Regione, Santa Severa Ravera: ‘castello torna a vivere a Maggio “festival della lettura ad alta voce”’

Amo il Castello di Santa Severa, come tutti i cittadini che l'hanno visto, magari soltanto da fuori, perché per anni è stato praticabile, visibile e godibile soltanto a tratti, per brevi periodi di tempo.

Castella Santa Severa

Amo il Castello di Santa Severa, come tutti i cittadini che l'hanno visto, magari soltanto da fuori, perché per anni è stato praticabile, visibile e godibile soltanto a tratti, per brevi periodi di tempo.

E' un luogo incantevole che unisce cultura e natura, un castello sfiorato dal mare, benedetto dalla musica ininterrotta della risacca, ricco di giardini e cortili, di una cappella affrescata e torrette e saloni e scavi archeologici... E' bello sapere che da questa giornata sarà a disposizione dei cittadini e dei turisti e dei viaggiatori. Sempre. Il 12 maggio, insieme al Centro per il Libro, incominceremo a riempire questo spazio affascinante di bambini e ragazzi e attori e personalità del mondo dello spettacolo, per il primo "Festival della lettura ad alta voce".

Ogni capoluogo della Regione Lazio ha selezionato, fra 350 studenti delle medie inferiori e superiori e alunni delle elementari, i più bravi a leggere "forte", alcune belle pagine di tre romanzi, due classici e un contemporaneo. Sono 30 i prescelti, tutti fra gli 8 e i sedici anni. Si affronteranno in 15 coppie. I vincitori riceveranno 10 libri, per incominciare a costruirsi una libreria. Padrino della manifestazione e presidente della giuria: l'attore Pietro Sermonti, Allenatore dei ragazzi alla recitazione, il regista Roberto Gandini.

Il Castello di Santa Severa, così maestoso, così carico di storia, sarà attraversato dalle parole della lettura e dalla creatività dei più giovani. Tornerà a vivere".

Lo dichiara in una nota Lidia Ravera, assessore alla Cultura e Politiche giovanili della Regione Lazio.

SANTA SEVERA, ZINGARETTI: ‘CASTELLO SANTA SEVERA RIAPRE PER SEMPRE’

Con l'inaugurazione del Castello di Santa Severa, che riapre per sempre. Nel Lazio le cose cambiano e in meglio”. Lo scrive su twitter il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Il Castello di Santa Severa riapre al pubblico: tutte le informazioni

RIAPRE IL CASTELLO DI SANTA SEVERA - Dal giorno della sua riapertura, fissato per il 25 aprile, il Castello di Santa Severa offrirà ai suoi visitatori la possibilità di visitare gli ambienti interni alle mura con cinque musei, cinque sale convegni di varie dimensioni, un cocktail bar, una libreria e un book shop che apriranno entro l'estate, oltre a sette diverse tipologie di spazi esterni per eventi. In base al progetto presentato dalla Regione Lazio pure un hotel e un ristorante previsti nel 2018. A completare la struttura, anche opere dall'alto valore storico: la chiesa consacrata, il battistero consacrato, la torre del XII secolo, la rocca medievale. LUDOTECA AL CASTELLO DI SANTA SEVERA - Da giugno 2017 spazio poi anche alla ludoteca dove ogni giorno saranno previsti dei laboratori di archeologia, artigianato e giochi per bambini: il servizio sarà a disposizione sia per i piccoli del territorio, sia per le famiglie che faranno la visita al castello. L'inaugurazione del rinnovato Castello di Santa Severa è prevista per lunedì 24 aprile, dalle ore 19.30, con artisti circensi e acrobati, video e spettacoli pirotecnici. Una festa che sarà riproposta anche nel pomeriggio del 25 aprile. INGRESSO AL CASTELLO DI SANTA SEVERA - Con la riapertura del Castello di Santa Severa è previsto l'ingresso gratuito per tutti gli spazi aperti del e un biglietto unico per l'entrata ai 5 musei presenti: il Museo del Castello, il Museo del territorio, la Manica Lunga (a partire da giugno con una mostra su Afrodite curata dalla Soprintendenza), l'Antiquarium, il Museo del Mare e della Navigazione antica. “

Potrebbe interessarti: https://www.romatoday.it/eventi/cultura/castello-santa-severa-apertura-pubblico-informazioni.html

Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/RomaToday/41916963809
TRASPORTI, MINNUCCI (PD): “INCASSO MULTE DA INVESTIRE IN SICUREZZA STRADALE “Nel 2015 il gettito dei comuni, relativo agli incassi per le multe pagate dagli automobilisti e dai motociclisti, è arrivato a 1,7 miliardi di euro: un’entrata considerevole che deve essere investita sulla sicurezza delle nostre strade, a partire dal rifacimento del manto stradale che, come nel caso di Roma e della sua area metropolitana, necessita di interventi importanti e urgenti. Dalle buche all’istallazione di nuovi diffusori di velocità, passando per il rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale: gli accorgimenti da apportare alle strade del nostro territorio sono diversi e significativi che, per concretizzarsi, necessitano di un sano protagonismo di tutti enti locali oggi finalmente favoriti dall’entrata di queste nuove risorse. Nel Lazio, in particolare, parliamo di un incremento del 54,7% rispetto al 2014, ovvero oltre 500 milioni di euro che automobilisti e motociclisti sanzionati hanno riconosciuto ai comuni della nostra regione nel 2015. I cittadini, con il pagamento delle multe, hanno fatto il loro dovere: ora è compito delle Amministrazioni locali investire queste risorse sul territorio al fine, non solo di soddisfare il giusto sacrificio economico dei contribuenti sanzionati, ma anche di apportare un adeguato contributo a quella sicurezza stradale che, per le condizioni delle nostre strade, risulta essere sempre più flebile”. Ha detto il deputato dem, Emiliano Minnucci, commentando i dati contenuti nella relazione sulla gestione finanziaria degli enti locali della Corte dei conti per l’anno 2015.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Frosinone usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane finanziere muore nel sonno, la tragedia nella notte

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

  • Cassino, marito e moglie investiti in via Garigliano: lei trasferita a Roma

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento