Regione, Saldi al via il 5 gennaio

“Nel Lazio la data di inizio dei saldi invernali sarà giovedì 5 gennaio 2017. La data è quella prevista dalla normativa regionale (in quanto primo giorno feriale antecedente l’Epifania) e confermata l’8 giugno scorso dalla Commissione Attività...

saldi

“Nel Lazio la data di inizio dei saldi invernali sarà giovedì 5 gennaio 2017. La data è quella prevista dalla normativa regionale (in quanto primo giorno feriale antecedente l’Epifania) e confermata l’8 giugno scorso dalla Commissione Attività Produttive della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome. La durata dei saldi sarà di sei settimane”. Lo comunica in una nota la Regione Lazio.

BILANCIO, SIMEONE (FI): "DA ZINGARETTI E FORTE REGALI RICICLATI PER I CITTADINI DELLA PROVINCIA DI LATINA"

“Il presidente Zingaretti e i consiglieri regionali, eletti nella provincia di Latina, sono entrati ufficialmente in campagna elettorale. E quale migliore occasione della presentazione del documento di economia e finanza regionale, della proposta di bilancio e legge di stabilità 2017 per spendere in lungo e largo i miracoli e gli obiettivi che la Regione in salsa rossa è pronta a raggiungere nell’anno che verrà. Peccato che, come di consueto, gli investimenti e i progetti spesi siano solo la fotocopia ormai sbiadita di quanto detto, e non fatto, negli anni precedenti. Un esempio su tutti, le parole trionfali con cui proprio il consigliere Forte, ormai uso a copia e incolla, non ultimo quello sulle fasce frangivento, ha illustrato l'imminente arrivo della terapia neonatale al Goretti di Latina.Peccato che la stessa certezza il consigliere del Pd l'avesse avuta, come ampiamente contenuto nelle rassegne stampa di questi anni, a dicembre 2013, ad aprile 2015, e di nuovo ad ottobre dello stesso anno. Un passaggio che, come giustamente ribadito nelle ultime ore, è fondamentale per la realizzazione concreta di un Dea di II livello all’ospedale Goretti di Latina. Peccato che Forte e Zingaretti non si siano accorti che proprio il Goretti, che avevano assicurato sarebbe diventato Dea di II livello a giugno 2015, a dicembre 2016 sia ancora alle prese con personale insufficiente, graduatorie obsolete, servizi al palo, dipartimenti che rischiano di chiudere ogni dieci minuti per carenza di personale infermieristico e tecnico. Stesso discorso per le autorizzazioni alle assunzioni in deroga al turn over annunciate talmente tante volte che, se fossero vere, se anche la metà dei medici previsti fosse entrato negli ospedali della provincia di Latina, oggi ne potremmo prestare qualcuno a strutture fuori provincia. Sorprende che Zingaretti ed i suoi non si accorgano che effettuare ogni anno gli stessi progetti evidenzi solo il fatto che non li abbiano portati a termine. Metta in luce l'inefficienza e le inadempienze che questa Regione doveva evitare e di cui invece ha fatto il vessillo della propria amministrazione. Capiamo che sotto Natale siamo tutti più buoni. Ma pensare che i cittadini accettino supinamente i regali riciclati contenuti in tali affermazioni credo sia una vera e propria offesa all’intelligenza delle comunità che abbiamo l’onore di rappresentare. In questi giorni stiamo leggendo con molta attenzione i documenti che si apprestano ad approdare già da lunedì prima in commissione e poi in consiglio regionale. E i dati che emergono su occupazione, crescita economica e sviluppo lasciano poco spazio alla fantasia. Il 2018 si avvicina, e comprendiamo bene che il ben servito dei cittadini a Renzi, pesi come una nuvola nera sulla testa di Zingaretti e dei suoi. Ma se continuano a vendere fumo, a non formulare proposte che siano capaci di entrare concretamente nelle maglie della vita dei cittadini, il rischio che corrono è quello di fare la stessa, identica fine.Per parte nostra lavoreremo, come ogni anno, nel tentativo di dare sostanza a proposte che come al solito sono una lunga enumerazione di vedremo. Zingaretti e il Pd accettino lo spirito di collaborazione almeno con l'obiettivo di colmare il vuoto a cui ci hanno abituato". Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Simeone

PALUMBO (PD): "CON RAGGI A PIAZZA VENEZIA ALBERO DI NATALE PIU’ BRUTTO DI SEMPRE"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“A piazza Venezia ieri è stato acceso l’albero di Natale più brutto di sempre, che per giunta grava sulle tasche dei cittadini romani per ben 15 mila euro. Un pessimo biglietto da visita per la Capitale d’Italia, soprattutto in un periodo come questo, vitale per il turismo della città. Con la Giunta Raggi Roma si sta spegnendo sempre più. Speriamo che il Sindaco faccia rimuovere al più presto l’obbrobrio posizionato nel cuore di Roma.” Lo dichiara in una nota Marco Palumbo, consigliere comunale del Partito Democratico e presidente della commissione Trasparenza di Roma Capitale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Coronavirus, muore Pino Scaccia. L'addio di Vacana: ‘In Ciociaria lo avevamo premiato un mese fa’

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento