Politica

Regione, Roma-Latina e Cisterna - Valmontone: l’opera sarà aggiudicata entro l’anno

La commissione Lavori pubblici del Consiglio regionale del Lazio, presieduta da Enrico Panunzi (Pd) ha fatto il punto sulla situazione dell’autostrada Roma-Latina.

La commissione Lavori pubblici del Consiglio regionale del Lazio, presieduta da Enrico Panunzi (Pd) ha fatto il punto sulla situazione dell'autostrada Roma-Latina.

Massimo Averardi, amministratore delegato di "Autostrade del Lazio spa" ha riepilogato l'iter svolto finora e poi ha spiegato che "il 10 aprile sono state inviate le lettere con l'invito a presentare un'offerta ai 5 soggetti che hanno manifestato interesse a diventare concessionari dell'opera. Hanno tempo fino al 16 settembre. Entro l'anno, quindi, dovremmo affidare l'opera e si potrà partire con la progettazione esecutiva. Ci sono le condizioni, anche finanziarie, per realizzare interamente l'opera, compresa la Cisterna-Valmontone".

In apertura della seduta è intervenuto Antonello Aurigemma (Pdl-FI): "Avevamo chiesto la presenza dell'assessore - ha spiegato - per capire quale sia lo stato del contenzioso fra Arcea e Regione e quale sia il danno che i cittadini rischiano di subire".

Va ricordato, infatti, che la Regione in un primo tempo aveva affidato la progettazione, l'esecuzione e la gestione dell'opera alla società Arcea spa, in un secondo tempo ha deciso di costituire Autostrade del Lazio spa insieme ad Anas, per dare in concessione a un terzo soggetto la Roma-Latina.

"Come è possibile indire la gara - ha proseguito Aurigemma - quando ancora Arcea non è stata sciolta? Aggiorniamo la seduta, servono risposte dalla Giunta, lo ribadisco".

"Vogliamo capire qual è il metodo che la giunta vuole impiegare per realizzare la più importante infrastruttura prevista nella nostra Regione e perché sia stato scelto di farsi carico di tutti i contenziosi - ha dichiarato Luca Gramazio (Pdl-FI) - fino a quando non avremo risposte soddisfacenti fermeremo i lavori del Consiglio regionale".

All'audizione hanno partecipato anche i rappresentanti di Mps Capital service, Autostrade per l'Italia e del Consorzio 2050, soci privati di Arcea: "Ancora oggi ci chiediamo perché siamo stati messi da parte", ha dichiarato Erasmo Cinque, consigliere di amministrazione del Consorzio 2050.

"Era importante comunque fare il punto sulla situazione, abbiamo verificato quale siano i problemi - ha concluso il presidente Panunzi - quella del contenzioso è una materia su cui ci sono competenze diverse e più ampie della nostre, dovremo investire della vicenda il presidente della commissione Bilancio e valutare insieme se convocare una riunione congiunta".

UMBERTO I: REGIONE LAZIO, 'NO INTERINALI TROVARE SOLUZIONE NELLA LEGALITA'

"La Regione Lazio assieme alla Direzione Generale del Policlinico Umberto I sta agendo per trovare tutte le soluzioni affinché venga garantito il proseguo dei servizi nell'ambito di un percorso di trasparenza, legalità e di coinvolgimento delle OO.SS. Non è nostra intenzione arrivare ad utilizzare il lavoro interinale, seppur previsto dalla normativa e nei prossimi giorni illustreremo al Prefetto il Piano per il Policlinico. Si deve partire dal reale fabbisogno di personale da parte dell'Umberto I e non dalla spesa storica per riorganizzare i servizi, ampliare l'offerta in intramoenia e garantire procedure concorsuali. Nessuno può chiedere alla Regione Lazio e all'Azienda di procedere al di fuori della legge". Lo afferma in una nota la Regione Lazio.

SANITA', VIA LIBERA A NUOVI DG SAN CAMILLO E SANT'ANDREA

Parere favorevole in VII commissione: designati Antonio D'Urso ed Egisto Bianconi

La commissione Politiche sociali e Salute, presieduta da Rodolfo Lena (Pd), ha espresso parere favorevole a maggioranza sugli schemi di decreto numero 17 e 18 a firma del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, riguardanti la nomina dei nuovi direttori generali delle Aziende ospedaliere San Camillo-Forlanini e Sant'Andrea, nelle persone - rispettivamente - di Antonio D'Urso ed Egisto Bianconi.

Gli incarichi assegnati avranno la durata di 3 anni dal momento del conferimento. Eventuali ricorsi giurisdizionali al Tar ai singoli decreti sono ammessi nei termini di 60 giorni.

Di seguito i profili anagrafici e professionali dei direttori generali designati.

Azienda ospedaliera San Camillo-Forlanini - ANTONIO D'URSO

Nato a Catania il 12 gennaio del 1962. Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1986 e successivamente specializzato in Igiene, Medicina preventiva, Medicina legale, Organizzazione sanitaria.

Dal 2012 ha diretto la Asl 2 di Lucca, dopo aver ricoperto il ruolo di direttore sanitario alla Asl 4 di Prato. Al San Camillo-Forlanini ha diretto il Centro regionale Sangue nel 2010. In precedenza ha svolto incarichi dirigenziali nel Lazio anche presso la Asl Roma/B, l'ospedale San Filippo Neri e la Asl di Latina.

Azienda ospedaliera universitaria Sant'Andrea - EGISTO BIANCONI

Nato a Roma il 30 gennaio del 1968. Laureato in Economia e Commercio nel 1996, con successive specializzazioni in Diritto e tecnica degli appalti pubblici e in Organizzazione e risorse nelle aziende sanitarie. Dal 2001 lavora stabilmente all'ospedale Sant'Andrea, ricoprendo l'incarico di dirigente e quindi di direttore amministrativo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione, Roma-Latina e Cisterna - Valmontone: l’opera sarà aggiudicata entro l’anno

FrosinoneToday è in caricamento