Politica

 Regione, Regione Lazio  Stefano Toschei nuovo segretario generale

Stefano Toschei è il nuovo Segretario generale del Consiglio regionale del Lazio. Lo ha nominato questa mattina all'unanimità l'Ufficio di Presidenza su proposta del presidente del Consiglio regionale, Daniele Leodori. È stato scelto tra i...

Stefano Toschei è il nuovo Segretario generale del Consiglio regionale del Lazio. Lo ha nominato questa mattina all'unanimità l'Ufficio di Presidenza su proposta del presidente del Consiglio regionale, Daniele Leodori. È stato scelto tra i quattordici idonei sui ventitré candidati che avevano presentato domanda a seguito dell'avviso pubblicato sul Burl n. 11 del 5 febbraio scorso.

Toschei, 56 anni, è laureato in Giurisprudenza a La Sapienza, nel 1992 ha conseguito il diploma di specializzazione in Diritto amministrativo. Già avvocato presso il Foro di Roma, ha esercitato l'attività forense presso l'avvocatura del Comune di Roma dal 1994 al 1996. Magistrato ordinario prima ed amministrativo poi, ha lavorato dal 1999 al Tribunale amministrativo regionale della Calabria, dal 2003 al Tar della Toscana, e quindi dal 2007 a quello del Lazio. Nel suo curriculum collaborazioni con la Presidenza del Consiglio dei Ministri e alcuni ministeri, docenze accademiche e numerose pubblicazioni.

L'incarico, per il quale è prevista un'attribuzione annua pari a 70mila euro, decorrerà dal rilascio dell'autorizzazione da parte dell'organo di autogoverno della magistratura amministrativa, con contestuale collocamento in posizione di fuori ruolo.

IL CONSIGLIERE BUSCHINI AD ATINA ILLUSTRERÀ I FONDI EUROPEI GIUNTI IN PROVINCIA DI FROSINONE CON LA VECCHIA PROGRAMMAZIONE EUROPEA

Giovedì 26 marzo, alle ore 18:30, il salone di Rappresentanza di Palazzo Cantelmo ad Atina ospiterà il Consigliere Regionale e Presidente della Commissione Bilancio Mauro Buschini che, con una iniziativa dal titolo "L'Europa nei territori", affronterà il tema dei fondi Europei e parlerà delle mille opportunità offerte dalle risorse finanziarie provenienti da Bruxelles. Sarà l'occasione per illustrare, in maniera specifica, tutti i finanziamenti giunti in Provincia di Frosinone grazie alla vecchia programmazione europea: Buschini illustrerà i dati dei fondi giunti in Provincia di Frosinone grazie al lavoro della Giunta Zingaretti che ha recuperato tutti i fondi che stavano per andare perduti.

Il Lazio è, inoltre, tra le regioni italiane che hanno visto dall'Unione Europea il Fesr, Fse, Feasr, fondi dunque che sarà possibili utilizzare fin da subito attraverso dei bandi specifici in differenti e molteplici settori: dal lavoro alla formazione, dalla cultura all'innovazione. La Regione Lazio è tra le undici Regioni italiane ad aver ottenuto il via libera della Commissione Europea al Por-Fesr 2014-2020 del Lazio.

La visione programmatica regionale individua alcune priorità di intervento per uno sviluppo intelligente, sostenibile e inclusivo del territorio laziale: 45 "azioni cardine" che saranno realizzate nel medio-lungo periodo attraverso l'utilizzo integrato di tutte le risorse disponibili e che rappresentano un'opportunità concreta per cittadini, associazioni, imprese e istituzioni del Lazio.

"L'iniziativa sarà importante per offrire un quadro completo ai cittadini delle risorse giunte nella nostra provincia grazie ai fondi europei. Avere a disposizione importanti risorse finanziarie - ha spiegato Buschini - sarà fondamentale per far ripartire l'occupazione e la competitività dei nostri territori: specie in un periodo caratterizzato da mancanza di liquidità e da una crisi devastante, il tempestivo utilizzo dei fondi europei, con la nuova programmazione 2014-2020, diventerà indispensabile per uscire dalla palude in cui ci siamo ritrovati".

RICCI, BENE PIANO AGRICOLTURA 2.0 PER LIBERARE AGRICOLTORI DA LACCI BUROCRAZIA

Con l'avvio del piano "Agricoltura 2.0" presentato dal ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, a Verona durante lo svolgimento del Vinitaly, inizia un nuovo rapporto tra Amministrazione e imprese agricole introducendo quegli elementi di innovazione e di semplificazione che gli agricoltori aspettavano da tempo".

Lo ha dichiarato l'assessore all'Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione Lazio, Sonia Ricci.

"Tagliare i lacci della burocrazia - ha aggiunto l'assessore Ricci - rendere la vita facile agli agricoltori e liberare finalmente la crescita delle nostre imprese, sono stati sin dall'inizio della Giunta Zingaretti gli obiettivi più urgenti da cui ripartire per lo sviluppo dell'agricoltura del Lazio. Un percorso che abbiamo avviato, in vista della nuova Programmazione dello Sviluppo Rurale 2014/2020, in stretta collaborazione con Ismea, Istituto dei Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare, e Agea, Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura, per introdurre elementi di semplificazione molto importanti, per esempio per facilitare la compilazione delle domande di accesso agli aiuti dei fondi europei, per alleggerire gli innumerevoli oneri burocratici in capo agli agricoltori, per introdurre processi di automatizzazione gestionale e di centralizzazione delle informazioni su base territoriale. Per questo il Piano 'Agricoltura 2.0' che prende il via oggi su scala nazionale, rappresenta la strada giusta che può condurre tutto insieme il Sistema Paese nel percorso verso l'innovazione e la competitività"

VINITALY, SIMEONE (FI): "IL MEGLIO DEL LAZIO E L'ORGOGLIO DELLA PROVINCIA DI LATINA IN MOSTRA"

"In mostra al Vinitaly di Verona le eccellenze del Lazio e l'orgoglio della provincia di Latina. Tantissime le aziende che anche quest'anno hanno partecipato a questo evento misurandosi con produttori di livello internazionale, conquistando il pubblico e gli esperti in una carrellata fatta di sapori, gusto, cordialità e professionalità che sono il mix vincente che ha portato il vino e l'olio della provincia di Latina e del Lazio nell'olimpo della qualità. Questo obiettivo è stato ottenuto grazie ad anni di sacrificio in cui gli imprenditori hanno scelto di investire, con progetti seri e sperimentazioni, conciliando innovazione e tradizione, nei vitigni autoctoni che caratterizzano il nostro territorio lavorando su progetti seri consapevoli che le biodiversità sono la ricchezza fondamentale da valorizzare sia qualitativamente che economicamente. Un risultato che, tra gli altri, porta il nome di aziende vitivinicole come Carpineti, Casale del Giglio, Villa Gianna, Sant'Andrea di Borgo Vodice e Cantine Lupo di Borgo Montello. Un successo che passa per etichette di eccellenza come il Mater Matuta, il Nero buono di Cori, il Moscato di Terracina o i vini biologici di Marco Carpineti. Ma anche un successo che si consolida negli olii prodotti da alcune aziende della provincia pontina tra cui Azienda Coletta Filomena, La Tenuta dei ricordi, Impero Biol e l'azienda agricola Cosmo Di Russo che si è aggiudicata le "Tre Foglie", il massimo riconoscimento dell'eccellenza made in Italy, con la Caieta Monocultivar Itrana. Insieme al turismo, l'agricoltura è il settore che può portare il Lazio, e la provincia di Latina, fuori da una crisi che sta producendo danni sociali immensi. Un settore dotato di grande dinamismo, caratterizzato da enormi potenzialità che continua a creare occupazione e interesse anche tra i nostri giovani e che deve essere supportato. Al Vinitaly c'è il meglio di un'Italia che produce, che sfida le difficoltà, che sa fare della propria storia e della proprie capacità imprenditoriali un prodotto di successo. E nel meglio d'Italia il Lazio e la provincia di Latina hanno conquistato il posto d'onore che meritano".

Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Simeone

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

 Regione, Regione Lazio  Stefano Toschei nuovo segretario generale

FrosinoneToday è in caricamento