Regione, formazione: Smeriglio, ‘straordinario successo torno subito, governo guardi a modello Lazio’

“Alla scadenza dell’edizione 2017-18 del bando della Regione Lazio ‘Torno Subito’ sono 4.030 i progetti presentati, 1.044 in più dell’edizione dello scorso anno. Le scelte dei ragazzi tra i 18 e i 35 anni che hanno presentato la loro candidatura...

smeriglio-2

“Alla scadenza dell’edizione 2017-18 del bando della Regione Lazio ‘Torno Subito’ sono 4.030 i progetti presentati, 1.044 in più dell’edizione dello scorso anno. Le scelte dei ragazzi tra i 18 e i 35 anni che hanno presentato la loro candidatura sono andate in 2.639 casi sulla linea formazione, in 792 hanno scelto la work experience, 431 la linea cinema e 168 il nuovo spin-off ‘Gusto’ interamente dedicato al mondo della cucina e dell’enogastronomia”.

“La quarta edizione di Torno Subito segna un successo di partecipazione ancora più evidente rispetto ai bandi degli scorsi anni. Si tratta di un progetto che ormai è diventato patrimonio della nostra regione in riferimento agli under 35. C’è una diffusa domanda di formazione di qualità nel Lazio a cui continueremo a dare risposte con tutte le azioni previste nel pacchetto ‘Generazioni’ che accompagnano i giovani già dalla scuola fino alla formazione post-laurea, senza dimenticare l’autoimprenditorialità. Azioni a cui nei prossimi mesi affiancheremo misure rivolte anche a quelle ragazze e quei ragazzi che oggi sono esclusi dai circuiti formativi e lavorativi. Siamo sulla strada giusta, sulle politiche per i giovani diciamo al Governo e al Presidente Gentiloni di guardare al modello Lazio” dichiara Massimiliano Smeriglio, vicepresidente della Regione Lazio con delega alla Formazione.

CRISI IDRICA, SIMEONE (FI): “SERVE CABINA DI REGIA REGIONALE PER RISOLVERE L’EMERGENZA IN PROVINCIA DI LATINA. ZINGARETTI AGISCA E CON RAPIDITA’”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La Regione Lazio e il presidente Zingaretti, rispetto alla gravissima crisi idrica che ha colpito i Comuni della provincia di Latina non può voltarsi dall’altra parte. Servono coraggio ed azione per rispondere efficacemente ad un’emergenza che sta mettendo in ginocchio i cittadini, costretti a confrontarsi ogni giorno con rubinetti a secco, attività commerciali, imprese, settori chiave per l’economia della provincia di Latina e del Lazio come il turismo e l’agricoltura. Serve una Regione responsabile che, a differenza di quanto accade sulla sanità o sulle emergenze infrastrutturali come quella del Ponte sul Sisto, si fa parte integrante della risoluzione dei problemi che attanagliano i territori che rappresenta. Per queste ragioni ho inviato una nota al presidente Zingaretti, e per conoscenza al presidente e ai sindaci di Ato4, al presidente e all’amministratore delegato di Acqualatina, chiedendogli di rompere il muro del silenzio e di farsi parte integrante della risoluzione delle criticità in atto. Chiedendogli di porre la Regione nel ruolo di cabina di regia, convocando con urgenza un incontro alla presenza di tutte le istituzioni, le associazioni datoriali, i vertici di Acqualatina e recependo la richiesta di stato di calamità naturale avanzata dalla conferenza dei sindaci dell’Ato4. Chiedendogli di aprire quel confronto indispensabile con chi rappresenta il territorio per definire insieme a loro le azioni immediate, a medio e lungo termine, da attuare per uscire dall’emergenza in modo definitivo. Si tratta di iniziative che Zingaretti doveva attuare già da tempo, facendo seguito all’ordine del giorno che abbiamo presentato alla manovra di bilancio della Regione Lazio 2017 – 2019, approvato in consiglio regionale il 15 febbraio 2017, con cui si impegnava il presidente della giunta regionale e gli assessori competenti ad aumentare, in termini di competenza e cassa, lo stanziamento del programma denominato “Servizio idrico integrato”, per un importo pari 4.000.000,00 di euro a valere sulle annualità 2017 – 2019, per contribuire a fronteggiare e risolvere in modo definitivo la crisi idrica nei Comuni del Sud Pontino e del Golfo di Gaeta. Ordine del giorno che, il 17 febbraio 2017, ho inviato al presidente della Provincia di Latina, ai sindaci dei Comuni del Golfo nonché al presidente e all’amministratore delegato di Acqualatina Spa, per focalizzare l’attenzione di tutti, nessuno escluso, su un problema che doveva, e purtroppo deve ancora, essere affrontato in modo rapido e risolutivo. Da allora, purtroppo, siamo costretti a constatare che questa Regione nulla ha fatto per dare attuazione a quanto previsto nell’ordine del giorno e per risolvere tale emergenza non rispettando la decisione del consiglio regionale la cui volontà non può essere in alcun modo bypassata. Una emergenza come questa, che combina, come sottolineato dal gestore del servizio idrico integrato dell’Ato4, Acqualatina Spa, fattori strutturali, quali l’abbassamento dei livelli dell’acqua all’interno delle centrali di produzione, in particolare di Mazzoccolo e Capodacqua e fattori contingenti, e non prevedibili, legati all’anomala ondata di siccità degli ultimi mesi ha bisogno di interventi urgenti, straordinari e risolutivi, non di chiacchiere. Questa emergenza rende, come sottolineiamo da tempo, non più prorogabili azioni ed investimenti finalizzati a fronteggiare la crisi idrica attuando un programma di interventi straordinari per il riefficientamento delle reti idriche nei Comuni del Sud Pontino e della provincia di Latina attraverso l’eliminazione del fenomeno della dispersione del flusso idrico ed il rafforzamento delle centrali di produzione esistenti. Zingaretti non può fermarsi a laconici messaggi di grande vicinanza alla popolazione e imprese colpite dalla grave crisi idrica”. Deve andare oltre svolgendo a pieno il ruolo che gli compete che è quello di recepire le problematiche e, insieme a chi rappresenta il territorio, risolverle. Mi auguro che il presidente della Regione Lazio recepisca questo ennesima richiesta ad intervenire, ne va della igiene pubblica, del benessere dei cittadini e della sopravvivenza delle imprese”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Simeone

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento