menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Consiglio Regionale 1-2

Consiglio Regionale 1-2

Roma per via Togliatti Zingaretti: grazie a operatori 118, intervento tempestivo

Voglio ringraziare anche a nome dell’amministrazione regionale tutti gli operatori del 118 che oggi sono intervenuti nella periferia est della Capitale e hanno tempestivamente soccorso i feriti dell’esplosione. Il loro lavoro e la professionalità...

Voglio ringraziare anche a nome dell'amministrazione regionale tutti gli operatori del 118 che oggi sono intervenuti nella periferia est della Capitale e hanno tempestivamente soccorso i feriti dell'esplosione. Il loro lavoro e la professionalità rappresentano un punto di riferimento per l'intero territorio e per tutti i cittadini".

Così il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti in merito a quanto avvenuto in una palazzina di via Galati, in zona Togliatti, a Roma. Sul luogo dell'esplosione sono intervenute sei ambulanze e un'automedica. Un ferito in codice rosso è stato trasportato all'ospedale Pertini, mentre sono dodici i feriti in codice giallo, di cui cinque trasportati al Policlinico Umberto I, tre al Sant'Andrea, due all'ospedale San Giovanni e due all'ospedale Pertini. Lo comunica in una nota la Regione Lazio.

TRAPIANTI: REGIONE LAZIO, NEL 2014 AUMENTATI DEL 15% , CRESCIUTI I DONATORI E I TRAPIANTI PEDIATRICI

Nel corso del 2014 i trapianti effettuati nei centri regionali sono aumentati del 15% rispetto al 2013 passando da 317 a 366 interventi. Mentre il numero dei donatori è passato da 14.5 per milione di abitanti a 19.7, con un incremento di 5 punti. I trapianti pediatrici sono stati 10 in più del 2013. Sono numeri da record che premiano il modello Lazio trasplant unico in Italia, e che coordina in un unico sistema 4 poli di trapianti di organo per pazienti adulti attivi presso il Policlinico Umberto I , Gemelli, Tor Vergata e S. Camillo -Spallanzani. Questa rete fornisce la propria attività anche in ambito extraregionale essendo punto di riferimento anche per le regioni Umbria, Calabria, Basilicata e Abruzzo. In particolare nel 2014 sono stati effettuati 163 trapianti di rene, 117 di fegato, 26 di cuore, 7 di polmone, e 9 combinati ( di cui 1 rene - pancreas e 7 di fegato-rene,1 cuore polmone). I trapianti pediatrici sono stati 42, 10 in più del 2013, di questi 15 sono stati di rene, 13 di fegato, 10 di cuore , 4 combinati. Da donatore vivente i trapianti sono stati 26 di rene e di fegato. Per le Regioni collegate invece i trapianti sono stati 10 (8 di fegato e 2 di rene). I pazienti in attesa di un organo nel Lazio sono 1.040 di cui 867 per rene, 95 fegato. Ventisei sono i pazienti in attesa di un cuore compatibile, 71 di un polmone, 2 di pancreas. La gestione delle liste di attesa nel circuito del Lazio Trasplant è curata dal Centro regionale trapianti che esegue anche le analisi di compatibilità degli organi. Tutte le indagini infettivologiche vengono eseguite presso lo Spallanzani. Il modello Lazio Trasplant conta anche su un innovativo servizio regionale di prelievo di organi per adulti che è assicurato a rotazione da due diverse equipes chirurgiche che effettuano i prelievi intra ed extraregione.

"Questi numeri danno speranza a tutti i cittadini del Lazio- dice il Presidente della Regione Nicola Zingaretti - il sistema sta guarendo dai suoi mali storici. Molto c'è da fare, ma la grande professionalità presente negli ospedali del Lazio permette di credere che si può far uscire il sistema sanitario dall'angolo degli ultimi della classe dove era relegato da tropo tempo. Ci stiamo riuscendo ed un grazie va soprattutto ai medici agli infermieri degli ospedali del Lazio Trasplant così come all'ottimo lavoro di coordinamento svolto dal Centro regionale trapianti. In questa occasione voglio rivolgere un pensiero grato all'opera del professor Domenico Adorno che per anni ha coordinato il Centro trapianti e che ci lasciato nei mesi scorsi. Questi risultati sono frutto anche del suo lavoro".

QUIRINALE: ZINGARETTI, LEODORI, PERILLI GRANDI ELETTORI LAZIO

Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti (Pd), il presidente del Consiglio regionale Daniele Leodori (Pd) e il capogruppo del M5S Gianluca Perilli sono i tre delegati della Regione Lazio che parteciperanno alle elezioni del nuovo presidente della Repubblica a partire dal prossimo 29 gennaio.

La designazione è arrivata alla fine delle relative votazioni a scrutinio segreto che si sono svolte nell'Aula della Pisana in apertura della seduta odierna del Consiglio regionale del Lazio.

Leodori ha ottenuto 30 voti, altrettanti sono stati quelli totalizzati da Zingaretti, mentre Perilli è stato eletto con 10 voti. Fuori dalla terna il presidente della commissione Vigilanza sul pluralismo dell'informazione Giuseppe Emanuele Cangemi (Ncd), che ha ottenuto 9 voti LAZIO, AFFARI COMUNITARI: SELEZIONATE INIZIATIVE TRA I TEMI PROPOSTI DALLA COMMISSIONE EUROPEA La commissione II - Affari comunitari e internazionali, cooperazione tra i popoli e tutela dei consumatori, presieduta da Piero Petrassi, ha espresso oggi il suo giudizio sul programma di lavoro 2015 della Commissione europea. Sono state individuate, tra quelle proposte, sei tematiche tra le "nuove iniziative" e altrettante nel "programma di valutazione dell'adeguatezza e dell'efficacia della regolamentazione" (azioni Refit), e i relativi elenchi sono stati approvati all'unanimità dalla Commissione. Tale lavoro costituisce un supporto per il parere che il presidente del Consiglio regionale deve esprimere in vista di una riunione sull'argomento, prevista il 22 febbraio, della Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome. Tra le "nuove iniziative" che hanno riscosso il maggiore consenso, quelle denominate "Promuovere l'integrazione e l'occupabilità del mercato del lavoro", "Il piano di investimenti per l'Europa: seguito legislativo" e "Strategia commerciale di investimento a favore dell'occupazione e della crescita"; mentre, per le "azioni Refit", il "Regolamento sulle autorizzazioni di pesca" è risultata la più votata dai consiglieri. I commissari erano stati chiamati, attraverso l'attribuzione di un voto, ad operare una selezione, di tipo valutativo, dei temi proposti dalla Commissione europea, dopo che gli uffici del servizio legislativo preposti ai temi europei avevano operato una iniziale selezione, fatta sulla base dell'interesse regionale e della competenza prevalentemente legislativa, per aderire maggiormente a quella che è la funzione principe dell'ente regionale. In alcuni casi, sono stati anche "recuperati" dei temi esclusi da questa prima scrematura. Soddisfazione ha espresso, al termine della seduta, il presidente Petrassi, per il clima di "ottima collaborazione" tra l'"ufficio Europa" del Consiglio e le omologhe strutture della Giunta regionale nel muovere questi primi passi della cosiddetta "fase ascendente" della partecipazione regionale all'attività dell'Unione europea, lavoro che a breve sarà disciplinato da una normativa attualmente all'esame dell'Aula (proposta di legge regionale numero 60/2013, "Disposizioni sulla partecipazione alla formazione e attuazione della normativa e delle politiche dell'Unione europea e sulle attività di rilievo internazionale della Regione Lazio"). Erano presenti alla seduta odierna il vice presidente Gian Paolo Manzella (Per il Lazio), e i componenti Daniela Bianchi (Per il Lazio), Mauro Buschini (PD) e Silvana Denicolò (M5S)
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

  • Homepage
  • Ultim'ora
  • Cronaca
  • Zone e Quartieri
  • Sport
  • Politica
  • Eventi
  • Cinema
  • Economia e Lavoro
  • Salute
  • Attualità
  • Ambiente
  • Video
  • Foto
  • Notizie dall'Italia
  • Meteo
  • Segnalazioni
  • Opinioni
FrosinoneToday è in caricamento