menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Poligrafico

Poligrafico

Roma, scompare un altro simbolo dell’Italia Unita: i cinesi conquistano Roma e la Zecca dello Stato diventa un Hotel a 5 Stelle

La Cassa Depositi e Prestiti affida ai cinesi la gestione dell’Hotel che nascerà nella storica sede del Poligrafico e della Zecca dello Stato. L’antico palazzo di Piazza Verdi a Roma, situato nell’elegante quartiere Parioli e nelle immediate...

La Cassa Depositi e Prestiti affida ai cinesi la gestione dell'Hotel che nascerà nella storica sede del Poligrafico e della Zecca dello Stato. L'antico palazzo di Piazza Verdi a Roma, situato nell'elegante quartiere Parioli e nelle immediate adiacenze di Villa Borghese, diventerà infatti un albergo extralusso della Rosewood Hotels and Resorts International Limited.

L' attuale proprietaria dell'immobile, la Soc. Residenziale Immobiliare 2004 S.p.A, - controllata al 75% da CdP Immobiliare del Gruppo Cassa Depositi e partecipata al 25% dalla Soc. Finprema S.p.A. del Gruppo Fratini - ha sottoscritto, il 20 novembre u.s.,una lettera di intenti con la Rosewood Hotel Group, società privata controllata dalla New World China Land, holding quotata alla Borsa di Hong Kong della Famiglia Cheng.

Il progetto di valorizzazione dell'antica sede del Poligrafico e Zecca dello Stato prevede l'utilizzo di 30mila metri quadri per la realizzazione di un Hotel extra lusso di circa 200 camere, di un Centro congressi, di ristoranti, piscina e spa. Negli ulteriori 28mila metri quadri di superficie disponibile Cdp Immobiliare intende realizzare circa 50residenze private ed uffici gestiti dallo stesso operatore alberghiero. La selezione del partner è avvenuta con la consulenza di Jll, il primo fra tutti i primari gruppi nazionali ed internazionali dell'Hotelerie di lusso.L'operazione non necessita comunque di un particolare "via libera" da parte di alcuna autorità. Con la stipula dei contratti definitivi e vincolanti, attesi entro pochi mesi, sarà definita anche la struttura finanziaria dell'operazione. L'ordine di grandezza dell'accordo supera i 150 milioni di euro, costo minimo da affrontare per la ristrutturazione del complesso immobiliare. L'intesa preliminare rappresenta dunque il primo importante passaggio di un più ampio sviluppo dell' Istituto Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, la Società per Azioni avente quale Socio Unico il Ministero dell'Economia e delle Finanze. Inoltre, anche la nuova strategia della Cassa DD.PP. è prioritariamente orientata verso lo sviluppo del massimo rendimento. Tuttavia la "mission" della CdP non dovrebbe essere quella di aumentare una redditività già ora molto elevata e soddisfacente, ma di fare l'interesse dei cittadini e dello Stato, nonchè di promuovere la crescita dell'economia. L'obiettivo non è distribuire dividendi elevati al Tesoro e alle Fondazioni Bancarie, che sono azionisti della CdP, ma la crescita del Paese, che genera "dividendi" per i cittadini.

La Cassa DP deve essere fedele alla sua missione originaria di raccolta del risparmio della collettività per finanziare le opere pubbliche che sono necessarie ai cittadini stessi, diventando la "banca di sviluppo dei territori".

Quindi è opportuno, da un lato, mirare ad investimenti e progetti legati al territorio stesso e destinati al suo potenziamento, salvaguardando rendimenti stabili; dall'altro, evitare di svolgereimprese ed attività rischiose, soprattutto in considerazione del fatto che utilizza la raccolta di risorse provenienti da soggetti tradizionalmente avversi, o comunque poco propensi al rischio, come sono i correntisti postali.

Giorgio De Rossi

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento