Roma, Imparare da chi ha avuto successo

Il grande Pablo Picasso diceva che uno dei segreti del suo successo era perché “era bravissimo a copiare” e con queste stesse parole Oscar Farinetti ha iniziato una sua conferenza. Siamo andati a questa particolare conferenza perché abbiamo...

oscar-farinetti-1

Il grande Pablo Picasso diceva che uno dei segreti del suo successo era perché “era bravissimo a copiare” e con queste stesse parole Oscar Farinetti ha iniziato una sua conferenza.

Siamo andati a questa particolare conferenza perché abbiamo alcune idee su come promuovere i territori, le piccole imprese, gli artigiani e gli artisti. Non potevamo lasciarci sfuggire la possibilità di ascoltare Farinetti dal vivo che raccontava la storia di come è nata l’idea, eppoi il successo, di Eataly. Così mentre parlava cercavamo conferme sulla validità del processo che abbiamo intrapreso da quando abbiamo iniziato a occuparci di promozione di territori e imprese.

Il punto di partenza di Farinetti è quello di avere il “sogno e la poesia di una idea” seguiti da una lucida analisi, ha impiegato oltre tre anni per capire se il suo desiderio di occuparsi di cibo italiano avrebbe avuto spazi di mercato nel mondo. Senza una centro “poetico” una impresa diverrebbe solo speculativa e non destinata a incidere positivamente nel suo contesto sociale.

Ed anche noi siamo partiti da un sogno: il portalewww.energitismo.com con cui volevamo spronare le piccole imprese italiane a competere sulla qualità collegandosi con arte e storia, aggiungendo saperi tradizionali e lifestyle legati al territorio. Vi immaginate un prodotto tedesco competere con uno italiano sul piano del lifestye?

Il secondo punto di Farinetti riguardava l’importanza dei numeri: nel suo caso quelli riguardanti l’estrema biodiversità agricola italiana e le basse esportazioni (soprattutto nel 2004 quando ha iniziato a maturare l’idea di Eataly). E, continuando il parallelo con Energitismo, anche qui i dati sono a nostro favore: oltre il 95 % delle imprese sono piccole e micro e, ora che i mercati locali si sono contratti, tutte queste micro-realtà devono andare a cercarsi nuovi mercati all’estero dove i prodotti italiani sono molto ricercati. Un totale squilibrio fra domanda ed offerta.

Il terzo punto è la narrazione: raccontare non solo il prodotto, ma la storia del produttore e del luogo in cui questo viene coltivato per aggiungere valore percepito a quello che altrimenti sarebbe un normale prodotto agricolo che compete con quelli provenienti da altri paesi. Ed anche qui siamo pronti: abbiamo strutturato una strategia per creare una immagine positiva alle microimprese raccontando storie su quello che realizzano, la loro filosofia di vita, il loro paese di provenienza.

L’ultimo punto era analizzare le criticità e qui la sua risposta è stata semplice: altri paesi sono organizzati con la grande distribuzione e il primo ostacolo dei piccoli all’esportazione è la barriera linguistica. Per questo siamo partiti dal web, che non ammette più improvvisazioni ma richiede professionalità adeguate, e raccontiamo le storie con amore e con stile inglese.

Grazie Oscar! Ogni tanto abbiamo un momento di scoramento pensando che la situazione di oggi non è quella di quando hai cominciato tu e che la situazione psicologica delle persone non è esattamente “positiva”, che dobbiamo spiegare ai piccoli che anche loro possono prendere il volo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La varietà dei nostri territori è la nostra ricchezza e a noi preservarla e farci conoscere per emozionare tanti nuovi turisti. Noi ci siamo e non molleremo!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Coronavirus, muore Pino Scaccia. L'addio di Vacana: ‘In Ciociaria lo avevamo premiato un mese fa’

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento