menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lotta al bullismo: Magliocchetti a Zingaretti: "Si istituisca una Consulta"

"Potrebbero essere avviate iniziative sinergiche per coinvolgere tutti i territori provinciali ed ottenere risultati più efficaci"

Contrasto al dilagante fenomeno del bullismo. Il consigliere provinciale Danilo Magliocchetti si rivolge al presidente della Regione, Nicola Zingaretti per istituire una Consulta regionale del bullismo. Una richiesta già proposta in passato e che il consigliere Magliocchetti ripresenta con forza anche in seguito agli allarmanti episodi che continuano a manifestarsi a livello nazionale e regionale (ultimo quello avvenuto giorni addietro in una scuola di Velletri). 

Una pericolosa deriva sociale

Una misura necessaria per "arginare questa pericolosa deriva sociale" così scrive Magliocchetti nella sua missiva indirizzata a Zingaretti ricordando che "la Regione Lazio con la Legge 2 del 24 marzo 2016 ha opportunamente approvato un testo normativo che “Disciplina gli interventi per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del bullismo”. Una legge, questa, che prevede l'istituzione della consulta "al fine di creare una sinergia tra tutti gli attori che sul territorio possono contribuire a prevenire, gestire e contrastare il fenomeno del bullismo ed individuare percorsi di istruzione e di educazione alla prevenzione di ogni forma di bullismo e di disagio scolastico, è istituita, presso la Presidenza della Regione, la Consulta regionale sul bullismo, di seguito denominata Consulta". 

È prerogativa del presidente

"L’istituzione della Consulta - continua Magliocchetti - è una prerogativa del Presidente della Regione ed è costituita presso la Presidenza. Si tratta, quindi, di un organismo estremamente importante, ai fini dell’efficace e indispensabile contrasto ai fenomeni del bullismo e cyber bullismo. Attraverso la Consulta si potrà tracciare una mappatura del fenomeno, raccogliendo e aggiornando i dati provenienti dai territori provinciali.

Il dipartimento 3D di Frosinone

Proprio in provincia di Frosinone, presso la locale ASL, è particolarmente attivo un Dipartimento 3D “Disagio Devianza e Dipendenza”, che potrebbe fornire, come previsto dalla Legge, importanti e utili contributi per lo studio, analisi e prevenzione dei fenomeni. L’obiettivo è di predisporre un piano di azione integrato per il contrasto e la prevenzione del bullismo e del cyberbullismo e creare una sinergia tra tutti gli attori coinvolti, attraverso protocolli di collaborazione con gli enti statali, locali e con le istituzioni, nonchè convenzioni tra le scuole e le Asl. Riconoscere il bullismo non è sempre facile, soprattutto quando questo fenomeno si sviluppa in rete e attraverso il web. Con l’istituzione delle Consulta potrebbero essere avviate iniziative sinergiche per coinvolgere tutti i territori provinciali ed ottenere risultati più efficaci. Scuola, famiglia, associazioni ed istituzioni sono determinanti nella diffusione di un atteggiamento anche culturale che educhi al rispetto dell'altro e della diversità, al senso della comunità e della responsabilità collettiva".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento