Pd e Lista Cristofari, risposta infuocata al sindaco Ottaviani che viene 'difeso' da Scaccia

"Non ci abbandoniamo a una propaganda sterile e spicciola tanto cara e sbandierata da Ottaviani. Ci atteniamo ai fatti e esprimiamo un giudizio negativo sul suo inetto governo della città, dimostrabile a iosa."

Andrea Palladino

"Ottaviani, stai sereno" Circolo Pd di Frosinone e Lista Cristofari replicano al sindaco di Frosinone continuando il botta e risposta iniziato a seguito della convocazione dell'assemblea dei capigruppo consiliari. Un lungo intervento a suon di cifre stanziate da Governo e Regione per l'emergenza Coronavirus. Ma la nota del Pd e Lista Cristofari non è passata in sordina ricevendo una repentina risposta dal vicesindaco Antonio Scaccia che agli esponenti del Pd replica con un: “Vivono sulla luna, lontano dalla gente”.

"Ottaviani includente e in confusione"

"Non hai motivo di agitarti visto che sei venuto meno al tuo ruolo di garante della democrazia e delle regole che governano il Consiglio comunale. - si legge nella nota del Circolo - Il PD svolge il suo compito con serietà e con responsabilità, consapevole della drammatica situazione che il Paese attraversa causa il coronavirus. Non ci abbandoniamo a una propaganda sterile e spicciola tanto cara e sbandierata da Ottaviani. Ci atteniamo ai fatti e esprimiamo un giudizio negativo sul suo inetto governo della città, dimostrabile a iosa. Se c'è qualcuno che è inconcludente e in totale confusione è proprio Ottaviani. Convocare i capigruppo per una informativa, senza specificare di quale tipo di informativa si trattasse, e poi dichiarare spudoratamente che quella riunione era per concordare la convocazione il Consiglio comunale, significa cadere nella più assoluta confusione. Non poteva fare diversamente visto che era un atto compiuto fuori Regolamento, e a seguito delle proteste dei capigruppo PD, Lista de Cristofari e di tutta la minoranza, rifiutandosi giustamente di partecipare a un oscuro incontro. Maldestro e risibile (il bon ton! sic) il tentativo di Piacentini di mettere una pezza, il che porta a chiedersi chi ha ragione Piacentini o Ottaviani. Una contraddizione plateale e una perdita di tempo in cui Ottaviani piace crogiolarsi.

Città abbandonata e in difficoltà

Il PD esprime il suo assoluto imbarazzo e disappunto nel constatare che la città, già abbandonata a se stessa nel passato, lo è, tuttora, in un momento di estrema difficoltà, sapendo che il Governo, la Regione e la stessa Amministrazione provinciale, per quanto è di sua competenza, svolgono appieno il loro compito nel sostenere tutti i cittadini che stanno vivendo un considerevole disagio quotidiano. Di contro abbiamo un Ottaviani che vende gratuitamente fumo e solleva polveroni per nascondere la sua inefficienza e inconcludenza.

Provvedimenti del Governo

Consigliamo a Ottaviani di leggere e studiare bene i provvedimenti del Governo e della Regione per colmare le sue volute omissioni e dimenticanze. E il PD lo vuole aiutare per essere sicuri che ricordi bene e non scivoli nelle sue eterne contraddizioni e recuperi il tempo perso. Non vogliamo affaticare Ottaviani nello studio degli interventi governativi e regionali perché questi sono numerosi e Ottaviani rischia di perdersi nei meandri della sua fervida immaginazione. Ne citeremo pertanto solo alcuni, iniziando dal governo. Le domande di indennità di 600 euro sono state 4.772.478, pagate al 3 maggio 3.427.837; Le domande di Cassa integrazione al 3 maggio sono 173.565, di cui 85.046 sono state autorizzate dall'Inps e 29.000 sono state pagate a una platea di 57.975 beneficiari; 400 euro a famiglie in difficoltà. La regione ha stanziato, tra l'altro, finanziamenti per 10.000 euro per le imprese; 43 milioni per contributi all'affitto; 400 milioni per le aziende, buoni spesa per le famiglie indigenti; 2 milioni per il terzo settore; 13 milioni per opere Area industriale; 40 milioni per contributi da 200 a 600 euro per lavoratori e cittadini a rischio esclusione causa virus; Bonus di 600 euro per tirocinanti, bonus da 300 a 600 euro per golf-badanti, bonus 250 euro a studenti, bonus 600 euro a disoccupati, bonus 200 euro per Rider. Non andiamo oltre, non vorremmo distogliere Ottaviani dal suo gioco preferito che è quello di lanciare focosi anatemi, ma altrettanto inutili, nei confronti del PD e di quanti non tacciano nei suoi confronti.

Erogazione fondi a sostegno dello studio

Non possiamo fare a meno per rispetto dei cittadini, rammentare all'incauto Ottaviani impegnato nelle sue roboanti esternazioni, che grazie ai 400 euro finanziati dal governo, ha potuto fregiarsi del pregio di elargire questa somma tra i cittadini bisognosi, cui ha pensato il governo e non certamente Ottaviani, distratto a fare volteggi pindarici nei suoi comunicati. L'erogazione dei contributi di sostegno allo studio sono stati fatti dalla regione, Ottaviani non ci ha messo un solo euro, addirittura omettendo di citare la fonte regionale nel suo comunicato della corresponsione di borse di studio diverse da solidiamo con il solito tentativo maldestro di accaparrarsi meriti ed auto encomi. Forse Ottaviani si trovava in una stato confusionale, ché non sapeva nemmeno da dove gli venissero quei soldi. Proporremo alla Regione di stampare un vademecum per tutti i finanziamenti erogati in questi mesi e i provvedimenti adottati dalla Regione e dal Governo. Siamo sicuri che Ottaviani apprezzerà questa nostra iniziativa di modo che non farà più brutte figure di chi non sa, non conosce, e si possa dire che è persona informata dei fatti, e non giovarsi di fondi che non sono comunali. Il PD è abituato all'inerzia di Ottaviani, emulo in scala ridotta di Salvini, alla sua disattenzione e indifferenza nei confronti di chi, come il PD e suoi consiglieri e quelli di Lista Cristofari hanno ripetutamente avanzato in questi mesi, proposte, suggerimenti in uno spirito di totale collaborazione

Le propose avanzate al sindaco

Come nel caso dell’abbattimento del 100% della Cosap per tutte le attività interessate ed ampliamento della concessione delle metrature di occupazione del suolo pubblico, differire le tasse comunali, misure a sostegno dello sport e delle ASS. Sportive, mille tablet per i nostri studenti, avviare tempestivamente una ricognizione sullo stato di sicurezza degli plessi scolastici, creare un app per gli esercenti ambulanti, apertura delle attività commerciali fino alle 23, redigere una lista delle attività che offrono servizi a domicilio e di asporto, e tante altre proposte. Ottaviani, uomo di grandi capacità di governo, tutte ancora da dimostrare, non ascolta se non se stesso e, purtroppo, questo è un limite che danneggia la credibilità delle istituzioni. Quando uno, come Ottaviani, è sordo a tutto e tutti, si riduce a mestare l'acqua nel mortaio. Non sarebbe cosa grave, se non fosse che questa pratica, abbondantemente usata da Ottaviani, porta all'immobilismo di questa amministrazione con danno per i cittadini. Il PD si impegna a distogliere Ottaviani da questa assidua dedizione, a renderlo edotto di quanto sta avvenendo nel Paese e nella sua città, organizzando un incontro con rappresentanti del governo, così che avrà anche l'occasione di apprendere dalla diretta fonte il lavoro che esso sta svolgendo. E imparerà come si governa, qualità in lui molto carente. Il PD continuerà, e lo farà anche nel prossimo Consiglio comunale, a denunciare le mancanze dell'amministrazione Ottaviani e non si sottrarrà a avanzare proposte che possano essere accolte e discusse in un libero confronto nell'interesse della città".

Il vicesindaco Scaccia al Pd: "Vivono sulla luna"

“Alla nota del Pd di Frosinone, come al solito etereo e inconcludente – ha dichiarato il vicesindaco e assessore al commercio, Antonio Scaccia -  vale la pena rispondere sinteticamente, chiedendo se sono connessi con il Paese reale, oppure se continuano a guardare in modo disincantato le problematiche di vita quotidiana di noi terrestri, come chi utilizza il telescopio standosene comodamente sulla luna. Basterebbe parlare con la gente, in strada, senza rimanersene a pontificare su una tastiera, per scoprire, da parte loro, che migliaia di imprese non riusciranno ad aprire, milioni di lavoratori sono ancora in attesa di una cassa integrazione che non si sa da chi debba essere pagata, mentre il bazooka economico di Conte si è trasformato in una pistoletta ad acqua da luna park, poiché i soldi dalle banche, quelli veri, saranno presi sempre e solo dagli stessi, in barba a chi è davvero in difficoltà. Proprio per evitare di scendere sullo stesso livello, la raccomandazione migliore da fare ai consiglieri di maggioranza e agli assessori è quella di continuare a dividersi i compiti con la minoranza del Pd, come sempre, del resto, in modo netto e chiaro, evitando la duplicazione degli sforzi. Noi continuiamo ad occuparci di progetti, proposte, contenuti e soluzioni, mentre a loro lasciamo il privilegio e la solitudine delle chiacchiere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le scarpe della Lidl vanno a ruba anche a Frosinone: sold out in pochi minuti

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Paliano, è morto l’imprenditore Umberto Schina

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

  • Coronavirus, oggi si deciderà se la Ciociaria e il resto del Lazio entreranno in zona arancione o meno

  • Tentato omicidio in viale Mazzini, ecco cosa c'è dietro la tragedia di ieri notte

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento