Roma, AIAF letto con sgomento “le linee guida” in materia di famiglia

Aiaf - Associazione Italiana degli Avvocati per la Famiglia e per i Minori ha letto con sgomento le  "cosiddette" linee guida redatte dal Presidente della sezione civile del Tribunale di Brindisi.

famiglia-2

Aiaf - Associazione Italiana degli Avvocati per la Famiglia e per i Minori ha letto con sgomento le "cosiddette" linee guida redatte dal Presidente della sezione civile del Tribunale di Brindisi.

Preliminarmente Aiaf rileva che non si tratta di linee guida ma di un'imposizione aprioristica di un modello unico per la risoluzione di ogni conflitto familiare che calpesta la specificità di ogni singolo caso che non può essere semplicisticamente ed ideologicamente risolto tramite un richiamo egualitario di natura totalitaria.

Infatti Aiaf rileva che il Presidente della sezione civile del Tribunale di Brindisi, propone, sulla carta, ma in realtà impone (anticipando il pensiero proprio che si suppone applicherà anche nei giudizi contenziosi) un modello unico di famiglia separata – fondata sul matrimonio o di fatto – in cui: i figli devono stare due giorni da un genitore e due giorni dall’altro;

nella casa familiare, dovrà restare a vivere, sempre, chi l’ha comprata facendo, così prevalere le ragioni della proprietà sulla tutela dei diritti dei minori;

nessun assegno sarà mai dovuto al genitore economicamente più debole per il mantenimento del figlio, in evidente contrasto con le ultime decisione della Corte di Cassazione che ha asserito il principio esattamente contrario e, conseguentemente, assoggettando il figlio a due distinti e alternati tenori di vita.

In pratica si elimina il diritto alla conservazione dell’habitat domestico, si dividono salomonicamente i minori in due come fossero spicchi di un’arancia e si nega il diritto dei figli a non subire le conseguenze economiche della separazione dei genitori.

Aiaf evidenzia che la magistratura deve applicare la legge e non abrogarla de facto, come propugnato dalle cosiddette linee guida.

Il modello proposto poi, aderendo esclusivamente al pensiero di associazioni ideologizzate e partigiane è profondamente lesivo dei diritti dei minori, il cui interesse viene subordinato a quello dei genitori, ma soprattutto non coglie il vero spirito della legge sull’affidamento condiviso e della riforma della filiazione, con cui si è passati dalla visione "adultocentrica", che il documento presentato vorrebbe surrettiziamente reintrodurre, a quella “bambinocentrica”.

Emettere cosiddette linee guida chiuse e predeterminate imporrà a tutti coloro che risiedono nel circondario del Tribunale di Brindisi di non discostarsi da esse, ben sapendo quale è l’idea del Presidente di sezione. Una violazione gravissima del principio di imparzialità del giudice.

Aiaf, da sempre, si è fatta promotrice di ampi dibattiti in merito al superamento di concezioni vecchie e non più adeguate all’evoluzione sociale : anche per questo dice NO all’applicazione ideologica e illiberale di tesi di parte, peraltro già respinte dal Legislatore, che non può essere scavalcato o superato da interventi promossi da chi dovrebbe esercitare la funzione giurisdizionale in maniera indipendente.

Aiaf si appella al Ministro della Giustizia e al Procuratore Generale della Suprema Corte di Cassazione affinché intervengano quanto prima, con gli strumenti che la legge fornisce loro, per impedire la negazione sistematica del diritto e per evitare che la Costituzione sia calpestata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento