Regione, Valente: contratto ricollocazione donne 6 mln anche bonus occupazione e bonus conciliazione

Abbiamo pubblicato il bando del “Contratto di ricollocazione - Tempi di vita” dedicato alle donne prive di impiego, residenti nel Lazio e con almeno un figlio minore di 6 anni.

Lucia valente-5

Abbiamo pubblicato il bando del “Contratto di ricollocazione - Tempi di vita” dedicato alle donne prive di impiego, residenti nel Lazio e con almeno un figlio minore di 6 anni.

Con questa misura mettiamo insieme un provvedimento che lega le esigenze occupazionali a un’azione per favorire le pari opportunità. Le donne, aderendo al Contratto di ricollocazione, verranno prese in carico dagli enti accreditati e insieme a loro costruiranno un percorso personalizzato per il reinserimento lavorativo, sia autonomo sia subordinato. L’obiettivo di questa misura è sostenere le persone prive di occupazione, accompagnandole nella ricerca attiva del lavoro con il supporto di un nuovo sistema di servizi per il lavoro incentrato sulla cooperazione tra operatori pubblici e soggetti privati accreditati”. Lo comunica in una nota l’assessore regionale al Lavoro, Pari Opportunità e Personale, Lucia Valente.

“Per agevolare le mamme la misura, finanziata con 6 milioni di euro, prevede un bonus occupazionale per le aziende e un bonus di conciliazione per le mamme – spiega Valente - durante tutto il periodo della durata del contratto di ricollocazione per l’acquisto di servizi per l’infanzia: nido, babysitting, tagesmutter, ludoteca. Con questo bando vogliamo favorire l’inserimento delle mamme nel mercato del lavoro. Abbiamo pensato a questo target perché le donne in corrispondenza di una gravidanza o dopo la nascita di un figlio sono particolarmente vulnerabili e hanno bisogno di essere supportate nella ricerca attiva di una occupazione. Le destinatarie – conclude l’assessore Valente - potranno presentare la propria adesione, in modalità telematica, a partire dalle ore 10 del 26 settembre 2016 fino alle ore 12 del 20 dicembre 2016”.

CULTURA: REGIONE, APERTURA STRAORDINARIA CASTELLO SANTA SEVERA A FERRAGOSTO

“Sono state più di 9.000 le persone che, dal 25 aprile scorso, giorno della riapertura, hanno visitato il Castello di Santa Severa: oltre 3.000 le presenze tra luglio e la prima settimana di agosto. E’ il terzo anno consecutivo che la Regione Lazio apre le porte dello splendido Castello: fino al 25 settembre il pubblico può visitare questo gioiello ricco di fascino, storia, arte e archeologia che trova le sue origini in epoca etrusca. E per Ferragosto, nonostante il lunedì sia giorno di chiusura, è prevista un’apertura straordinaria”. E’ quanto si legge in una nota della Regione Lazio.

“Il Castello – prosegue la nota - col suo suggestivo affaccio sul mare, sorge nell’area sacra della città etrusca di Pyrgi destinata poi a diventare un importante porto commerciale romano. Tracce di epoche successive sono ancora visibili negli scavi portati alla luce sotto il castello vero e proprio che fu eretto nell’XI secolo, insieme al borgo medievale che fu abitato senza interruzioni fino alla tarda antichità.

Restituito al pubblico dopo anni di abbandono dalla Regione Lazio, il sito è ora una méta che merita di essere scoperta e riscoperta, anche grazie ad un progetto multimediale completamente nuovo e suggestivo, realizzato dalla società regionale LAZIOcrea, che ne illustra e valorizza il pregio archeologico, storico e artistico.

Il Castello si trova nel territorio del comune di Santa Marinella. Le aree visitabili e la biglietteria del Castello sono completamente coperte dalla rete WI-Fi, aperta e gratuita, che permette la navigazione internet.

I contenuti della visita sono disponibili anche in lingua inglese, francese e spagnola. Gli spazi interni sono funzionali e maggiormente fruibili, anche grazie all’abbattimento delle barriere architettoniche e all’ottimizzazione dei flussi in entrata e in uscita. E’ possibile inoltre prenotare la visita al Castello, evitando la fila in biglietteria, grazie al numero verde 800 00 11 33 o per mezzo della piattaforma online (regione.lazio.it/santasevera) pagando direttamente con carta di credito.

Info su: regione.lazio.it/santasevera”.

RIFIUTI, RIGHINI (FDI): 'LA CONFERENZA DI SERVIZI PER L'IMPIANTO A VELLETRI NON È AFFATTO NECESSARIA”

Continua senza sosta la strenua battaglia di Fratelli d'Italia contro una gestione dei rifiuti ritenuta a più riprese lacunosa ed approssimativa. E' ancora Giancarlo Righini - che più volte ha sollecitato i vertici regionali ad approvare il Piano energetico e dei rifiuti - a prendere in mano la situazione, come avvenuto proprio in queste ore, quando il capogruppo regionale di Fratelli d'Italia, senza alcun indugio, ha scritto di proprio pugno all'architetto Demetrio Carini e, per conoscenza, all'assessore Buschini, mettendo al corrente la Direzione Regionale Governo Ciclo dei Rifiuti, della necessità "di non procedere con lo svolgimento della Conferenza di Servizi convocata per il 6 settembre, alle ore 10.30, per approfondire il progetto dell'impianto di digestione anaerobica dei rifiuti organici".

"Non può passare inosservato - dichiara Righini - che la volontà del Comune di Velletri è chiaramente contraria alla realizzazione dell’impianto in questione". Nella sua missiva Righini ha quindi trasmesso la copia della Deliberazione del Consiglio Comunale di Velletri (N. 99 del 17/12/2015) con la quale l’assemblea comunale ha impegnato il Sindaco e l’amministrazione alla revoca della delibera n. 51 del 14/05/2012. "Quanto accaduto a dicembre - rincara la dose il capogruppo di Fdi - è stato peraltro il frutto di svariate convocazioni dell'apposita Commissione Speciale sui rifiuti, che ha coinvolto tanti esperti ed associazioni di categoria, tutti concordi sull'inopportunità di andare avanti con quel progetto, come poi recepito anche dall'intero consiglio comunale. Auspichiamo pertanto una presa di coscienza di quanto deliberato dal consiglio comunale veliterno, sperando possa essere posta una pietra tombale sull'intera vicenda. Ovviamente, ove così non fosse, daremo battaglia in ogni sede per tutelare i diritti di cittadini ed agricoltori che il Pd di Servadio e Zingaretti tentano periodicamente di calpestare".

MAFIA CAPITALE, SIMEONE (FI): “STOP AL CARCERE PREVENTIVO PER LUCA GRAMAZIO”

“E’ dal 4 giugno 2015 che Luca Gramazio è costretto in carcere. E’ l’unico esponente politico rimasto dietro le sbarre per quattordici mesi e senza che alcuna condanna, nell’ambito del processo di Mafia Capitale, sia stata pronunciata. Oltre un anno di carcere preventivo nei quali non ha potuto neanche mai abbracciare suo figlio, nato pochi giorni dopo l’arresto. Non entro nel merito di questioni giudiziarie sulle quali i magistrati sono certo faranno adeguata luce. Sono convinto che chi sbaglia debba pagare. Ma sono garantista e come tale credo sia ingiusto e assurdo privare un uomo, fino a prova contraria, e fino al terzo grado di giudizio, innocente, della propria libertà. Così come trovo in queste condizioni vergognoso negare ad un bambino di abbracciare il proprio padre. Per queste ragioni penso sia arrivato il momento di sciogliere queste catene e concedere a Luca Gramazio almeno gli arresti domiciliari. Si tratta di una scelta di buonsenso e di giustizia nei confronti di chi ha comunque di fronte un processo lungo e complesso sul cui esito nessuno può fare previsioni. Oggi, come accaduto in molti altri casi, abbiamo solo una certezza. Luca Gramazio e la sua famiglia una condanna, a mio parere ingiusta, la stanno già subendo e in assenza di qualsiasi sentenza”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Simeone

FONDI, MATTEI (FI): “USI CIVICI E URBANISTICA, CONTINUA IL PERCORSO DELL’AMMINISTRAZIONE PER DARE RISPOSTE AI CITTADINI”

“Esprimo soddisfazione e ringraziamento al consigliere regionale Giuseppe Simeone per aver sostenuto in sede di approvazione del collegato al bilancio regionale 2016 istanze e proposte di emendamenti ad alcune norme urbanistiche, grazie anche all’impegno e al dialogo costante con il Sindaco Salvatore De Meo e l’assessore all’urbanistica Claudio Spagnardi.

I problemi dei cittadini, le criticità legate ad una eccessiva e complessa burocrazia, hanno trovato risposte concrete nell’azione svolta da Forza Italia in consiglio regionale. La sinergia e il confronto hanno consentito di inserire nel collegato al bilancio regionale 2016 emendamenti che consistono in una semplificazione delle procedure per i cittadini e le imprese. I cittadini che devono effettuare l’alienazione di un terreno gravato da uso civico hanno possibilità di rateizzare le somme dovute all’Ente gestore fino ad un massimo di dieci anni rispetto ai cinque previsti precedentemente, evitando quindi le difficili ed onerose strade dell’accesso al credito. Si tratta di un tassello che si aggiunge, sulla spinta dell’innovazione introdotta dalla nostra Amministrazione nel rispetto del programma scelto dai cittadini, nel percorso di perfezionamento di norme che se non fossero state modificate avrebbero continuato a creare disagi ai cittadini che vivono da decenni il problema legato agli usi civici. Tali interventi si aggiungono a quanto fatto in questi anni dall’amministrazione De Meo per lo sviluppo della fascia costiera di Fondi come ad esempio la rimodulazione del decreto Schietroma, l’approvazione della variante campeggi, il piano spiagge, la definizione del piano degli accessi all’arenile e del piano della mobilità sostenibile.

Inoltre, risulta fondamentale il lavoro svolto dal consigliere Simeone a favore delle imprese agricole che da oggi per l’individuazione dell’unità aziendale minima corrispondente ad almeno 30mila metri quadri, avranno la possibilità di considerare anche i terreni non contigui purché ricadenti all’interno dello stesso territorio comunale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non solo. Le aziende agricole avranno la possibilità di procedere, nell’ambito degli interventi di restauro o di manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici esistenti in zona agricola, all’ampliamento del 10% non solo per la superficie ma anche per le volumetrie. Oggi non possiamo che esprimere soddisfazione per i risultati raggiunti perché consentiranno alla nostra comunità di avere strumenti rapidi e concreti per migliorare la qualità della propria vita. Forza Italia e tutta la nostra Amministrazione proseguiranno su questa strada nell’ottica di non sottrarsi mai agli impegni assunti con i cittadini per rendere il nostro territorio un esempio all’insegna della trasparenza amministrativa e della coerenza politica”. Lo dichiara in una nota Vincenzo Mattei - Presidente della Commissione consiliare “Urbanistica usi civici e assetto del territorio” del Comune di Fondi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento