Roma, la Regione Lazio all’expo di Astana con quattro progetti innovativi

Lunedì 3 luglio 2017 saranno presentate in anteprima al Palazzo del Rettorato le eccellenze di ricerca del Lazio in tema di energia che saranno presenti nel Padiglione Italia nell’ambito di EXPO Astana 2017.

montecassino-diaolo-tra-religioni-24-quirino-briganti

Lunedì 3 luglio 2017 saranno presentate in anteprima al Palazzo del Rettorato le eccellenze di ricerca del Lazio in tema di energia che saranno presenti nel Padiglione Italia nell’ambito di EXPO Astana 2017. Si tratta, in particolare, di 4 progetti di ricerca, i cosiddetti avatar, (su 12 complessivi italiani) selezionati da un Comitato Scientifico ad hoc nazionale (presieduto dal Commissario Generale di Sezione per il Padiglione Italia e composto, tra gli altri, da rappresentanti del MAECI e MISE). Sono, più nel dettaglio, 12 postazioni informative e scenografiche (di cui appunto 4 laziali), costituite da lastre in plexiglass sulle quali saranno proiettati visual a figura intera di 12 personaggi italiani (scienziati, imprenditori, ecc.) che si attiveranno quando il visitatore sarà loro davanti, iniziando a raccontare la propria esperienza e a illustrare i propri progetti innovativi. I progetti sono stati proposti alla Regione Lazio dalle università e centri di ricerca laziali.

A ciò si aggiungono i “totem”. Si tratta di postazioni interattive situate all’interno del padiglione Italia che conterranno altri progetti di ricerca e best practice sul tema energia proposte dalle Regioni italiane tra cui il Lazio (che presenterà 12 esperienze).

L’incontro sarà aperto dai saluti del rettore Eugenio Gaudio e dell’assessore allo Sviluppo economico e alle attività produttive della Regione Lazio, Guido Fabiani.

Sono previsti gli interventi introduttivi di Quirino Briganti, coordinatore per la Regione Lazio delle attività di promozione del Made in Italy nell’ambito di EXPO Astana 2017 e di Livio de Santoli, Delegato per l’Edilizia e per le politiche energetiche della Sapienza.

Sarà poi la volta dell’illustrazione dei progetti universitari, i cui i responsabili scientifici, in forma di avatar, presenteranno i contenuti così come sono proposti nella piazza Leonardo Da Vinci del padiglione italiano ad Astana.

Rappresentanti di Enea, Rse e Lazio Innova presenteranno poi Totem della Regione Lazio. Seguirà un dibattito moderato dal giornalista Antonio Cianciullo. Concluderà l’incontro l’intervento di Francesco Bonini, Vice Presidente Vicario CRUL.

SICCITA’, MINNUCCI (PD): “NECESSARIA VOLONTA’ UNANIME PER SALVARE LAGO BRACCIANO”

“Le azioni promosse dall’Osservatorio per gli usi idrici sono da accogliere con una certa soddisfazione ma, come ho già dichiarato, non possono rappresentare le giuste soluzioni per evitare al lago di Bracciano di sfociare in un vero disastro ambientale. Oltre a fermare immediatamente le captazioni delle acque da parte di Acea, è necessario mettere in atto un piano di interventi adeguato al fine di ripristinare e garantire quella normalità dell’ecosistema lacustre che, data la grave situazione, rischia di subire danni insanabili. In questo contesto, dunque, bene ha fatto il Comitato per la difesa del bacino lacuale Bracciano-Martignano a rivolgersi al Ministero dell’Ambiente, alla Regione Lazio e al Parco Naturale Regionale Bracciano-Martignano, chiedendo l’adozione di azioni mirate e immediate a tutela dell’ambiente e della stessa risorsa idrica. Azioni mirate che, data l’impellenza e l’attuale situazione, preveda anche un’ordinanza ministeriale e regionale che proibisca qualsiasi captazione delle acque. Abbassare il volume dei prelievi, così come stabilito dall’Osservatorio, è un semplice antidolorifico: in questo caso abbiamo bisogno di una terapia specifica che abbatta definitivamente il rischio di disastro ambientale. È necessario poter contare, dunque, su una volontà unanime da parte di tutti: dalle istituzioni ai cittadini, passando per quelle associazioni ambientaliste che abbiamo cercato di coinvolgere in tempi non sospetti cercando il loro prezioso e professionale contributo”. Lo ha detto il deputato dem, Emiliano Minnucci, commentando le nuove azioni messe in campo dal Comitato per la difesa del bacino lacuale Bracciano-Martignano.

MINISTRO DEGLI ESTERI IRANIANO ZARIF IN ITALIA – MEDIA SI TOLGANO IL

BAVAGLIO DELL'AUTOCENSURA E RENDANO PUBBLICO QUEL CHE E' NOTO DEL REGIME IRANIANO, E PRETENDANO DI CONOSCERE E DIFFONDERE L'OGGETTO DEI COLLOQUI. Nel silenzio assordante dei media italiani, con l'eccezione di Agenzia Nova, oggi dovrebbe essere in Italia il Ministro degli Esteri dell'Iran Mohammad Javad Zarif per una serie di colloqui istituzionali tra i quali

quello con il Premier Paolo Gentiloni e il suo omologo Angelino Alfano.

Agenzia Nova ha anche riportato dall'agenzia Al Awsat il discorso che Zarif ha tenuto nella capitale tedesca durante il quale ha affermato che "i paesi che hanno accusato l'Iran o il Qatar di appoggiare il terrorismo stavano cercando di evitare di assumersi la responsabilità per i propri fallimenti nell'affrontare le richieste dei propri popoli."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche in virtù di queste affermazioni, a conclusione a Edimburgo della sua XIII Assemblea generale l'UNPO, organizzazione dei popoli e delle nazioni non rappresentate, e il Partito Radicale ribadiscono alcune

delle denunce formulate in particolare dalle minoranze per quanto concerne la crescente militarizzazione, oppressione e discriminazione nella vita quotidiana nelle regioni non persiane dell'Iran. Numerosi rapporti hanno documentato che le minoranze non persiane, che includono curdi, baloch, ahwazi azerbajani, turchi e turkmeni, sono soggette a una serrata oppressione e discriminazione, limitando loro accesso al mondo lavorativo, uffici politici, e in genere all'esercizio dei loro diritti culturali, civili e politici. Membri di queste minoranze, così come dell'opposizione che invoca i propri diritti, vanno incontro ad arresti e detenzioni arbitrari, torture, processi approssimativi, pena di morte. Come rileva annualmente il "Rapporto sulla Pena di morte nel mondo" realizzato da Nessuno Tocchi Caino, l'Iran detiene il primato di esecuzioni capitali, sotto il regime dell'attuale Presidente Hassan Rouhani sono state 2.983 le impiccagioni note. Il Partito Radicale e l'UNPO in occasione della visita in Italia del Ministro degli Esteri iraniano Zarif chiedono ai media italiani di togliersi il bavaglio dell'autocensura e facciano conoscere quel che è noto del regime iraniano e le sue politiche nei confronti di minoranze ed oppositori; pretendano di conoscere l'oggetto dei colloqui e lo rendano pubblico, così che i cittadini italiani sappiano cosa e con chi nel loro nome viene fatto. C'è un limite che riteniamo non possa essere superato quello del rispetto dei diritti umani fondamentali a partire dai nostri paesi e il loro rispetto universale. Altrimenti la diplomazia diventa un alibi per trattenere relazioni soprattutto economiche con i regimi più efferati nei confronti di milioni di persone, oppositori o semplici ed inermi minoranze che non hanno altra colpa che di essere tali. REGIONE: RISTRUTTURAZIONE DEBITO CDP E DERIVATI. SARTORE, "DA NUOVE OPERAZIONI LIBERATE RISORSE PER 100MLN DI EURO NEL TRIENNIO 2017/2019" La Regione Lazio, nell’ambito di un’operazione attivata da Cassa depositi e prestiti (CDP) in favore delle regioni colpite dal recente sisma, ha stipulato con CDP il contratto che consente di rinegoziare tre prestiti per i quali il debito ammonta complessivamente a 2.712 milioni di euro. Grazie, tra l’altro, alle nuove condizioni finanziarie, più favorevoli rispetto alle attuali, la Regione beneficerà nel triennio 2017-2019 di minori oneri finanziari per un ammontare pari, complessivamente, a 98,1 milioni di euro. A decorrere dal 2021, si avrà un risparmio strutturale di 1,9 milioni di euro su base annua. “L’operazione – ha spiegato l’Assessore al Bilancio, Alessandra Sartore – rientra in un percorso già avviato dalla Regione in attuazione della legge regionale 12/2014. Nel 2015, la prima procedura di rinegoziazione attuata dalla Regione con CDP ha permesso di ottenere risparmi strutturali per 21,5 milioni di euro su base annua. La nuova rinegoziazione consente di liberare ulteriori risorse da destinare prioritariamente agli interventi regionali a sostegno dei territori colpiti dal Sisma del 2016". Inoltre, nell’ambito di un accordo sottoscritto con Dexia Crediop, la Regione ha deciso di porre fine al contenzioso in essere con il predetto istituto bancario confermando la validità dei contratti di swap stipulati. La Regione ha altresì deciso di procedere all’estinzione anticipata di un contratto derivato (valore nozionale 103 milioni di euro) e alla cancellazione dell’opzione floor a valere su un altro contratto derivato. Per effetto di tali operazioni, la Regione Lazio beneficerà nel triennio 2017-2019 di minori oneri finanziari per un ammontare pari, complessivamente, a 1,4 milioni di euro. A decorrere dal 2021, si avrà un risparmio strutturale di circa 200.000 euro su base annua. "Stiamo cercando – ha concluso l’Assessore – di mettere in campo tutte le misure possibili per riqualificare la spesa e produrre risparmi. Per effetto di tale rinegoziazione, i risparmi strutturali connessi alla ristrutturazione del debito si attestano in 175,2 milioni di euro su base annua. Inoltre, grazie a questa operazione proseguiamo nell’azione di riduzione del portafoglio derivati regionaleridotto dell’81,4% rispetto al 31.12.2012 - ponendo pertanto la parola fine a una stagione in cui l’Amministrazione condizionava, attraverso il ricorso a tali strumenti, gli equilibri dei propri bilanci alle inevitabili fluttuazioni dei mercati finanziari”. Ente Parco Monti Ausoni: siti aperti a Fondi per la Fiera SS. Pietro e Paolo Venerdì 30 giugno 2017, in occasione della nuova fiera cittadina, dalle ore 10,00 sino alla mezzanotte saranno aperti tre siti regionali gestiti dall’Ente Parco: il Museo Ebraico, il complesso San Domenico e Palazzo Caetani. Nella giornata di venerdì 30 giugno 2017 a Fondi si svolgerà una nuova fiera regionale a carattere annuale, istituita in via sperimentale lo scorso aprile con deliberazione del Consiglio comunale, denominata “Fiera SS. Pietro e Paolo”. Per tale occasione l’Ente Parco Naturale Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi, accogliendo la richiesta del Comune di Fondi, nell’ottica di continuare a favorire la conoscenza e fruizione del prezioso patrimonio storico, artistico e architettonico del territorio, ha deciso di garantire l’apertura con orario continuato, dalle ore 10,00 sino alla mezzanotte, di alcuni siti regionali. I tre siti coinvolti nell’iniziativa, tutti nel centro storico cittadino e di cui l’Ente Parco ha competenza nella gestione, sono: il Museo Ebraico, in largo Elio Toaff (ex l.go Aurilio Rufo); il complesso San Domenico, in largo Luigi Fortunato, e Palazzo Caetani, in corso Appio Claudio 11. Si segnala che Palazzo Caetani da pochi giorni, dopo l’inaugurazione avvenuta lo scorso 16 giugno, offre ai visitatori la possibilità di ammirare un gioiello artistico, la cosiddetta “Camera Picta”. E’ uno degli ambienti del Palazzo posti al primo piano, attiguo alla sala grande. Si tratta di una stanza di notevole importanza per la presenza di tratti di affreschi risalenti alla fine del XIII secolo. Menzionata nell’Inventarium Honorati Gaietani del 1491 come la “camera sopra il giardino” (camera supra iardenum), era utilizzata molto probabilmente per riunioni particolari. Il ciclo figurativo rappresenta la scena dell’ottavo libro dell’Eneide ed è attribuito alla scuola di Simone Martini e della scuola Romana. Grazie ai lavori finanziati dalla Regione Lazio l’ambiente è stato liberato delle superfetazioni che ne impedivano una lettura d’insieme; gli affreschi sono stati restaurati nel 2014 e nel 2016 sono stati completati i lavori che permettessero la protezione e la fruizione. In allegato – FOTO: EnteParcoAusoni-Fondi-PalazzoCaetani-CameraPicta- parete S-O Enea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento