menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Regione, con Seresmi rafforzato ruolo Spallanzani contro malattie infettive

Emanato il decreto a firma del Commissario Nicola Zingaretti con il quale si rafforza il ruolo delI'Inmi Spallanzani come architrave del sistema sanitario regionale contro le malattie contagiose. Con il decreto del 25 settembre lo storico ospedale...

Emanato il decreto a firma del Commissario Nicola Zingaretti con il quale si rafforza il ruolo delI'Inmi Spallanzani come architrave del sistema sanitario regionale contro le malattie contagiose. Con il decreto del 25 settembre lo storico ospedale sulla Portuense viene infatti riconosciuto come Servizio regionale di epidemiologia, sorveglianza e controllo per le malattie infettive (Seresmi). Il nuovo ruolo affidato allo Spallanzani nasce dal bisogno di mettere in campo una rete di studio, prevenzione e controllo di malattie come l'ebola, ma anche di sorveglianza rispetto alla ricomparsa di patologie infettive che si ritenevano definitivamente debellate, come la Tbc, e che invece sono tornate ad essere diffuse viaggiando a rimorchio del grande fenomeno migratorio in atto e proveniente dai paesi più poveri. La sede del Seresmi sarà presso lo Spallanzani ed il suo compito sarà quello di mettere in campo politiche attive per migliorare la sorveglianza attraverso lo studio epidemiologico dei dati forniti dalla rete informativa e così migliorare anche la capacità di risposta del sistema in termini di efficacia e tempestività, e nel definire programmi di controllo e prevenzione. Affidata al Seresmi anche la produzione ed elaborazione di statistiche e di un bollettino epidemiologico. La nuova struttura dovrà coordinare gli interventi delle Aziende Sanitarie volti a prevenire l'insorgere e la diffusione di malattie infettive o parassitarie. Il perimetro d'azione del Seresmi è definito nei 10 articoli che compongono il protocollo d'intesa firmato dalla Regione con l'Inmi Spallanzani.

"Nel circuito della sanità regionale abbiamo una struttura, riconosciuta come d'eccellenza in campo nazionale ed internazionale per quanto attiene le malattie, contagiose e parassitarie - dice Zingaretti - che vogliamo valorizzare perché può rappresentare la marcia in più del nostro sistema e per garantire una sorveglianza ed un'azione preventiva fatta di grande competenza a tutto vantaggio della serenità dei nostri cittadini"

LAVORO: REGIONE LAZIO INCONTRA LAVORATORI CANADOS DI OSTIA

"Si è tenuto oggi presso l'assessorato al Lavoro della Regione Lazio un incontro con una delegazione degli 80 lavoratori del cantiere nautico Canados di Ostia che da oltre tre anni, fino al 31 dicembre, sono in cassa integrazione. Preoccupati per il loro futuro hanno iniziato, da una decina di giorni, a presidiare i cancelli di ingresso dell'azienda.

La Canados è un'azienda storica e costituisce un'eccellenza per il territorio e la sua eventuale chiusura sarebbe l'ennesimo duro colpo all'economia di tutta la zona.

E' intenzione della Regione Lazio aprire entro pochi giorni un tavolo di confronto istituzionale per vagliare ogni soluzione utile a favorire il rilancio dell'azienda e la salvaguardia dei livelli occupazionali.

Al fine di approfondire preliminarmente ogni aspetto della vicenda, la Regione ha richiesto ai vertici dell'azienda un incontro bilaterale già per la prossima settimana". Lo dichiara in una nota la Regione Lazio.

EXPO 2015, SIMEONE (FI): "BENE GLI OLTRE 4 MILIONI INVESTITI DA ZINGARETTI MA VOGLIAMO I RISULTATI"

"I fuochi d'artificio non ci piacciono, a noi piace il fuoco che fa arrosto. Zingaretti dà i numeri, noi contiamo e vogliamo vedere gli effetti, vogliamo i risultati perchè è questo che le imprese ci chiedono. La giunta regionale del Lazio ha stanziato 4 milioni e 500 mila euro per la partecipazione ad Expo 2015. Una decisione che condividiamo perché in questo momento di grande crisi economica investire nella promozione e nella valorizzazione dei prodotti di eccellenza che i nostri territori esprimono è fondamentale per gettare le basi di una ripresa. Tuttavia, data anche la consistenza delle risorse investite, credo sia determinante comprendere quali siano i reali benefici che le imprese e tutto il tessuto produttivo possono ottenere da queste scelte. E' importante avere, e vogliamo avere, un monitoraggio non solo delle azioni che saranno messe in campo per Expo 2015 ma soprattutto vogliamo un report preciso dei risultati che queste hanno portato all'economia del Lazio e delle sue province. Solo in questo modo è possibile comprendere l'efficacia delle scelte compiute sinora ed eventualmente correggere quelle che non hanno portato ai risultati sperati. Oggi la sfida per la Regione Lazio è mettere a punto una programmazione ed politica economica serie, finalizzate allo sviluppo e all'occupazione. Risultati e poche illusioni, Zingaretti fa il prestigiatore ma alle imprese e ai cittadini non servono prestigiatori, servono persone concrete, altrimenti rischiamo di tirar fuori dal cilindro il coniglio che già è passato di lì mille e mille volte".

Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Simeone

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento