Forza Italia continua a perdere pezzi in Ciociaria, Ciccone passa con Toti

L’ex coordinatore azzurro della provincia di Frosinone annuncia con una nota la sua decisione di lasciare il partito di Berlusconi dopo 25 anni di militanza

Tanto tuonò che alla fine piovve. Forza Italia cosi come sta avvenendo da tempo in tutta Italia anche in Ciociaria continua a perdere pezzi da novanta in favore del nuovo Movimento Cambiamo con al vertice il presidente della Liguria Giovanni Toti.

Questa volta la decisione, dopo oltre un mese di riflessione e dopo aver definito il partito di Berlusconi un partito “bloccato e non propenso ai cambiamenti del futuro”, l’ha presa Tommaso Ciccone, coordinatore provinciale dimissionario di Forza Italia, ed attuale sindaco di Pofi. Nelle settimane scorse il passaggio era stato annunciato dagli altri ex vertici di Fi Abbruzzese e Pasquale Ciacciarelli (consigliere regionale)

Le parole di Tommaso Ciccone

“Sono state settimane difficili, fatte di riflessioni e ricordi di un partito nel quale ho militato per 25 anni: Forza Italia. In tempi di sole, così come in quelli di tempesta, sono sempre rimasto fedele alla bandiera, a quei valori per me irrinunciabili, quelli liberali e moderati. Così come me, tanti amici, amministratori e simpatizzanti. Ad oggi, però, abbiamo certificato tutti l’incapacità del partito di Silvio Berlusconi di rigenerarsi, di rompere con i cerchi magici e i nominati, puntando sul merito, sulla militanza, sul consenso territoriale.

Necessario un cambio di passo

Per guardare al futuro, quindi, si rende necessario un cambio di passo. Abbiamo tentato di cambiare Forza Italia dall’interno. C’è stato un congresso in cui sono stato democraticamente eletto coordinatore provinciale, che non è stato rispettato, commissariando, di fatto, qualche mese dopo, il partito e la sua struttura territoriale con una sortita orchestrata a livello regionale. Non è stato sicuramente un buon segnale da inviare a chi per il partito si è sempre speso, portando, in ogni competizione elettorale, fra i migliori risultati registrati a livello nazionale. Forza Italia ha deciso di morire, ma noi non possiamo permettere che, con essa, muoia un’intera classe dirigente, muoiano gli ideali e la voglia di fare politica sul territorio dei nostri amministratori e attivisti.

La decisione di aderire a “Cambiamo”

Per questi motivi ho deciso di aderire con convinzione al movimento del governatore ligure Giovanni Toti “Cambiamo!”, certo che questa sia la strada giusta da intraprendere per scrivere, insieme, una nuova pagina di buona politica, soprattutto in un contesto nazionale così confuso e travagliato. Sono già impegnato, con Abbruzzese e Cicciarelli, insieme agli altri amici, per organizzare il movimento e contribuire alla sua crescita in provincia di Frosinone”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento