ipocrita, inutile”.  

Dal palazzo comunale, invece, si parla dell’assemblea come di un primo e importante step verso l’adozione del piano. Oltre al sindaco del Capoluogo Nicola Ottaviani, vi hanno preso parte l’assessora alla Polizia locale Nohemy Graziani e il comandante dei vigili urbani Donato Mauro nonché Gabriele Astolfi e Alessandro Broccatelli di Leganet. Si tratta della società incaricata di redigere il piano "recependo le indicazioni della società civile - evidenzia l’amministrazione comunale - prima del passaggio in Consiglio comunale”.    

Ottaviani: “Ricevuti diversi spunti, strumento prezioso per giungere a una sintesi efficace” 

"L'amministrazione - dichiara il sindaco di Frosinone - ha ricevuto diversi spunti, in merito al tema della mobilità sostenibile, che forniranno uno strumento prezioso per giungere a una sintesi superiore ed efficace. L'incontro di oggi vuole testimoniare, inoltre, la necessità di lavorare al fine di cambiare lo stesso approccio alla mobilità e al trasporto”.  

“Possiamo fare investimenti e realizzare infrastrutture - aggiunge - come effettivamente stiamo facendo, appaltando e progettando, come nel caso delle piste ciclabili, del trasporto pubblico locale, della metropolitana di superficie, ed altri accorgimenti tecnologici. Ma tutto ciò sarebbe vano – fa presente in conclusione - senza un cambiamento di mentalità in ciascuno di noi, che proietti il cittadino verso la nuova dimensione di una mobilità sostenibile, che coincide con il miglioramento della qualità della vita". 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mobilità sostenibile, tra le polemiche il primo passo compiuto verso il Pums del Capoluogo

FrosinoneToday è in caricamento