Moschea nel capoluogo, prosegue la battaglia di Fratelli d'Italia

"Crediamo che questo sia il momento di garantire e difendere le nostre tradizioni e la nostra cultura e di garantire il mantenimento della nostra identità"

Prosegue la battaglia condotta da Fratelli d'Italia di Frosinone per impedire la realizzazione di una moschea nel capoluogo ciociaro. Il secco No, ribadito non solo per la costruzione in viale America Latina ma anche in qualsiasi altra area ricadente nel territorio comunale, arriva, spiegano in una nota a firma del circolo cittadino: "Dopo aver verificato l’esistenza di una richiesta (ufficiale) di approvazione del progetto utile alla costruzione della Moschea per Frosinone e per il Lazio meridionale datato 24 giugno 2019".

I motivi del No alla costruzione

"Un fermo NO alla costruzione di un luogo di culto di tale grandezza e capienza in una zona residenziale, priva dei servizi minimi essenziali a partire dai parcheggi, come Viale America Latina è anche un NO alla costruzione della Moschea in qualsiasi luogo della città!  Come più volte ribadito dai vertici nazionali del nostro partito ed in prima persona da Giorgia Meloni il NO è, evidentemente, legato al momento storico che stiamo vivendo, è legato alla non conoscenza della provenienza dei fondi utili alla costruzione, è legato alla consuetudine di recitare le omelie nelle varie lingue arabe e non in lingua italiana celando di fatto i contenuti stessi e perché ad oggi la religione musulmana non rientra tra quelle che hanno firmato le intese con il Governo Italiano, e questo avviene in quanto la stessa Religione è di fatto in netta contrapposizione con le leggi dello Stato Italiano. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prosegue la raccolta firme

Crediamo che questo sia il momento di garantire e difendere le nostre tradizioni e la nostra cultura e di garantire il mantenimento della nostra identità, l’Europa sta lentamente perdendo spazi ed identità dimostrando che l’accoglienza senza limiti può essere la causa dell’eclissi dell’Italia e dell’Europa tutta!
La raccolta di firme continua, sabato 23 novembre dalle 16.00 alle 20.00 saremo a Via Aldo Moro, per dire NO alla costruzione della Moschea e per dire NO allo ius soli!"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento