Regione, maltempo; giovedì 19 allerta meteo su Appennino Rieti, Aniene e bacino del Liri

Criticità idrogeologica per temporali codice giallo da tarda mattinata domani 19 maggio e per 24 ore

Criticità idrogeologica per temporali codice giallo da tarda mattinata domani 19 maggio e per 24 ore

“Il Centro Funzionale Regionale rende noto che il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni metereologiche avverse con indicazione che dalla tarda mattinata di domani, giovedì 19 maggio, e per le successive 18-24 ore si prevedono sul Lazio: precipitazioni sparse, specie sui settori orientali. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento.

Il Centro Funzionale Regionale ha emesso un avviso di criticità in cui si prevede nelle zone di allerta del Lazio: idrogeologica per temporali codice giallo su Appennino di Rieti, Aniene e Bacino del Liri. La Sala operativa permanente ha emesso l’allertamento del sistema di Protezione civile regionale e invitato tutte le strutture ad adottare tutti gli adempimenti di competenza. Si ricorda che per ogni emergenza è possibile fare riferimento alla Sala Operativa Permanente al numero 803.555″. Lo comunica in una nota la Regione Lazio.

PROTEZIONE CIVILE: AGENZIA REGIONALE E SAVE THE CHILDREN INSIEME A TUTELA MINORI IN FASE EMERGENZA

L’Agenzia Regionale di Protezione Civile e Save the Children insieme per tutelare i minori in fase di emergenza. È quanto stabilito dal protocollo d’intesa firmato questa mattina nella sede della Onlus dal Direttore dell’Agenzia, Gennaro Tornatore e Raffaela Milano, Direttore Programmi Italia-Europa di Save The Children, l'organizzazione internazionale dedicata dal 1919 a salvare i bambini in pericolo e tutelarne i diritti. Il documento ha l’obiettivo di attivare una serie di iniziative finalizzate alla tutela di bambini e adolescenti in caso di situazioni di emergenza che dovessero verificarsi nel Lazio. Il protocollo avrà la durata di tre anni.

“Con la firma del protocollo – spiega Gennaro Tornatore, direttore Agenzia Regionale Protezione Civile – le parti disciplinano le procedure per il coinvolgimento di Save the Children nelle attività di protezione civile sia in fase ordinaria che emergenziale. La nostra è la prima Regione in Italia a firmare un protocollo di questo genere e questo dimostra la grandissima attenzione riservata a bambini e adolescenti in caso di calamità naturali o connesse con l’attività dell’uomo”. “Nell'ambito dell’applicazione del protocollo – conclude Tornatore - le attività saranno svolte all'interno del Sistema Integrato di Protezione Civile in sinergia con il mondo del Volontariato in collaborazione con le istituzioni. Questo Sistema Integrato, di cui i Volontari sono l'aspetto più importante, rappresenta una ricchezza straordinaria, con un valore etico e morale unico. Con questo protocollo renderemo certamente più efficiente ed efficace il nostro sistema di protezione civile regionale”.

“L’Italia deve dotarsi di un sistema di prevenzione e di intervento in emergenza – commenta Raffaela Milano, Direttore Programmi Italia-Europa di Save the Children – che metta al primo posto i diritti dei più piccoli, perché i bambini e gli adolescenti hanno bisogni specifici che devono essere considerati in tutte le fasi, dall'analisi dei rischi fino alla gestione dell’emergenza e del post-emergenza. Dal 2009, Save the Children Italia è impegnata nelle emergenze che colpiscono il nostro Paese e nello sviluppo di programmi di prevenzione – aggiunge – che prevedono il coinvolgimento attivo dei ragazzi. Questi obiettivi sono stati condivisi con il Dipartimento Nazionale di Protezione Civile ed è fondamentale, in questo quadro, il ruolo delle Regioni”. “È dunque – continua Raffaella Milano – particolarmente importante il Protocollo di intenti che oggi sottoscriviamo e con il quale attiveremo un’azione congiunta nel Lazio per condividere e diffondere buone pratiche, promuovere momenti formativi, coinvolgere e valorizzare tutte le realtà già attive sul territorio e realizzare esercitazioni sul campo, con l’obiettivo di garantire a ogni bambino e adolescente un sistema di prevenzione e di protezione dai rischi – conclude – pensato a misura dei suoi bisogni e delle sue necessità”.

Alla firma del protocollo d’intesa hanno partecipato Elisabetta Leonardi, Capo Dipartimento Emergenza Povertà Save the Children, Federico Cellini, Responsabile Emergenze Domestiche Save the Children, Flaminia Cordani, Coordinatore Emergenza Save the Children e Anna Benedetta Grisi, Coordinatore Programmi Emergenza Save the Children e Antonio Colombi, Responsabile della Pianificazione dell'Emergenza dell'Agenzia Regionale di Protezione Civile.

BUSCHINI: "IN CONSIGLIO PROPOSTA DI LEGGE PER VALORIZZAZIONE COMPLESSI ARCHITETTONICI E CULTURALI DEL LAZIO"

“La Regione Lazio, grazie a questo provvedimento, può dotarsi di uno strumento di fondamentale importanza per la valorizzazione di quei complessi architettonici e culturali disseminati sull’intero territorio regionale”.

Lo ha spiegato l’Assessore regionale Mauro Buschini durante la sua relazione in aula sulla pl 153 “Interventi di valorizzazione delle dimore, ville, complessi architettonici, parchi e giardini di valore storico e culturale della Regione Lazio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Si tratta di uno strumento importante – ha continuato Buschini – per la promozione di attività di formazione e, soprattutto, per la nascita di start up giovanili nei settori turistico-culturale e dell’artigianato artistico: la pl, in sostanza, va a favorire un abbinamento virtuoso tra la valorizzazione artistica e le opportunità di crescita economica ed occupazionale, specie giovanile, mediante attività sia innovative come l’ICT (Information and Communication technology) che “tradizionali”, di cura, manutenzione e recupero di edifici come di parchi e giardini di interesse storico-artistico. La

Regione potrà investire risorse, attraverso la concessione di contributi, a sostegno di soggetti artefici delle attività di formazione e istituirà un comitato tecnico scientifico, presso la competente direzione regionale, per coordinare gli interventi e le attività previste. Tra le priorità stabilite, emerge anche l’attenzione verso i beni ubicati nei comuni con popolazione inferiore ai 30 mila abitanti nel Lazio, per mettere in maggiore risalto autentici tesori dell’arte e della cultura dei comuni più piccoli che rappresentano la maggioranze nella nostra regione. La valorizzazione dei beni artistici ed archeologici su cui la Legge si concentra, dunque, consentirà di effettuare anche tutta quella serie di interventi di restauro e recupero degli immobili costituenti la Rete, proprio per garantirne la conservazione nonché una accresciuta fruizione per scopi culturali, anche attraverso una concreta sinergia con le Università laziali al fine proprio di favorire una piena promozione e fruizione dei beni”. FDI, CON RIGHINI E SANTORI, SUL MANCATO PREMIO AL PERSONALE EX LAIT: 'QUESTA È LA SENSIBILITÀ DELLA SINISTRA SUL TEMA DEI LAVORATORI" "Questa è la sensibilità della sinistra rispetto al tema dei lavoratori". Così, nell'aula consiliare della Regione Lazio, i consiglieri regionali di Fratelli d'Italia, Giancarlo Righini e Fabrizio Santori, che durante lo spazio del 'question time' hanno discusso l'interrogazione a risposta immediata finalizzata ad avere lumi sul mancato riconoscimento del premio incentivante per il personale ex Lait. Righini e Santori hanno attaccato i vertici regionali per come si sta gestendo l'intera vicenda, "nel silenzio - hanno dichiarato - degli organi obbligati a fornire le opportune risposte. Il silenzio di questo mese - hanno aggiunto i due esponenti di Fdi - la dice lunga su come non si abbiano le idee chiare sull'argomento. Su certi temi le organizzazioni sindacali e i lavoratori andavano informati per tempo e nulla giustifica l'assenza, il ritardo e il silenzio con cui la questione è stata affrontata. In caso di modifica di alcuni elementi essenziali delle norme contrattuali, che è bene ribadirlo non sono mai state ridiscusse, si dovrebbe avere il coraggio di convocare le parti in causa ed attivarsi immediatamente. Nell'esprimere assoluta vicinanza ai lavoratori - hanno concluso Righini e Santori - ci impegneremo nel vigilare che il premio venga erogato nel minor tempo possibile, visto che era espressamente legato al raggiungimento di obiettivi fissati da una misura stabilità all'interno della contrattazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento