Regione, enti locali, ok in commissione a 1 mln € per associazionismo

Parere favorevole alla deliberazione di Giunta che fissa criteri e modalità di assegnazione delle risorse statali trasferite al Lazio per il 2016

aula-consiglio-regionale-del-lazio3

Parere favorevole alla deliberazione di Giunta che fissa criteri e modalità di assegnazione delle risorse statali trasferite al Lazio per il 2016

La commissione Affari costituzionali e statutari, affari istituzionali, enti locali e risorse umane del Consiglio regionale del Lazio ha dato parere favorevole a maggioranza allo schema di deliberazione di Giunta che fissa criteri e modalità di assegnazione dei contributi statali a sostegno dell’associazionismo comunale. Si tratta di poco più di un milione di euro a favore di Unioni di Comuni e Comunità montane del Lazio attive nel 2016, per lo svolgimento di funzioni e servizi svolti in gestione associata nell’anno 2015. Il provvedimento torna in Giunta per l’approvazione definitiva, accompagnato da un’unica osservazione proposta dal presidente della commissione: si riduce da cinque a tre anni il periodo minimo di esercizio in forma associata dei servizi da parte dei comuni per poter accedere ai contributi.

I criteri e le modalità sono gli stessi fissati dalla deliberazione di Giunta n. 429 del 2016, cambia solo l’importo del contributo statale. Resta uguale anche la ripartizione delle risorse: 70 per cento alle Unioni dei Comuni e 30 per cento alle Comunità montane.

SANITÀ, ILLUSTRATO ALLA PISANA ATTO AZIENDALE ASL ROMA 1

Presentata in commissione Politiche sociali e Salute la proposta di atto aziendale elaborata dal commissario straordinario Angelo Tanese sulla riorganizzazione della Asl Roma 1, che porta a compimento il percorso di progressivo accorpamento di tre preesistenti aziende: la Rm/A, la Rm/E e l'ospedale San Filippo Neri, in attuazione dei programmi operativi della Regione Lazio.

​Il nuovo ambito territoriale di riferimento comprende il 40 per cento della superficie complessiva di Roma, sul quale insiste una popolazione residente pari a un milione di abitanti. Si tratta di una platea contraddistinta da un elevato indice di vecchiaia rispetto alla media di Roma, specie nei quartieri coincidenti con il centro storico cittadino, dove si registra anche la presa in carico dei turisti (40 mila presenze giornaliere medie stimate) che visitano la Capitale. Nel territorio della Asl Roma 1 insistono anche due istituti carcerari: la casa circondariale di Regina Coeli e l'istituto penale minorile di Casal del Marmo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le principali innovazioni e gli elementi qualificanti della nuova organizzazione sono:

l'orientamento di tutte le strutture sanitarie su processi assistenziali (con il superamento della frammentazione organizzativa e della dicotomia tra strutture ospedaliere e territoriali); la definizione di un nuovo modello di distretto, che sarà infatti articolato in strutture complesse orientate ad accoglienza, tutela e promozione della salute, all’analisi dei bisogni, programmazione e committenza, e ai percorsi per cronicità, disabilità e non autosufficienza. Questo modello mira ad assegnare al distretto un ruolo di garanzia molto più forte nella risposta ai bisogni di salute della popolazione residente, con un modello omogeneo per ciascuno dei sei (coincidenti con i territori dei Municipi I, II, III, XIII, XIV e XV), sede ognuno di almeno una Casa della Salute (già attivate quelle di Prati-Trionfale e di Labaro-Prima Porta). Si punta poi alla realizzazione del dipartimento delle Professioni sanitarie e sociali come modalità unitaria per il governo di oltre quattromila operatori, orientata alla crescita professionale e alla qualità dei servizi. Nel corso dell'audizione, Tanese ha quindi illustrato le strategie di rilancio di importanti strutture: il San Filippo Neri, come centro di eccellenza in ambito chirurgico, oncologico, neurologico e cardiovascolare, punto nascita e sede del nuovo centro per la procreazione medicalmente assistita; l’ospedale Santo Spirito, come Dea di I livello del centro storico di Roma; l’ Oftalmico, come centro di riferimento specialistico per il Lazio ed il centro-sud, sia per la chirurgia oculistica di alta specialità in urgenza e programmata sia per l'oftalmologia medica; il Nuovo Regina Margherita, come presidio territoriale integrato e multifunzionale; il centro Sant’Anna come presidio dedicato alla salute della donna e del bambino; il centro ‘La Scarpetta’ come polo aziendale di servizi per l’età evolutiva, il Santa Maria della Pietà come Parco della salute e del benessere. L’intera operazione, stando ai dati illustrati in Commissione, verrà condotta con una drastica riduzione delle strutture e delle relative posizioni dirigenziali apicali. Secondo il nuovo atto aziendale, le macrostrutture a valenza dipartimentale passano da 40 a 26 (-35 per cento); le Unità operative complesse (Uoc) passano da 201 a 121 (-39,8 per cento); le Unità operative semplici dipartimentali (Uosd o Uosa) passano da 74 a 34 (-54 per cento). A seguito dell’approvazione dell’atto aziendale da parte della Regione Lazio, la Asl Roma1 avvierà quindi il piano di riorganizzazione di tutti i servizi e la contestuale definizione del Piano strategico 2017-2019 su cui basare, con le responsabilità apicali derivanti dalla nuova organizzazione, la programmazione per il 2017 e l’approvazione di un "master plan". L’illustrazione della proposta di atto aziendale ha riscosso l’apprezzamento di tutti i consiglieri presenti, sia di maggioranza che di opposizione. Il dibattito è stato aggiornato a giovedì prossimo, a partire dalle ore 10, in apertura della seduta di Commissione, dedicata, tra l’altro, all'approvazione dei decreti riguardanti le nomine a direttore generale di Tanese proprio alla Asl Roma 1 e dell’attuale commissario Degrassi alla Asl Roma 2. CASETTA ROSSA, BONAFONI (SI – SEL): “GRAVE VUOTO DEI CINQUESTELLE SU RINNOVO CONVENZIONE” “Ancora una volta l’amministrazione pentastellata ha preferito la strada del nulla di fatto. Nel giorno in cui il municipio VIII era chiamato a decidere sul rinnovo della convenzione della gestione del parco Cavallo Pazzo, dove si trova anche Casetta Rossa, la maggioranza dei Cinquestelle ha fatto mancare il numero legale che avrebbe consentito di inserire all’odg del Consiglio una mozione per garantire la continuità nella gestione dell’area verde di Garbatella. Governare significa anche assumersi delle responsabilità e di fronte al sostegno verso un’esperienza preziosa che negli anni ha aggregato un’intera comunità, la politica e la maggioranza che amministra il municipio non possono più sottrarsi. I cittadini lo sanno bene e per questo, con gli attivisti di Casetta Rossa, hanno organizzato un presidio in municipio. A tutti loro la massima solidarietà”. E’ quanto afferma la consigliera regionale di Si – Sel, Marta Bonafoni

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus, 147 nuovi casi in provincia di Frosinone. Positivo anche un dipendente comunale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento