menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Commissione

Commissione

Regione, ok in commissione a delibera ampliamento agevolazioni trasporto

La giunta regionale del Lazio intende ampliare la platea dei beneficiari delle agevolazioni tariffarie sui servizi di trasporto pubblico locale per il 2016. Lo schema di deliberazione è stato esaminato questo

La giunta regionale del Lazio intende ampliare la platea dei beneficiari delle agevolazioni tariffarie sui servizi di trasporto pubblico locale per il 2016. Lo schema di deliberazione è stato esaminato questo

pomeriggio dalla commissione Ambiente, lavori pubblici, mobilità, politiche della casa e urbanistica del Consiglio regionale. L'organismo della Pisana, presieduto da Enrico Panunzi (Pd), ha espresso parere favorevole all'unanimità, ma con osservazioni. Ora la deliberazione torna in giunta per l'esame e l'approvazione definitive.

Il limite di reddito Isee per beneficiare degli sconti sugli abbonamenti annuali (Metrebus e altri) secondo lo schema che ha ottenuto il via libera oggi passerà dai 23 mila euro del 2015 ai 25 mila previsti per il 2016. Per le maggiori agevolazioni riconosciute alle categorie più svantaggiate il limite sarà fissato a 15 mila euro, sempre per reddito Isee (nel 2010 era a 10 mila euro). I benefici, che vanno dal 30 per cento di agevolazione fino a misure superiori in ragione del numero di abbonamenti acquistati, particolari condizioni familiari o di disagio sociale, saranno concessi "fino a concorrenza dello stanziamento disponibile" in bilancio, pari a 11 milioni e 500 mila euro per il 2006.

La commissione ha approvato - a maggioranza - un'osservazione da allegare al parere proposta da Cristiana Avenali (Pd) "per dare incentivo alla mobilità sostenibile - ha detto riferendosi a un ordine del giorno sullo smog approvato durante la sessione di bilancio - e per favorire l'intermodalità". Con essa si chiede alla giunta di inserire tra gli abbonamenti agevolati riservati a coloro che possiedono i requisiti previsti dallo schema di deliberazione anche quelli annuali "Bici in Treno", più 150 euro - a particolari condizioni e nel limite totale di 400 mila euro - per l'acquisto di biciclette pieghevoli compatibili al trasporto sui mezzi pubblici. Chiesto anche, ma con un altro atto distinto dallo schema che ha ricevuto oggi parere favorevole, di coprire il 50 per cento del costo dell'abbonamento "Bici in Treno". Giuseppe Simeone (Pdl - Forza Italia) si è astenuto sull'osservazione e ha evidenziato che lo schema di delibera ha per oggetto agevolazioni legate al reddito Isee, non i temi contenuti nella proposta di Avenali. Astenuto, sempre sull'osservazione proposta dalla consigliera pd, anche Fabrizio Santori (Misto).

FROSINONE, REGIONE LAZIO: UN COMITATO TECNICO PER CRISI OCCUPAZIONALE

Dalla metà di febbraio avrà il compito di elaborare misure ad hoc per quei lavoratori usciti dal mercato del lavoro nella provincia. "Un Protocollo di Intesa che raccolga proposte concrete per dare risposte ad un territorio che, nonostante alcuni segnali di ripresa, sta vivendo una profonda crisi occupazionale. Questa la conclusione dell'incontro di oggi, tenutosi presso la sede della Regione Lazio, dedicato allo sviluppo e al lavoro del territorio del Frusinate. Oltre all'Assessore al Lavoro, Pari opportunità e Personale, Lucia Valente, all'Assessore Rapporti con il Consiglio, Ambiente e Rifiuti, Mauro Buschini e ad esponenti dell'Assessorato allo Sviluppo economico e Attività produttive, erano presenti al tavolo amministratori locali, le parti sociali, deputati, consiglieri regionali e alcuni ex lavoratori di aziende del frusinate. L'Accordo di programma sul sistema locale lavoro di Frosinone, progetti di microcredito, la 'Call for Proposal' per la reindustrializzazione in cui la Provincia di Frosinone é seconda dopo quella di Roma per quantità di investimenti proposti e misure di politiche attive, come per esempio il Contratto di ricollocazione, dedicate ai lavoratori che hanno perso la loro occupazione e non hanno piu' alcun sostegno al reddito sono alcune delle proposte concrete presentate oggi al tavolo dalla Regione Lazio. Per uscire dalla crisi che ha colpito centinaia di lavoratori e le loro famiglie e per creare le condizioni, a partire dalle infrastrutture per attrarre investimenti e convogliare le risorse sul territorio del frusinate, la Regione Lazio costituirà un comitato tecnico che dalla metà di febbraio insieme ai protagonisti del territorio avrà il compito di elaborare misure ad hoc per quei lavoratori usciti dal mercato del lavoro nella provincia di Frosinone". Lo comunica in una nota la Regione Lazio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento