Politica

Risoluzione del contratto con Acea, il Tar boccia il ricorso dei Comuni

Dopo la sentenza i sindaci si sono detti pronti a continuare la battaglia davanti al Consiglio di Stato in difesa dei cittadini

Risoluzione del contratto con la società Acea, arriva la sentenza del Tar di Latina. Questi i commenti del sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani e del sindaco di Cassino Carlo Maria D'Alessandro, entrambi determinati a continuare la battaglia con il gestore del servizio idrico in difesa dei cittadini.

Ottaviani: "Continueremo in ogni sede legale"

"Il Tar di Latina ha emanato una sentenza - ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani - che dev'essere letta attentamente e che pone la politica del passato davanti alle proprie responsabilità. I giudici amministrativi, infatti, non hanno assolutamente esaltato l'operato di Acea fino al 2014, che ha brillato per inadempienze in danno dell'intera collettività, ma si sono limitati a dichiarare che nel 2015 Acea avrebbe effettuato il 90% circa degli investimenti previsti per quella annualità. È evidente che, tra i politici del passato, che hanno permesso ad Acea di fare il bello e cattivo tempo, ci sono proprio alcuni amministratori e simpatizzanti del Pd che, da sempre, tifano per i colori del gestore romano, probabilmente non per mera filosofia ascetica o per opere di misericordia. Del resto, il fatto che la verità su Acea sia almeno nel mezzo è confermato dalla circostanza che, a fronte delle decine di milioni di euro di danni richieste dalla stessa Acea ai comuni, il Tar ha riconosciuto l'importo pari a zero. Le delibere dei comuni volte alla risoluzione, inoltre, sono state riconosciute legittime ed esenti da vizi procedurali, mentre il Tar di Latina non si è pronunciato affatto su un altro elemento essenziale della controversia. La convenzione prevedeva, invero, che i bilanci fossero redatti con l'indicazione analitica dei costi di gestione, per permettere ai comuni il controllo effettivo e non, invece, con la tecnica dei centri di costo riepilogativi, poco trasparenti e scarsamente comprensibili. Continueremo, anche davanti al Consiglio di Stato e in ogni altra sede giudiziaria, le battaglie legali a favore della collettività, facendo a meno dei soliti dirigenti e amministratori del Pd che, per anni, hanno bivaccato alla stessa tavola politica di Acea, con estrema gratitudine da parte dei soliti palazzi romani". 

D'Alessandro: "Nessuna pronuncia sui bilanci"

"La sentenza del TAR di Latina non sposta la nostra battaglia come sindaci che hanno votato la risoluzione contrattuale. I giudici di prime cure stabiliscono che le inadempienze contrattuali ci sono state ma solo nel 2015 Acea ha cominciato a risolverle. Non esiste nessun risarcimento milionario come qualcuno ipotizzava e soprattutto il tribunale amministrativo non si è pronunciato sulle questioni dei bilanci sui quali avevamo chiesto specificità e chiarezza. La nostra azione continua a difesa di tutti i cittadini".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Risoluzione del contratto con Acea, il Tar boccia il ricorso dei Comuni

FrosinoneToday è in caricamento