Venerdì, 24 Settembre 2021
Politica Paliano

Paliano, tre domande al candidato sindaco Tommaso Cenciarelli

Intervista al già vicesindaco in campo con una squadra civica e con il motto "Il nostro sogno si chiama Paliano"

Il 2019 vedrà i cittadini di ben 38 comuni della provincia di Frosinone recarsi alle urne per il rinnovo di sindaci e consigli comunali. Protagonista della prossima tornata elettorale sarà anche il comune di Paliano di cui già si conosce il futuro candidato a sindaco, l’avvocato Tommaso Cenciarelli. Sarà lui a sfidare con molta probabilità il sindaco uscente Domenico Alfieri, segretario provinciale del Pd, che al momento, è bene precisare, non ha ancora dato ufficialità della sua candidatura. Il già vicesindaco e consigliere di opposizione ha invece annunciato la sua scesa in campo durante la conferenza dello scorso 20 ottobre.

"Il nostro sogno, si chiama Paliano"

“Il nostro sogno si chiama Paliano” questo lo slogan della campagna che, ci spiega Cenciarelli, non vuole essere uno spot fine a se stesso, ma la premessa di un progetto futuro serio, concreto e realizzabile. Pensare ad oggi volgendo uno sguardo al futuro, potrebbe essere questa la sintesi che racchiude il programma politico di Cenciarelli e della sua squadra. “Una squadra civica e trasversale, - così la descrive nell’intervista a noi concessa - che ha al suo interno professionisti, volontari ed ex amministratori di varie estrazioni politiche dal centrodestra al centro sinistra. Questo perché ciò che ci preme è dar valore alle competenze di ognuno”.

L'intervista esclusiva all'avvocato Cenciarelli

Lo abbiamo incontrato incuriositi dalla presentazione letta sulla pagina web creata in vista delle elezioni. Un racconto che riesce a far emergere soprattutto il lato umano del personaggio politico quello che, senza tanti giri di parole non vuole “tediare i lettori” con l’immagine del candidato perfetto, una perfezione che svanisce nel post voto. “Quello che non sapete lo potete leggere nella biografia, o ancor meglio potete chiedermelo di persona quando mi trovate in giro” si legge e allora noi glielo abbiamo chiesto.

Chi è Tommaso Cenciarelli?

Tommaso è un ragazzo di trentacinque anni, avvocato, che vanta una nutrita esperienza politica che lo ha visto ricoprire il ruolo di vicesindaco, assessore ai Lavori pubblici e consigliere di opposizione. Una passione, la sua, nata già in età preadolescenziale e maturata nel corso degli anni che lo ha portato a militare prima in Azione Giovani, poi nel Pdl e da qualche tempo in Forza Italia. Un amore smisurato per la politica e per il volontariato. Di certo non è una novità dire che fa parte attiva della Protezione Civile di Paliano, è donatore di sangue Avis, una decisione presa dopo una tragedia che lo ha coinvolto da vicino, ed è sempre pronto in prima linea quando si tratta di raccogliere aiuti per chi ne ha bisogno.

Perché hai scelto di candidarti alle prossime Amministrative?

“Innanzitutto io e la mia squadra vogliamo fornire, e ci sentiamo pronti a farlo, una valida alternativa all’attuale Amministrazione che non ha mai coinvolto l’opposizione nelle scelte importati per la città, la questione inerente alla gestione della Selva ad esempio, e che si sta distinguendo per la mancata manutenzione ordinaria e straordinaria. Paliano sta conoscendo un degrado urbano che non ha mai visto in passato. Non ha realizzato alcuna opera pubblica se non quelle lasciate in eredità dalle passate Amministrazioni ed il rifacimento del manto erboso del campo sportivo per il quale ha acceso un mutuo consistente andando ad indebitare le casse comunali. È come se abbiano navigato alla giornata, non sono riusciti a trasmettere quell’entusiasmo di cui la nostra città ha bisogno e che di sicuro ci appartiene. Non in ultimo questa Amministrazione ha provocato una paralisi delle attività degli uffici”

Quale saranno le prime azioni da intraprendere da eletto?

“La prima cosa da fare è una ricognizione con i singoli capisettore, nessuno più di loro conosce le problematiche pendenti nei diversi uffici comunali. Altra questione sulla quale è necessaria intervenire nell’immediato è la riorganizzazione della polizia locale, bisogna potenziarla, così come bisogna potenziare gli operai dell’ufficio tecnico e l’ufficio tecnico stesso. Paliano ha bisogno di un programma a lungo termine. Chi la governa deve ragionare nell’ottica di una prospettiva futura ed essere precursore dei cambiamenti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paliano, tre domande al candidato sindaco Tommaso Cenciarelli

FrosinoneToday è in caricamento