Roma, acqua, Minnucci (pd): “la raggi ha avviato una guerra dell’acqua”

“Quello a cui stiamo assistendo sul tema del servizio idrico nel territorio di Rieti è paradossale e inaccettabile: se da un lato il Presidente Zingaretti ha incentivato lo sviluppo integrato del territorio con un riconoscimento economico a favore...

barcaccia

“Quello a cui stiamo assistendo sul tema del servizio idrico nel territorio di Rieti è paradossale e inaccettabile: se da un lato il Presidente Zingaretti ha incentivato lo sviluppo integrato del territorio con un riconoscimento economico a favore dei Comuni del reatino che per anni hanno offerto le loro sorgenti a Roma, dall’altro il Sindaco Raggi ha presentato un ricorso al TAR per bloccare l’iniziativa regionale e avviare incoscientemente una guerra dell’acqua a discapito dello sviluppo della nostra regione” ha detto ildeputato dem Emiliano Minnucci a seguito del ricorso presentato al Tar del Lazio dal Sindaco di Roma Capitale contro alla delibera della Giunta regionale in merito all'Interferenza d'Ambito tra Ato 2 e Ato 3. “La scelta della Reggi testimonia il grado di pressapochismo di un movimento capace solo a fare propaganda e proselitismo. Non si può pensare di governare una città come Roma senza tener conto delle esigenze dell’intero territorio regionale che, anche nell’ottica della nascita e dello sviluppo della Città Metropolitana, necessita di mettere in campo processi di condivisione e programmazione al fine di promuovere un protagonismo complessivo della nostra regione. Il Sindaco di Roma deve capire che la delibera regionale non è stata una scelta di nepotismo politico ma esclusivamente un atto lungimirante e imparziale per promuovere importanti investimenti sulla rete idrica del reatino che per troppi anni ha fornito le sue acque alla capitale. Massima solidarietà, dunque, ai sindaci di Ato 3 che venerdì prossimo scenderanno in piazza per battersi contro una decisione scellerata che danneggia Rieti e tutto il suo territorio”.

ACQUA, LEGAUTONOMIE LAZIO: “MASSIMO SOSTEGNO AI COMUNI DEL REATINO”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La delibera dello scorso 17 maggio con la quale la Regione Lazio ha riconosciuto un indennizzo economico al Comune di Rieti e al suo territorio per lo sfruttamento delle sorgenti Peschiera-Le Capore da parte di Roma, è stato un atto dovuto e di straordinaria importanza a sostegno di tutte le Amministrazioni locali che si apprestano così ad affrontare il capitolo della gestione pubblica del sistema idrico integrato” ha detto Bruno Manzi, Presidente di Legautonomie Lazio, criticando il ricorso al TAR presentato dal Sindaco di Roma Capitale, Virginia Raggi. “L’atto della Raggi, oltre a disconoscere il principio di equilibrio e di competitività della nostra regione, rischia di compromettere l’importante risultato raggiunto dalla Giunta Zingaretti che, dopo anni di stallo, ha avviato un percorso fondamentale per lo sviluppo di un intero territorio, a partire dalla sua rete idrica. Il Sindaco di Roma Capitale non può pensare di amministrare tenendo conto solo ed esclusivamente delle esigenze della sua città, è necessario stabilire un equilibrio sostanziale tra la Capitale e gli altri territori, a partire dai servizi essenziali come quello dell’acqua pubblica che, come in questo caso, necessitano di programmazione e investimenti economici. Per questo – conclude Manzi – Legautonomie Lazio si schiera a fianco degli 81 sindaci di Ato3 che venerdì prossimo raggiungeranno la sorgente Peschiera-Le Capore per manifestare e rivendicare l’attuazione della delibera regionale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento