Spazi fruibili per i giovani, Piacentini boccia la mozione di Pd e Lista Cristofari. La replica: "Siamo basiti"

L'affondo di Pizzutelli, Savo e D'Emilia: "La verità è che il comune di Frosinone non ha la benché minima idea sul da farsi, sul come affrontare queste problematiche che richiedono piani seri e concreti"

Bocciata dal presidente del Consiglio comunale di Frosinone, Adriano Piacentini, la mozione presentata dal consigliere del Pd, Angelo Pizzutelli, lo scorso 30 aprile, poichè ritenuta non pertinente con le competenze del consiglio comunale. Ricordiamo che la mozione aveva ad oggetto i "Diritti dei ragazzi e delle ragazze. Approccio sistemico e coordinato, educativo e sociale nella Fase 2 e successive del Covid-19 per il benessere relazionale della fascia 0-12 anni e benessere sociale delle famiglie". Sul pollice verso di Piacentini sono intervenuti sia il consigliere Pizzutelli che Vincenzo Savo, Capogruppo Lista Cristofari ed Antonella D’Emilia, Responsabile Regionale PD per le Politiche scolastiche, con i quali il capogruppo del Pd aveva elaborato la proposta.

"Argomenti che spettano al Comune"

"Restiamo davvero basiti su come il Presidente del Consiglio comunale possa giudicare non pertinenti i punti cardine, a margine della mozione, che impegnano la Giunta Ottaviani. Argomenti invece di evidente spettanza comunale che immaginiamo possano assorbire lavoro ed energie ma che vanno nella direzione auspicata e sollecitata dalle famiglie con figli e dagli addetti ai lavori del mondo scolastico e del terzo settore. Un Ente capoluogo deve saper farsi trovare pronto a ciò che é stato e sarà determinato dal Governo per come gestire al meglio l'immediato futuro sulla scorta di quanto sta avvenendo in tanti altri Comuni capoluoghi di Provincia e non solo come la supervisione nella creazione di campi estivi in assoluta sicurezza.

Punti ritenuti in contrasto

Ecco singolarmente i punti "ritenuti" in contrasto con le regole e normative nazionali:
Avviare da subito una mappatura degli spazi fruibili all’aperto nelle scuole, degli spazi aperti in città, dei parchi presenti in citta’, dei centri sportivi comunali, degli oratori con aree esterne per consentire lo svolgimento di attività che permettano ai bambini di fare della sana pratica educativa, ludica e fisica stando all’aperto, riducendo ogni rischio legato al contagio, con adozione di adeguate modalità di prevenzione. impostare una relazione permanente e pianificare incontri calendarizzati con le realtà cooperative/associazionismo che si occupano di minori e delle attività educative, ludico ricreative e connesse alla loro cura, benessere, formazione; avviare una relazione costruttiva coi dirigenti scolastici per prevedere la messa a disposizione delle aree all’aperto delle scuole, ove presenti; mettere insieme politiche di conciliazione, domiciliarità e nuove forme dell’assistenza per i bambini disabili; prevedere da parte degli assessorati comunali preposti, un coordinamento delle attività tra il terzo settore e le Istituzioni Scolastiche; prevedere la richiesta di sostegno economico per le realtà territoriali private e non del terzo settore alla Regione Lazio, per la realizzazione di progetti educativi e ludico-sportivi; a dare sostegno, qualora non fosse gia’ stato fatto, alle iniziative che l’ANCI intende portare avanti presso il Governo e relative al coinvolgimento dei Comuni per le azioni riferite ai settori dell’infanzia e della scuola da porre in essere nell’avvio della “Fase 2”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'affondo: "Non hanno idea sul da farsi"

Tutte le proposte dunque fanno riferimento allo spirito di iniziativa e progettuale di una amministrazione cittadina capace di andare incontro alle esigenze delle famiglie, dell'Infanzia, per la sicurezza degli spazi socio-educativi. La verità è che il comune di Frosinone non ha la benché minima idea sul da farsi, sul come affrontare queste problematiche che richiedono piani seri e concreti, sia per condividere nel concreto centri estivi in sicurezza non appena il governo darà l'ok, sia per le stesse scuole in vista della loro riapertura in totale sicurezza a settembre. Sempre ultimo il comune frusinate, per sensibilità sociale e soprattutto programmazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento