Politica

Movida notturna, Riggi: "Bene il prolungamento delle emissioni sonore, ma si pensi anche alla mobilità"

Una città attrattiva per i giovani con servizi, iniziative ed eventi che evitino la "migrazione" verso mete più appetibili. La proposta del consigliere comunale

Una città che possa essere attrattiva per i giovani, offrendo loro più servizi ed evitandone la "migrazione" durante il fine settimana verso destinazioni più appetibili. È questo l'obiettivo dell'iniziativa a firma dell'assessorato al Commercio del comune di Frosinone che darà la possibilità agli esercenti di prolungare l'orario per le emissioni sonore. Una decisione che incontra il favore del consigliere comunale Daniele Riggi, da sempre portavoce delle istanze giovanili. In diverse circostanze, infatti, si è espresso sulla poca attenzione rivolta ai giovani frusinati che vorrebbero vivere la propria città, ma che troppo spesso sono scoraggiati nel farlo.

Due fasce orarie

Plauso dunque rivolto alla regolamentazione della movida (che ricordiamo vedrà la città divisa in due zone con distinte fasce orarie: fino all’1 all’interno dell’area ZTL ad alta densità abitativa; fino alle 2 per la restante area del territorio comunale) ma che per Riggi andrebbe accompagnata anche ad un servizio di mobilità notturna pensata ad hoc.

Il parere di Riggi

"Apprendo con piacere che l’assessorato al commercio del Comune di Frosinone anche quest’anno ha invitato gli esercenti commerciali presenti sul territorio a prolungare l'orario delle emissioni sonore nel periodo estivo, per consentire ai giovani frusinati di accendere la movida nel capoluogo ciociaro. Nel corso degli anni i weekend del capoluogo sono diventati sempre più noiosi per i giovani, al punto che molti ragazzi l'estate preferiscono emigrare verso le località balneari o di montagna più vicine per vivere la movida dei fine settimana.

La proposta

L'idea del prolungamento, quindi, è tutt'altro che peregrina ma per essere attutata concretamente, secondo il mio punto di vista, sarebbe necessario avere una mobilità pubblica notturna nel weekend, quindi delle corse ad hoc per i giovani del capoluogo che vogliono vivere la città anche di sera. La mobilità notturna consentirebbe ai giovani che non possono spostarsi con motoveicoli privati di muoversi nella città agilmente anche nel weekend e fino a tarda serata attraverso un servizio navetta. Inoltre, il trasporto notturno garantirebbe a quei ragazzi che hanno alzato un po' il gomito bevendo qualche bicchiere di troppo un ritorno a casa in tutta sicurezza, scongiurando pericoli lungo le strade della città.

L'idea del prolungamento degli orari per gli esercenti va bene ma bisogna coprire la città con eventi e iniziative che possano stimolare i giovani a rimanere nel capoluogo e, allo stesso tempo, garantire un trasporto notturno per invitarli a spostarsi nelle varie parti della città, attraverso il prolungamento dell'orario di servizio dell'ascensore inclinato e delle corse serali e notturne. Quanti giovani studenti stranieri dell'Accademia vediamo durante il weekend vagare senza una meta? Se avessero una mobilità notturna e degli itinerari da seguire credo che anche loro sarebbero contenti di conoscere la città e di vivere la movida assieme agli altri giovani del capoluogo. In fin dei conti, la volontà dei giovani di vivere con tranquillità e spensieratezza la città anche nel fine settimana è il miglior argine sociale a certi fenomeni di degrado che prendono piede quando la città rimane vuota e abbandonata a se stessa. La mobilità notturna, tra l’altro, è stata già sperimentata con successo in altre città italiane, basti pensare al progetto GIMO (giovani in mobilità) a Perugia e al progetto “ritorno al sicuro” con il bus notturno a Pescara. In conclusione, mi auguro, che la proposta di una mobilità notturna per i giovani sia presa in seria considerazione da parte dell'amministrazione, e che si possa, addirittura, partire con un tentativo sperimentale già durante questa estate".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Movida notturna, Riggi: "Bene il prolungamento delle emissioni sonore, ma si pensi anche alla mobilità"

FrosinoneToday è in caricamento