Sanità, la battaglia di Mario Abbruzzese contro Nicola Zingaretti si concentra sul commissariamento della Asl

Per il consigliere regionale di Forza Italia, il governatore avrebbe raccontato l'ennesima bugia ai cittadini

“Anche sul Commissariamento della ASL di Frosinone, il Presidente della Regione Lazio Zingaretti è riuscito a smentire se stesso e a raccontare l’ennesima bugia”. Queste le parole del consigliere regionale di Forza Italia Mario Abbruzzese.

Disposto il nuovo commissariamento

"Il 10 novembre 2015  si è disposto il commissariamento dell’Azienda Sanitaria Locale di Frosinone, al fine di dare continuità all’azione amministrativa nell’attuazione delle disposizioni previste nei Programmi Operativi, per garantire i Livelli Essenziali di Assistenza all’utenza in una situazione di rilevante squilibrio economico finanziario, delibera  “di disporre il commissariamento dell’Azienda Sanitaria Locale di Frosinone ai sensi di quanto previsto dalla vigente normativa, sino alla verifica del citato Programma straordinario per l’uscita dal commissariamento del SSR e comunque non oltre il 31 dicembre 2017”. Quindi con atti ufficiali Zingaretti dispone il Commissariamento della locale ASL con la contestuale nomina dell’attuale commissario straordinario Macchitella fino al 31 dicembre 2017!".

È mancato il rispetto del Territorio

Logica, coerenza, corretto approccio amministrativo e rispetto per il territorio,- scrive il Consigliere Regionale Mario Abbruzzese -  vorrebbero che se si deve procedere ad una proroga del Commissariamento della ASL di Frosinone, che certamente non ha brillato per efficienza ed efficacia delle cure in questi anni di gestione commissariale, lo si deve fare per pochi mesi e comunque non oltre il tempo necessario per l’espletamento delle prossime elezioni regionali e in ogni caso fino all’insediamento dei futuri organi di governo regionale. Invece Zingaretti, con provvedimento assunto nella Giunta di oggi, decide “di confermare il commissariamento dell’Azienda Sanitaria Locale di Frosinone, dal 01 gennaio 2018 fino alla nomina del nuovo Direttore Generale e comunque, non oltre il rientro nella gestione ordinaria, prevista entro il 31 dicembre 2018. Quindi la ASL di Frosinone, che meriterebbe invece una gestione ordinaria, viene commissariata per un ulteriore altro anno, rispetto ai 2 già trascorsi. Ma vi è di più. La motivazione è per consentire il rientro nella gestione ordinaria prevista entro il 31 dicembre 2018".

Ci vuole ancora un anno per uscire dal commissariamento

"Da questo atto emergono 2 circostanze oggettive incontestabili. Primo: la sanità del Lazio, come rilevato anche dai documenti ufficiali della Regione nella DGR di oggi, non è affatto uscito dal commissariamento, occorrerà un ulteriore anno, come andiamo sostenendo da tempo. Secondo: Ai cittadini della provincia di Frosinone è stata raccontata l’ennesima bugia, in tema di politiche sanitarie ed è stata negata loro, per un ulteriore anno, una gestione ordinaria corretta dell’assistenza sanitaria e delle cure".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane finanziere muore nel sonno, la tragedia nella notte

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento