menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Roma, Storace (LD); Buzzi aveva le chiavi del PD della Capitale

"Buzzi aveva le chiavi di casa del Partito Democratico, nelle prossime settimane potrebbero arrivare richieste di autorizzazione all'arresto per deputati implicati in mafia capitale. Lotito indagato? Non lo sento da tempo, è un borghese piccolo...

"Buzzi aveva le chiavi di casa del Partito Democratico, nelle prossime settimane potrebbero arrivare richieste di autorizzazione all'arresto per deputati implicati in mafia capitale. Lotito indagato? Non lo sento da tempo, è un borghese piccolo piccolo".

Francesco Storace è intervenuto stamattina su Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università degli Studi Niccolò Cusano, nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio. Su mafia capitale e gli ultimi avvenimenti che hanno toccato la Regione Lazio: "Ieri sono rimasto molto colpito dalla sensazione di autosufficienza con cui Zingaretti ha lasciato la Pisana. Per carità, ha usato accenti diversi rispetto alle interviste autocelebrative che aveva rilasciato nei giorni scorsi. Il bilancio della Pisana continua ad avere tratti di opacità, ci sono una marea di indagati che vanno a colpire tutto il pd, di cui Buzzi aveva le chiavi di casa. La cena di Renzi e il finanziamento della Leopolda non sono cose normali. Se al posto di Marino e Zingaretti ci fossero stati personaggi di destra ci sarebbero state continue sommosse di piazza. C'è una imbarazzante omertà su quello che sta accadendo a sinistra. Orfini che dà del mafioso a chi si oppone a questo tipo di amministrazione deve pagare e rendere conto di frasi così sciagurate. Zingaretti ci pensi anche una settimana, ma faccia qualcosa, almeno facendo ruotare i dirigenti che sono indagati ma che restano al loro posto". Mafia Capitale potrebbe presto arrivare in Parlamento e creare scompiglio anche nella politica nazionale: "Se dalle prossime settimane, come si dice in certi ambienti, arriverà qualche richiesta di arresto per i deputati implicati in mafia capitale, anche la tenuta del Governo potrebbe essere messa in discussione".

Sul caso Lotito, indagato dalla procura di Napoli per tentata estorsione: "Ho seguito poco la vicenda, più che altro dalle agenzie che leggevo ieri. E' da tempo che non ho in simpatia Lotito e che non ho più contatti con lui. Anzi, prima, quando ero Presidente della Regione, mi cercava spesso. Poi, quando ho perso potere, si è allontanato, come spesso capita in Italia. Lotito è un borghese piccolo piccolo. Ancora oggi leggo sui giornali che sarei stato il suo sponsor, ma non è vero. Quando la Lazio stava per fallire io da Presidente della Regione mi limitai su richiesta della banca che doveva fare da garante dell'operazione a certificare i crediti che Lotito aveva accumulato con la Regione. Noi lo abbiamo fatto e con solerzia, perché altrimenti, molto probabilmente, la Lazio sarebbe fallita".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento