Abbruzzese (F.I.): "la Asl di Frosinone appalta all'esterno quello che potrebbe fare in proprio"

Esternalizzate per L'attività di odontoiatria sociale oltre 750.000 euro

Tra i tanti problemi che si ci sono nella sanità laziale, stanno aumentanto le esternalizzazione che fanno aumentare le spese e che tolgono lavoro all'interno dei dipendenti interni. Sull' argomento e in particolare sull' attività odontoiatrica sociale interviene il Presidente della commessione speciale Riforme istituzionali Mario Abbruzzese.

"La Asl di Frosinone in riferimento alla delibera 1066 del 04/07/2017 ha indetto una gara triennale per appaltare a cooperativa o società esterna prestazioni di odontoiatria sociale, per un importo di 750.000 euro + iva. Vanno aggiunti i costi dei materiali di consumo, il personale infermieristico, le pulizie e la manutenzione dello strumentario. I costi oltre ad essere ingenti non sono quindi esattamente definiti. 

La dichiarazione

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' quanto dichiara in una nota il Presidente della Commissione speciale Riforme istituzionali Mario Abbruzzese che prosegue. Nella delibera 1066 la Asl di Frosinone precisa che la richiesta di finanziamento avanzata in Regione è rimasta senza risposta e ciò è stato interpretato come assenso! Come purtoppo ben sappiamo la Regione Lazio è sottoposta a regime di commissariamento con stretto controllo della spesa tanto che con DCA 586/15 ha ridefinito i LEA per l'odontoiatria indirizzandoli verso la fragilita' e la vulnerabilità sociale. Appare inspiegabile perchè appaltare all'esterno un'attività istituzionale che può essere tranquillamente espletata con risorse interne alla ASL o eventualmente potenziando i servizi in essere. In altre realtà Regionali dove l'attività odontoiatrica è stata ricondotta a quanto previsto dal DCA 586 si è assistito ovviamente a  una contrazione delle prestazioni precedentemente erogate. Oltre questi aspetti ci si chiede dove la Asl  di Frosinone reperirà questi fondi, se taglierà dei servizi oppure se prevede un avanzo di bilancio. In ogni caso avendo queste disponibilità economiche non sarebbe forse più utile allocarle in servizi notoriamente critici come il pronto soccorso, le prestazioni strumentali di  ecografia e risonanza magnetica  o le interminabili liste d'attesa in cui la Regione pur riconoscendo le gravi difficoltà ha stanziato solo 800.000 euro? Ha concluso Abbruzzese."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento