rotate-mobile
Venerdì, 1 Luglio 2022
Economia circolare

La Regione Lazio punta sui centri del riuso: “Non solo perché ce lo chiede l’Europa”

L'assessore ai Rifiuti Valeriani e l'omologa alla Transizione ecologica Lombardi illustrano il provvedimento emanato dalla Giunta Zingaretti per spronare i Comuni verso l'end of waste: la cessazione della qualifica di rifiuto

La Giunta Zingaretti ha approvato la delibera con cui detta ai Comuni del Lazio le linee guida per la realizzazione e la gestione dei centri del riuso. La proposta, formulata dall'assessore ai Rifiuti Massimiliano Valeriani, è stata concertata con l'omologa alla Transizione ecologica Roberta Lombardi.

Il provvedimento fornisce un inquadramento normativo e regolamentare in ambito regionale, nazionale ed europeo. A seguire una serie di esperienze relative a progettazione, formazione e gestione dei centri di riuso. Individua al contempo iniziative di finanziamento, modelli di funzionamento e azioni di promozione sull’impiego e la valorizzazione delle strutture dedicate al recupero e al riutilizzo delle materie. Si fornisce così anche un monitoraggio dei risultati potenziali e favorendo sinergie operativi fra i vari centri.

Valeriani-Lombardi: "Altrimenti non ci sarà end of waste"

“Con questo provvedimento sosteniamo un altro obiettivo previsto nel Piano Rifiuti regionale, promuovendo un contributo concreto verso lo sviluppo dell’economia circolare. I centri del riuso, infatti, rappresentano un tassello importante nel processo di recupero, riciclo e riutilizzo delle materie, con l’obiettivo di favorire anche la realizzazione di una filiera industriale ecosostenibile. I sistemi e le tecnologie attuali non consentono ancora di raggiungere il traguardo della “end of waste”, ma permettono già di recuperare gran parte dei materiali, limitando notevolmente il ricorso agli impianti di servizio per ridurre ogni forma di impatto ambientale” dichiara Valeriani, assessore al Ciclo dei rifiuti della Regione Lazio.

“Potenziare norme e strumenti volti a sostenere l’economia circolare e i relativi impianti, come i centri del riuso, è la strada giusta da percorrere per il Lazio e per tutto il nostro Sistema Paese, non solo perché ce lo chiede l’Europa ma perché i dati confermano che l’Italia, con il 22%, è al primo posto in Ue per il tasso di utilizzo circolare della materia e, secondo gli obiettivi del Pnrr, deve arrivare almeno al 30% entro il 2030, e ridurre del 50% la produzione dei rifiuti entro il 2040. Siamo quindi su una strada vincente, per la tutela di ambiente, salute, gestione sostenibile delle risorse naturali e salvaguardia di imprese e lavoratori, che stanno scontando la crisi legata a caro-materiali e difficoltà di approvvigionamento delle materie prime”, conclude Lombardi, assessora regionale alla Transizione ecologica e Trasformazione digitale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Regione Lazio punta sui centri del riuso: “Non solo perché ce lo chiede l’Europa”

FrosinoneToday è in caricamento