menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza carceri, il Provveditore annuncia 20 unità per la provincia di Frosinone ma potrebbero non bastare

Ieri l'incontro con il consigliere regionale Pasquale Ciacciarelli. Sovraffollamento, carenza dell'organico, sicurezza degli agenti sono i temi affrontati. Ipotizzata la possibilità di un incremento di posti nelle Rems

Qualcosa si smuove sul versante carceri in provincia di Frosinone. La strada è ancora lunga e decisamente tortuosa ma dall'incontro avvenuto ieri tra il consigliere regionale di Forza Italia Pasquale Ciacciarelli ed il Provveditore dell'amministrazione penitenziaria del Lazio, Abruzzo, Molise, pare siano emersi alcuni segnali positivi o quanto meno è stato preso atto della situazione pesantemente critica. 

L'incontro

“Ho sottoposto alla sua attenzione le criticità registrate nel corso dei mesi inerenti la situazione carceraria nel Lazio ed in Provincia di Frosinone" commenta Ciacciarelli - Presente all’incontro anche il dottor Fabio Vanni, direttore dell’Ufficio Detenuti del Provveditorato. La situazione carceraria nel Lazio versa in uno stato di sofferenza a causa del sovraffollamento, della carenza di organico e, di conseguenza, del problema sicurezza. Nel corso dell’incontro ho rappresentato le criticità relative alla carenza di organico.

Più unità ma che non bastano

Il Provveditore ha preso atto di queste criticità già note agli uffici ed ha anticipato l’ingresso di circa 194 unità per le tre Regioni, Lazio, Abruzzo, Molise, di cui 140 circa nel Lazio, e circa 20 in Provincia di Frosinone". Ma le unità di organico richieste superano di gran lunga quelle che dovrebbero arrivare. Durante la protesta che ha avuto luogo a fine maggio davanti al penitenziario di Frosinone, i sindacati avevano fatto riferimento alla necessità di un incremento  pari a 70 unità.

Ipotesi più posti nelle Rems

"Abbiamo anche ipotizzato la possibilità di incremento di posti nelle attuali Rems.- continua Ciacciarelli - Inoltre, si è pensato di poter strutturare in un arco di tempo ragionevole delle strutture di medio livello, a metà tra il carcere e le Rems, strutture private in convenzione con la Regione che ospitano detenuti con medie criticità dal punto di vista riabilitativo e problemi psichiatrici. Ho, inoltre, assunto l’impegno di rappresentare all’attuale Ministro di Grazia e Giustizia Alfonso Bonafede tutte le criticità che si registrano da tempo nelle carceri del Lazio. La sinergia tra gli enti del territorio è indispensabile, al fine di ricercare prontamente risposte concrete alle esigenze dei comparti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento