Domenica, 24 Ottobre 2021
Politica

Paliano, il Pd si riorganizza con la “Staffetta Democratica”. La D'Aquino eletta segretaria e Massimo Lulli presidente

"La scelta unitaria è il grande successo di un gruppo di iscritti e dirigenti locali, che ha l’ambizione di portare il partito democratico ad essere di nuovo la più forte e coesa forza politica del paese"

Si è tenuto l’Agriturismo Fattoria Celletti , a Paliano, il congresso del circolo locale, che ha visto la ricostituzione del circolo e il rinnovo di tutti gli organismi dirigenti. E’ in questa occasione che è stato presentato agli iscritti il manifesto del gruppo denominato Staffetta Democratica, che il congresso si svolgesse appena conclusa la campagna per il tesseramento.

 “Staffetta Democratica”, è un grande progetto politico  e di partecipazione,  rivolto a tutti gli iscritti del Partito Democratico, ma non solo.  L’idea della staffetta nasce dalla volontà di creare un “circuito” dove ognuno possa contribuire secondo le proprie possibilità, formarsi, crescere, proporre, sognare e realizzare, per poi lasciare il testimone al compagno successivo e iniziare di nuovo una corsa, che avrà tanti partecipanti, tanti obiettivi e quindi tanti risultati.

Non appartiene al progetto “ Staffetta Democratica” la logica del pensiero unico o dell’uomo/ Donna solo/a al comando, viceversa essa si basa su uno dei fondamenti del principio democratico: il confronto e la discussione, necessari per il raggiungimento di una sintesi democratica e partecipata.

"L’obiettivo - si legge in una nota inviata alla stampa - è quello di coinvolgere l’intera comunità democratica in uno scambio di idee ed esperienze, che avrà sicuramente come risultato finale, l’arricchimento e la crescita di tutti i soggetti coinvolti. Uno scambio intergenerazionale che darà valore al merito, alle competenze e alle proposte dei singoli, che si muoveranno non più come tali, ma come un gruppo coordinato e coeso, dando risposta a diverse esigenze.

La prima è quella di riportare al centro dell’agenda politica del partito democratico locale temi cruciali da troppo tempo “latenti:” scuola, formazione, ambiente, cultura, sviluppo e tutela del territorio, legalità, parità e diritti.” I dettagli del programma sono contenuti in un manifesto di idee che è stato consegnato alla presidenza del congresso, e che verrà ampliato, approfondito e condiviso con tutti i membri del direttivo neo costituito. Il dato politico significativo del congresso di ieri è che dopo anni, il direttivo locale è di nuovo rappresentativo di tutte le sensibilità del Pd.

Inoltre, l’elezione all’unanimità di tutte le cariche apicali e dei membri del direttivo, in una lista unitaria  è stata possibile grazie all’opera di concertazione svolta dalla federazione provinciale e dal segretario Luca Fantini e in primis al senso di responsabilità del gruppo “staffetta democratica”, che pur esprimendo la maggioranza degli iscritti ed avendo al suo interno diverse figure che potessero rappresentare il partito in maniera unitaria, nuova e competente, ha deciso di stringersi intorno alla figura altrettanto valida di Maria Grazia d’Aquino, eletta neo segretaria, nell’ottica di un processo politico di condivisione e massima apertura, a discapito della politica deleteria dei veti incrociati e dei personalismi estremi. 

E’ così che staffetta democratica ha espresso oggi la figura del Presidente Massimo Lulli uomo di lunga  esperienza politica, del Vice segretario Giordano Graziani giovane determinato, capace e appassionato, 14 su 22 membri del direttivo locale, racchiudendo in sé personalità di spicco come l’assessore Eleonora Campoli, la dottoressa Lucia Prati, l’ing. Stefano Pacciani, Giancarlo Massimi e tanti altri iscritti storici e nuovi militanti, in un giusto mix di esperienza e rinnovamento, che sarà da stimolo e supporto all’azione dell’intero partito con lealtà, dedizione e passione.

L’obiettivo principale è quello di partecipare e tornare a far politica in maniera attiva e propositiva, in un luogo di confronto e discussione democratica che dia spazio a tutti. Il partito torna ad essere un collettore di idee e catalizzatore di nuove energie e proposte per il territorio. Supporto costante, ma anche occhio vigile e attento sull’operato dell’amministrazione, che oggi ci rappresenta in consiglio comunale.

La scelta unitaria è il grande successo di un gruppo di iscritti e dirigenti locali, che ha l’ambizione di portare il partito democratico ad essere di nuovo la più forte e coesa forza politica del paese. Perché ci si salva e si va avanti solo se si agisce insieme e non solo uno per uno!

Staffetta democratica si presenta come un movimento “aperto” di aggregazione e condivisione e fa appello a tutti gli iscritti, i militanti e i simpatizzanti del partito democratico ad aderire e partecipare alle attività.   

Gli auguri del presidente Fantini

“Sono molto soddisfatto - ha dichiarato il segretario provinciale Luca Fantini - per il risultato del congresso di ieri. È stata un’assemblea molto partecipata, con decine di iscritti e iscritte. Una bella serata di condivisione e politica, frutto di una squadra nuova che unisce l’esperienza politica e amministrativa con l’entusiasmo dei giovani. Non posso far altro, dunque, che fare il mio personale in bocca al lupo e quello di tutta la comunità democratica a Maria Grazia D'aquino, eletta all’unanimità Segretaria del circolo del Partito Democratico Paliano. Buon lavoro anche a Massimo Lulli e Giordano Graziani, eletti rispettivamente Presidente e Vice Segretario”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paliano, il Pd si riorganizza con la “Staffetta Democratica”. La D'Aquino eletta segretaria e Massimo Lulli presidente

FrosinoneToday è in caricamento