menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Regione, Zingaretti: Lazio prima regione d’italia per estensione servizio, in 30 minuti raggiungibile ogni ospedale

Al via il progetto per realizzare nei Comuni delle cinque province del Lazio 206 aree per l’atterraggio e il decollo degli elicotteri del servizio di elisoccorso regionale usando campi sportivi e aree similari utilizzabili anche di notte e 365...

Al via il progetto per realizzare nei Comuni delle cinque province del Lazio 206 aree per l'atterraggio e il decollo degli elicotteri del servizio di elisoccorso regionale usando campi sportivi e aree similari utilizzabili anche di notte e 365 giorni l'anno. In questo senso oggi il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha inviato una lettera a tutti i sindaci e ai presidenti di Provincia del Lazio per informarli delle iniziative e chiedere loro collaborazione. L'obiettivo è quello di certificare, entro la prossima estate e in breve tempo, l'agibilità in piena sicurezza dei siti individuati, implementando in modo significativo la rete esistente. A questi si aggiungono le 38 aree previste a Roma per il Giubileo portando così la rete dell'emergenza-urgenza a contare su 244 punti autorizzati per l'operatività delle eliambulanze regionali.

Significa che la "distanza" tra il luogo dell'evento in ogni comune del Lazio e il Dipartimento d'emergenza di riferimento si riduce ad un massimo di trenta minuti di volo, garantendo così un'assistenza tempestiva anche alle comunità più isolate e difficilmente raggiungibili. Con questa progetto la Regione Lazio è la prima in Italia a dare attuazione in modo così esteso e capillare a quanto previsto dal regolamento europeo 965/12, che è stato recepito nella legge regionale 11 del 2014 e che permette di utilizzare campi sportivi e spazi aperti ma solo dopo una valutazione tecnica di agibilità condotta dal personale di Ares 118, tecnici dell'elisoccorso e dell'Enac.

In particolare nei Comuni della provincia romana è già stato individuato un primo gruppo di 79 siti tra campo di calcio in sintetico e in erba, già dotati di impianto di illuminazione notturna; in provincia di Viterbo le aree sono 51, in quella di Latina 32; nella provincia di Frosinone 31, in quella di Rieti 13. Verifiche e sopralluoghi inizieranno nei prossimi giorni per predisporre e ottenere il relativo parere dell'ENAC.

"Il Lazio - spiega il presidente Nicola Zingaretti - diventa così la prima Regione italiana per estensione del servizio di elisoccorso che sarà attivo anche per il trasporto neonatale. Si creano in questo modo le condizioni per garantire concreta uguaglianza d'accesso agli Hub delle 'reti tempo dipendenti' a tutti i cittadini del Lazio a prescindere dal luogo di residenza, per 365 giorni l'anno, sia di giorno che di notte. Con una rete così capillare l'ospedale è raggiungibile da ogni punto della Regione Lazio in 30 minuti. Quella che abbiamo elaborato è solo una lista indicativa ma non esaustiva nel senso che anche altri comuni possono avanzare la richiesta di essere inseriti nella rete se hanno spazi tecnicamente idonei. La sanità più vicina ai cittadini non è uno slogan, ma un fatto concreto che offre maggiore efficienza senza aumentare la spesa, perché questo progetto non comporta costi aggiuntivi per le casse regionali". CORRUZIONE: ZINGARETTI, FINALMENTE MAGGIORI STRUMENTI PER PA PULITA E TRASPARENTE

"Legge anticorruzione: finalmente maggiori strumenti per una PA pulita e trasparente. Nel Lazio già avviata positiva collaborazione con Anac". Lo ha scritto sul proprio profilo Twitter il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

"USURA" E "DIA": LICENZIATE DUE PROPOSTE DI LEGGE DALLA PRIMA COMMISSIONE

Parere favorevole alla PL 64/213 e alla PL 243/2015. I testi saranno trasmessi per la calendarizzazione dei lavori del Consiglio regionale.

La prima commissione consiliare Affari costituzionali e statutari, affari istituzionali, enti locali e risorse umane, federalismo fiscale, sicurezza, integrazione sociale e lotta alla criminalità, presieduta da Baldassarre Favara (Pd), ha dato parere favorevole a maggioranza (astensione del M5S) alla proposta di legge n. 64 del 13 settembre 2013 concernente "Interventi regionali in favore dei soggetti interessati dal sovraindebitamento o dall'usura"; e all'unanimità dei presenti alla proposta di legge n. 243 del 14 aprile 2015 concernente: "Modifiche alla legge regionale 5 luglio 2011, n. 15 (promozione di interventi volti a favorire un sistema integrato di sicurezza nell'ambito del territorio regionale) e successive modifiche che inserisce un rappresentante del Centro Operativo di Roma della Direzione Investigativa Antimafia.

Nella dichiarazione di voto sulla PL 64, i due consiglieri di M5S (Corrado e Perilli) hanno annunciato la loro astensione perché "non è stato risolto il nodo in riferimento all'usura bancaria, sul quale daremo valutazioni più specifiche durante i lavori d'Aula".

Parere favorevole unanime sulla PL 243 che stabilisce l'inserimento di un rappresentante della Dia nell'osservatorio.

Soddisfazione è stata espressa dal presidente Favara che ha ringraziato i membri della prima commissione per il lavoro portato a termine con grande attenzione e scrupolosità.

Le due proposte di legge saranno trasmesse alla Presidenza del Consiglio per la calendarizzazione dei lavori d'Aula.

Il presidente Favara ha annunciato che nella prossima seduta la commissione lavorerà sull'articolato della proposta di legge n. 92 del 24 ottobre 2013 concernente "Disposizioni in materia di accesso, anagrafe pubblica degli eletti, portatori di interessi particolari, obblighi di pubblicazione, dati aperti e agenda digitale regionale. Livelli ulteriori di tutela in materia di trasparenza rispetto al decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33"

Oltre al presidente Favara, erano presenti alla seduta, anche i vice presidenti Fabio Bellini (Pd) e Gianluca Perilli (M5S) e i consiglieri Cristiana Avenali, Riccardo Valentini, Gian Paolo Manzella, Maria Teresa Petrangolini (Pd); Valentina Corrado (M5S).

PROTOCOLLO CON ORDINE GEOLOGI LAZIO PER MIGLIORARE CAPACITA' OPERATIVE PROTEZIONE CIVILE FIRMATO PRESSO LA SALA OPERATIVA PERMANENTE DELLA REGIONE LAZIO

Agenzia Regionale di Protezione Civile e Ordine dei Geologi del Lazio insieme per rendere ancora più efficace la capacità operativa di gestione in situazioni di crisi ed emergenza in occasione di eventi naturali e garantire sul territorio maggiore sicurezza per i cittadini.

E' questo l'obiettivo del protocollo d'intesa triennale firmato presso la Sala Crisi dell'Agenzia da Gennaro Tornatore, direttore dell'Agenzia Regionale di Protezione Civile e Roberto Troncarelli, presidente dell'Ordine dei Geologi del Lazio.

L'Ordine fornirà quindi all'Agenzia un apporto concreto in fase di emergenza, mettendo a disposizione la capacità specifica di ciascun iscritto che faccia parte del proprio Gruppo di Protezione Civile, formato dagli iscritti che hanno svolto un percorso formativo specifico nell'ambito dell'accordo di Collaborazione fra Dipartimento di Protezione Civile e il Consiglio Nazionale dei Geologi.

Così come stabilito dal protocollo i professionisti verranno impiegati in sopralluoghi durante un evento sismico per il riconoscimento dei danni sul territorio prodotti dall'evento, quali frane sismo-indotte, dissesti, subsidenza; in sopralluoghi nelle squadre per il rilievo del danneggiamento di edifici o a rilievi macrosismici; in sopralluoghi durante eventi metereologici avversi per particolari criticità di tipo idrogeologico e idraulico; in sopralluoghi durante un evento franoso per l'indicazione della criticità.

Potranno altresì essere utilizzati, con ratifica di apposite convenzioni, in caso di eventi calamitosi di tipo C (emergenze a livello nazionale) in altri territori regionali che richiedano alla Regione Lazio supporto e aiuto di personale specialistico, per particolari esigenze dell'Agenzia per la valutazione di criticità del territorio o per il monitoraggio attivo di presidio territoriale in caso di fenomeni ancora non in fase emergenziale.

"Con la firma del protocollo - ha detto Gennaro Tornatore, direttore dell'Agenzia regionale di Protezione Civile - miglioriamo ancora di più le capacità operative dell'Agenzia in fase emergenziale. Il supporto dei geologi sarà senza oneri per la Regione Lazio".

"Dopo la firma del protocollo odierno - ha aggiunto Roberto Troncarelli, presidente dell'Ordine Geologi del Lazio - l'auspicio è che si possa giungere all'istituzione di presidi territoriali idrogeologici quali supporto tecnico alle autorità di Protezione civile in relazione all'assunzione delle decisioni volte ad assicurare la tutela alla popolazione esposta ai rischi naturali".
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento