Peperone dop Pontecorvo, Coldiretti: “campagna amica pronta a commercializzarlo in tutta Italia”

Aldo Mattia: "necessario aumentare la produzione"

"Anche i mercati di Campagna Amica possono commercializzare il peperone dop, ma servono maggiori quantitativi. La produzione attuale è insufficiente per assicurare gli approvvigionamenti necessari a garantire la continuità nelle forniture. Vi invito ad aumentare le coltivazioni, per poter trasformare un ortaggio in uno strumento di crescita dell’economia locale”.

È l’appello che Aldo Mattia, direttore della Coldiretti del Lazio, ha rivolto agli imprenditori agricoli nel suo intervento al convegno che ha inaugurato, a Pontecorvo, la seconda edizione della festa del peperone. Ad aprire i lavori il sindaco Anselmo Rotondo. A fare gli onori di casa l’assessore comunale all’agricoltura, Nadia Belli, che ha indossato un cappello di paglia impreziosito da una raffinata decorazione a tema.

Consorzio di tutela

“Il consorzio di tutela, prossimo al definitivo riconoscimento ministeriale, ha svolto finora uno straordinario lavoro di costruzione del sistema produttivo sviluppando, in collaborazione con le università, ricerche agronomiche e sperimentazioni tecniche per elevare gli standard qualitativi di un prodotto già eccellente. Ma ora – ha aggiunto Mattia – bisogna mettere a regime la macchina, cooptando nella filiera i giovani produttori pronti ad avviare nuove coltivazioni e intensificando le relazioni per individuare nuovi canali commerciali sui quali proporre, a più redditizie condizioni economiche, i maggiori quantitativi del cornetto”.

Depositato lo statuto del consorzio

Il consorzio ha depositato il nuovo statuto e potrà presto operare nella piena legittimità e nel pieno esercizio delle proprie prerogative, tra cui quella di intercettare finanziamenti europei per consolidare la strutturazione del sistema produttivo.

“È vero. Dobbiamo imparare – ha detto Luigi Castrechini, presidente in pectore del consorzio di tutela – a vendere meglio il nostro prodotto, uscendo dalla logica del mercato locale. Il peperone deve uscire da Pontecorvo per essere commercializzato presso un pubblico più vasto, pronto a spendere qualcosa in più perché consapevole del grande lavoro che c’è dietro la sua qualità”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Deve nascere consorzio per la valorizzazione

Oltre a quello di tutela, sarà necessario istituire anche il consorzio per la valorizzazione del peperone dop. “È il nostro prossimo obiettivo” ha anticipato Luigi Castrechini. Sia Rotondo che Belli hanno ribadito “il massimo impegno istituzionale a sostegno di un progetto strategico per le sorti dell’economia cittadina”.   
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, commerciante beve acido muriatico e rischia di morire

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento