Regione, gli appuntamenti di venerdi' 14 ottobre

Ore 14 - Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti visita il Policlinico Casilino e presenta la campagna di vaccinazione contro l’influenza. L’evento si svolge a Roma, Policlinico Casilino - Via Pietro Belon, 79.

Ore 14 - Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti visita il Policlinico Casilino e presenta la campagna di vaccinazione contro l’influenza. L’evento si svolge a Roma, Policlinico Casilino - Via Pietro Belon, 79.

Ore 15 - Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, inaugura lo stand della Regione Lazio al Maker Faire. L’evento si svolge a Roma, presso la Fiera di Roma, Via Portuense 1645/1647, ingresso Cargo Nord/Padiglione 10.

Ore 11 - L’assessore regionale alle Attività produttive, Guido Fabiani partecipa alla Opening Conference della Maker Faire: “The Future of Everything” – Padiglione 10 della Nuova Fiera di Roma, via Portuense 1645-1647. A seguire, visita lo stand della Regione Lazio e il plastico in 3D di Amatrice – Padiglione 8;

Ore 11.30 - Conferenza stampa di presentazione degli eventi giubilari “Il Dialogo tra le Religioni per la misericordia” e “Il cibo della misericordia”, organizzati dalla Fondazione Internazionale Don Luigi Di Liegro Onlus in collaborazione con la Regione Lazio. Alla conferenza stampa parteciperanno Quirino Briganti, coordinatore degli eventi storico, turistico e culturale del Giubileo del Lazio, Padre Sandro Barlone e Luigina Di Liegro, rispettivamente Presidente e Segretario Generale della fondazione Internazionale Don Luigi Di Liegro. L’evento si svolgerà presso la sala stampa della Camera dei Deputati, via della Missione, 4.

Ore 13.30 - L’assessore regionale alle Attività produttive, Guido Fabiani nell’ambito di Maker Faire lancia la Challenge “The Car of the Future”, iniziativa di Open Innovation promossa da Regione Lazio ed Euro Engineering per sfidare startup e talenti della ricerca sulle tematiche relative all’Automotive Innovation – Padiglione 8 della Nuova Fiera di Roma, via Portuense 1645-1647.

LAZIO. PARERE FAVOREVOLE IN COMMISSIONE A REGOLAMENTO CONCILIAZIONI

Massimo 90 giorni per risolvere le controversie tra utenti e Regione o enti dipendenti. Fase sperimentale di un anno. Il provvedimento torna in Giunta per l’approvazione definitiva.

La Commissione Affari costituzionali e statutari, affari istituzionali, enti locali e risorse umane del Consiglio regionale del Lazio, presieduta da Fabio Bellini, ha dato parere favorevole all’unanimità, con osservazioni, al regolamento che disciplina il procedimento innanzi alla Camera regionale di conciliazione, previsto dalla legge regionale n. 1 del 2016 sulla conciliazione nelle controversie sanitarie e in materia di servizi pubblici. Lo schema di delibera ora torna in Giunta per l’approvazione definitiva.

Il regolamento disciplina l’organizzazione della Camera regionale di conciliazione (istituita presso l’Istituto “Arturo Carlo Jemolo”) e il procedimento innanzi alla stessa per risolvere in via stragiudiziale – entro 90 giorni – le controversie tra i soggetti regionali erogatori di servizi pubblici e gli utenti, relative al mancato rispetto degli standard di qualità previsti nelle carte dei servizi. Saranno queste ultime, per ciascun ente, a indicare modalità, tempi e condizioni di accesso al procedimento conciliativo, nonché le specifiche conseguenze giuridiche derivanti dal raggiungimento dell’accordo e dalla positiva conclusione del procedimento, dandone espresso avviso agli utenti dei pubblici servizi regionali. Anche i comuni e gli altri enti locali avranno la facoltà di usufruire della procedura di conciliazione, previo accordo con la Regione.

E’ prevista una fase sperimentale di un anno su una parte dei servizi pubblici erogati dalla Regione o dagli enti dipendenti, che saranno scelti dalla stessa Giunta regionale. Nella prima versione del testo la fase sperimentale interessava solo i servizi sanitari, ora invece, se il provvedimento dovesse essere approvato dalla Giunta così come licenziato oggi dalla prima commissione, la sperimentazione sarà estesa a qualsiasi tipo di servizio pubblico. Questa è una delle modifiche apportate oggi dalla commissione al testo della Giunta, attraverso lo strumento delle osservazioni. La consigliera Teresa Petrangolini ha presentato varie osservazioni – accolte dall’assessore al Bilancio Alessandra Sartore e votate all’unanimità dalla commissione – tra le quali quella sulla sperimentazione, un’altra che prevede che il luogo di svolgimento della procedura di conciliazione sia il più possibile vicino al cittadino che propone l’istanza e un’altra ancora che consente di fare domanda di conciliazione anche nel caso di eventuali danni non patrimoniali. Sono state presentate osservazioni anche dal presidente Bellini e dai consiglieri Gianluca Perilli e Devid Porrello, alcune delle quali accorpate e riformulate con l’assessore – approvate all’unanimità dalla commissione – per precisare che il fondo creato appositamente nel bilancio dell’istituto Jemolo per incamerare le entrate derivanti dai costi del procedimento a carico delle parti e dai proventi delle sanzioni previste all’articolo 17 del regolamento, sia vincolato esclusivamente al funzionamento della Camera di conciliazione.

URBANISTICA: REGIONE LAZIO, ‘APPROVATI I PRIMI DUE PIANI DI RECUPERO DELLE PERIFERIE DI ROMA’

La giunta regionale del Lazio ha approvato definitivamente le varianti urbanistiche relative ai due toponimi di Monte Migliore e Palazzo Morgana nel territorio del IX Municipio del Comune di Roma. Il via libera consentirà di realizzare i servizi pubblici che mancano e di completare il tessuto edilizio esistente nel rispetto delle norme e dei vincoli vigenti. Sono i primi due dei 71 toponimi individuati nel Piano regolatore generale del Comune di Roma del 2008. La Regione Lazio e Roma Capitale hanno individuato insieme un percorso di valutazione e di approvazione dei relativi Piani di recupero, istituendo nel 2014 un tavolo tecnico comune di analisi e verifica. Inoltre, per tutti i piani sono state attuate le procedure di assoggettabilità alla Valutazione Ambientale Strategica (VAS), coinvolgendo tutti gli enti interessati nella fase relativa all’istruttoria ambientale e paesistica. Il percorso condiviso intrapreso per l’approvazione delle varianti è il metodo migliore per definire, in tempi certi e con il massimo della trasparenza, le procedure amministrative finalizzate al corretto recupero delle nostre periferie.

“L’approvazione definitiva dei primi due Piani delle periferie è un importante risultato per il recupero urbanistico e sociale dei territori nati senza regole. Il lavoro svolto dagli Uffici del Comune e della Regione, insieme con le verifiche ambientali e paesistiche - ha dichiarato l’assessore regionale alle Politiche del Territorio e Mobilità, Michele Civita - possono favorire uno sviluppo sostenibile e una migliore organizzazione e qualità della vita di tutti i cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Giovane finanziere muore nel sonno, la tragedia nella notte

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento