Giovedì, 17 Giugno 2021
Politica

Ciacciarelli a capo della Commissione ‘Vigilanza pluralismo informazione’. A Battisti gli Affari istituzionali

Concluso il rinnovo dei presidenti degli organismi consiliari del Lazio. Marcelli vice di Battisti e nell'Emergenza Covid. A Colosimo la Trasparenza voluta per via di Concorsopoli dal dem ciociaro Buschini, che ha rifiutato qualsiasi presidenza

I consiglieri regionali Pasquale Ciacciarelli (Lega) e Sara Battisti (Pd), rappresentanti della provincia di Frosinone

Nella mattinata di oggi, mercoledì 12 maggio 2021, si è concluso il rinnovo delle presidenze delle Commissioni permanenti del Consiglio regionale del Lazio. Sono due i ciociari nominati a capo di organismi consiliari.

Ieri era stata la volta di Pasquale Ciacciarelli (Lega), da San Giorgio Liri. È diventato presidente della Commissione Vigilanza sul pluralismo dell’informazione (II) e vice della Commissione Cultura (V) che aveva sinora presieduto. Passa di fatto da un organismo solitamente trainato dalla maggioranza a uno tipicamente affidato all'opposizione.

In giornata poi l’investitura di Sara Battisti (Pd), che è originaria di Fiuggi e guiderà la I Commissione: Affari costituzionali e statutari, affari istituzionali, partecipazione, risorse umane, enti locali, sicurezza, lotta alla criminalità e antimafia. Della stessa era stata fino a questo punto vicepresidente.

Uno dei due vice di Battisti è Loreto Marcelli (Movimento 5 Stelle), da Sora. Ed è anche vicepresidente della neo Commissione speciale Emergenza Covid-19 capeggiata da Paolo Ciani. In precedenza lo era della Commissione Sanità. 

L’ex presidente del Consiglio regionale Mauro Buschini, invece, ha rifiutato qualsivoglia presidenza o vicariato per via della vicenda di Concorsopoli, che lo ha già spinto a dimettersi come “direttore d’orchestra”. Come presidente della nuova Commissione Trasparenza e pubblicità (XIII), voluta dallo stesso Buschini per garantire “massima chiarezza” sulle assunzioni in Consiglio regionale tramite il concorso di Allumiere, è stata nominata Chiara Colosimo (FdI).

In occasione dell’istituzione di tale Commissione, avallata dall’assise regionale lo scorso 26 aprile, Colosimo l’ha definita “una slavina innescata da Concorsopoli”. Che, a detta della consigliera regionale di Fratelli d’Italia, avrebbe dovuto motivare le dimissioni del presidente Nicola Zingaretti. In ogni caso, secondo lei, la Commissione è arrivata “in netto ritardo” anche in relazione alla truffa delle mascherine. “Un anno fa, a quest’ora, si negava da parte della maggioranza qualsiasi accusa - ha lamentato Colosimo - ma poi ci si è dovuti arrendere all’evidenza della truffa subita da parte della Regione”.

Ciacciarelli: “Ringrazio tutto il centrodestra per la compattezza dimostrata”

“Una presidenza alla quale stavo pensando da molto tempo - ha dichiarato il neo presidente della Commissione Vigila-informazione Pasquale Ciacciarelli - Ringrazio il gruppo della Lega, il capogruppo Tripodi e i miei colleghi consiglieri regionali, ma soprattutto ringrazio tutto il centrodestra per la grande compattezza che ha dimostrato in questa elezione dandomi l’onere e l’onore di rappresentarli in questa commissione”.

“Che è nevralgica soprattutto per sorvegliare le varie testate di comunicazione del Lazio - ha aggiunto in conclusione - Quindi i fondi che vengono attribuiti ma soprattutto la parità e la par condicio rispetto alle informazioni che vengono drenate dal Consiglio regionale e dalla Regione Lazio. Soprattutto una sorveglianza su tutta una serie di comunicazioni anche distorte che possono essere messe in piedi a danno di alcuni personaggi. Il mio lavoro sarà sicuramente equilibrato e in rispetto del mandato affidatomi dagli elettori della provincia di Frosinone”.  

Battisti: "Elezione importante anche perché in rappresentanza della Ciociaria"

“Proseguirò, insieme agli altri membri, il lavoro svolto dal Presidente Rodolfo Lena - così la neo presidente della Prima Commissione Sara Battisti - che ha portato a termine la riforma delle aziende speciali alla persona (Asp), ha lavorato in maniera stringente sui temi della legalità e riprenderemo da subito gli incontri da lui promossi con le Comunità Montane. Insieme ai commissari saremo subito attivi per realizzare delle riforme organiche a sostegno degli enti locali, per il tramite di un lavoro che dovrà essere concertato con le amministrazioni con cui attiveremo delle riunioni da calendarizzare nel breve periodo.

"Il mio e nostro impegno è al fianco dei Sindaci e degli amministratori che in questi mesi hanno combattuto in prima linea la battaglia al Covid-19: con loro dobbiamo studiare le chiavi per una ripartenza sociale ed economica, in tutta sicurezza.Sono i Sindaci e gli amministratori i primi ad avere contezza di quanto effettivamente c’è da fare per aiutare le nostre comunità. Implementeremo altresì, una gestione dell’agenda politica volta alla lotta alle mafie, alla criminalità, alla sicurezza. Sappiamo che queste tematiche sono cruciali in questo periodo di emergenza pandemica che sta mettendo sotto scacco i cittadini con gravi problematiche legate, ad esempio, all’usura e alla micro-usura, nonché a possibili ingerenze mafiose, soprattutto nelle aziende".

"Questa elezione è importante anche perché vuol dire rappresentanza per la Provincia di Frosinone: un lavoro che viene da lontano grazie ad una squadra importante e rappresentativa che nel Partito Democratico ha visto crescere e formarsi una classe dirigente all’altezza delle sfide che ci attendono. Grazie al sostegno dei cittadini del territorio che mi hanno eletta. Ora andiamo avanti per la ripartenza". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ciacciarelli a capo della Commissione ‘Vigilanza pluralismo informazione’. A Battisti gli Affari istituzionali

FrosinoneToday è in caricamento