menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Multa da 50 euro per chi lascia il terreno nell'incuria, per Angelo Pizzutelli sono troppo pochi

Il capogruppo del Pd invia la sua proposta di modifica del regolamento all'assessore Francesca Chiappini. "L'entità della sanzione è iniqua ed irrisoria"

Troppo pochi 50 euro di multa per sanzionare i proprietari dei terreni e siti abbandonati lasciati nell'incuria soprattutto se si considera che non si tratta di una cifra proporzionata alla grandezza della proprietà e che per molti è più vantaggioso pagare la multa che sostenere le spese per la pulizia.  È questo il succo dell'intervento del consigliere comunale di Frosinone, Angelo Pizzutelli, che indirizza all'assessore alla Polizia Locale, Francesca Chiappini, la sua proposta di modifica dell'ordinanza a firma del sindaco Nicola Ottaviani, la numero 207/2019 con validità fino al prossimo 31 dicembre. 

Meglio pagare la multa

"Iniqua e irrisoria - commenta il capogruppo del Pd - l'entità della sanzione che sostanzialmente equipara ad euro 50 la grandezza degli stessi terreni o dei siti colpevolmente abbandonati. Non essendo direttamente proporzionale all'estensione degli stessi, risulta facile intuire come i titolari di grandi proprietà possano optare per il pagamento della piccola sanzione anziché sborsare qualche centinaio se non migliaio di euro per la pulizia degli stessi. Il risultato è stato ed è sotto gli occhi di tutti con erbacce e sporcizia". L'ordinanza comunale va dunque rivista con solerzia andando a rivalutare la somma della sanzione da comminare ai trasgressori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Lazio rischia di tornare in zona arancione dal 17 maggio. Ecco perché

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Mostre

    Veroli, Daimon - mostra d'arte

  • Eventi

    Frosinone, “CicchiAMO”

  • Eventi

    Alla scoperta di Ferentino sconosciuta

  • Eventi

    Ciaspolata su Colle Le Lisce e Monte Cotento

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento