menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il potenziale impianto a biogas di Frosinone

Il potenziale impianto a biogas di Frosinone

Biodigestore nel Capoluogo, Frosinone Indipendente rialza la voce: “Perché la Asl non si esprime?”

In vista dell’ultima seduta della Conferenza dei servizi, circa la valutazione dell’impatto ambientale del potenziale impianto a biometano in via Antonello da Messina, il gruppo di minoranza ritiene “un atteggiamento grave” quello dell'Azienda sanitaria

Il prossimo 9 aprile 2021 si svolgerà la terza e ultima seduta della Conferenza dei servizi tesa alla valutazione dell’impatto ambientale dell’impianto a biometano che la società Maestrale intende realizzare a Frosinone, in via Antonello da Messina. Al netto delle polemiche tra gli ambientalisti, dal “no categorico” dei Medici di famiglia per l’ambiente si è arrivati anche al parere contrario del Comune capoluogo. Anche il gruppo di opposizione Frosinone Indipendente, formato dal trio composto da Marco Mastronardi, Daniele Riggi e Fabiana Scasseddu, torna ad alzare la voce: “Perché - tuonano - la Asl non si esprime?”.

Impianto a biogas, Massimiliano Tagliaferri lo vorrebbe al posto dell’ex discarica di via Le Lame

Il resoconto della seconda seduta della Conferenza dei servizi

In occasione del secondo appuntamento, a cui ha preso parte altresì l’altrettanto critica associazione Frosinone Bella & Brutta, i tecnici comunali del Settore Ambiente e Mobilità hanno evidenziato “il mancato parere della Asl” rilasciando “parere negativo sul profilo sanitario” e richiamando anche “il principio di precauzione”.

Sulla scia dell’ampia documentazione fornita dai Medici di famiglia, l’amministrazione comunale di Frosinone lamenta la mancata valutazione delle potenziali emissioni in atmosfera e teme un forte impatto odorigeno in considerazione del centro abitato ad appena 900 metri. La proponente società Maestrale, dal canto suo, ha controbattuto che "non sono arrivate richieste specifiche in merito a quanto sopra evidenziato" e, in quanto alla vicinanza di varie abitazioni, ha fatto presente che "il progetto rispetta quanto normato dal Piano di gestione dei rifiuti". 

Frosinone Indipendente: “Asl? Atteggiamento molto grave”

“Leggendo gli atti – comunicano Mastronardi, Riggi e Scasseddu - abbiamo constatato che ad oggi la Asl, nonostante sia tra i soggetti convocati, non ha mai partecipato e non hai mai espresso un parere di propria competenza. Riteniamo che questo sia un atteggiamento molto grave, specialmente se si leggono le osservazioni al progetto rese dai Medici per l’Ambiente, che vertono esclusivamente sui rischi per la salute pubblica”.

“È possibile che la ASL ritenga di non doversi esprimere? – si chiedono e domandano - Chi se non l’Azienda che svolge la funzione pubblica di tutela e promozione della salute, potrebbe confermare o smentire se quell’impianto sia dannoso per i cittadini?”

“Siamo consci e per questo rispettiamo profondamente il duro sforzo che sta compiendo l’intero comparto sanitario per affrontare questa pandemia – precisano in conclusione - ma riteniamo che l’Azienda Asl debba comunque dedicare la giusta attenzione a questo procedimento. Far terminare i lavori della Conferenza dei Servizi in silenzio sarebbe inaccettabile e per questo chiediamo alla Direttrice Dr.ssa D'Alessandro di adoperarsi affinché ciò non accada”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lazio in zona gialla? I numeri dicono di sì, ma...

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento