Sanità pubblica, Zingaretti libera le esternalizzazioni. Ugl sul piede di guerra

Secondo il sindacato le attività mediche non possono essere affidate a soggetti esterni diversi da quelli destinatari dell'autorizzazione all'esercizio e dell'accreditamento istituzionale

Zingaretti libera le esternalizzazioni, il sindacato Ugl  sul piede di  guerra. "Le  attività mediche delle strutture sanitarie -  scrive  la presidente Ugl Rosa Roccatani in una nota - ,non possono essere esternalizzate o comunque affidate a soggetti esterni (persone fisiche o giuridiche) diversi da quelli destinatari dell’autorizzazione all’esercizio e dell’accreditamento istituzionale.

Conseguentemente, possono essere esternalizzate o comunque affidate a soggetti esterni (persone fisiche o giuridiche) le sole attività di servizi generali di supporto (servizi: cucina, lavanderia, sterilizzazione, disinfezione) nonché quelli di trasporto infermi e frigo emoteca”; Revoca anche il punto che entra nel merito alla “Gestione delle risorse umane”, dispone: “E' indispensabile che tutti i ruoli e le posizioni funzionali siano ricoperti da personale in possesso dei titoli previsti dalla normativa vigente.

Fatti salvi i casi diversamente disciplinati dal presente provvedimento, tutti i ruoli e le posizioni funzionali previsti nelle strutture sanitarie devono essere ricoperti da personale proprio della struttura, in possesso dei titoli previsti dalla normativa vigente, escludendo il ricorso all’esternalizzazione o comunque all’affidamento dell’attività o parti di essa a soggetti esterni (persone fisiche o giuridiche) Con tale provvedimento, se bene interpretato dalla UGL sanità, cessano obblighi e regole disciplinanti il SSR e la sanità pubblica assume definitivamente connotato privatistico. A significare, liberalizzazione all’esternalizzazione del servizio sanitario pubblico – liberalizzazione di tutti i ruoli e delle posizioni funzionali previste. A significare che, la revoca delle citate norme, abrogano l’ultimo tassello che garantiva stabilità lavorativa e diritti dei lavoratori professionisti. A significare un salto indietro di almeno 60 anni, forsanche di più, quando il posto di lavoro lo assicurava il politico di turno, in cambio della rinuncia della libertà politica ideologica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento