Giovedì, 28 Ottobre 2021
Politica

Serrone, Natale Nucheli: "La Regione Lazio ci dica cosa vuole fare della sanità della Ciociaria"

“La sanità del nostro territorio, e della Ciociaria tutta, ha urgente bisogno di scelte immediate, da parte della Regione Lazio, affinché si ponga subito riparo ai provvedimenti scellerati messi in atto dalla ex presidente Renata Polverini. Va...

"La sanità del nostro territorio, e della Ciociaria tutta, ha urgente bisogno di scelte immediate, da parte della Regione Lazio, affinché si ponga subito riparo ai provvedimenti scellerati messi in atto dalla ex presidente Renata Polverini. Va ripristinata una sanità pubblica che, pur nel rispetto della razionalizzazione dei costi (a cui la Regione è obbligata per azzerare il deficit ereditato), dia ai cittadini di Serrone, e della Ciociaria, quei servizi, ospedalieri e di territorio, essenziali per salvare vite umane e fornire a famiglie ed anziani una sanità pubblica efficiente ed efficace".

Il sindaco di Serrone, Natale Nucheli, interviene così sul dibattito avviato da giorni sul territorio da cittadini e comitati che, dai tempi della chiusura dell'ospedale dell'Anagni, aspettano con fiducia le scelte che il governo Zingaretti riuscirà a mettere in campo per la provincia di Frosinone.

"Abbiamo atteso con fiducia - aggiunge Nucheli - che la nuova amministrazione regionale prendesse pieno possesso dei meccanismi di governo della sanità, percorso che nei giorni scorsi ha compiuto un passo avanti con la presa di servizio dei nuovi direttori generali delle Asl. Oggi che tutto il lavoro preparatorio è stato completato, chiedo al presidente della Commissione regionale della sanità, Rodolfo Lena, di incontrare i sindaci del frusinate per spiegarci con chiarezza quali sono le intenzioni della Regione Lazio su queste zone, da troppo tempo oggetto di tagli e ridimensionamenti che hanno inciso negativamente sulla qualità dei servizi".

"A questi - precisa il sindaco di Serrone - si aggiunge il recente provvedimento del neo direttore della Asl RmG, che chiude il servizio notturno di radiologia negli ospedali di Colleferro e Palestrina: sarà pure legittimo, nell'economia di quella Asl, ed è pur vero che formalmente non riguarda il nostro territorio ma è altrettanto vero che, dopo la chiusura di Anagni, Colleferro e Palestrina sono i primi ospedali in cui si arriva partendo da Serrone in caso di emergenza. Senza questi dobbiamo arrivare fino ad Alatri o Frosinone o Roma, con tempi di percorrenza che non garantiscono più di aver salva la vita".

"Al presidente Lena - conclude Nucheli - chiedo di conoscere quali siano le prospettive della Regione Lazio per la nostra sanità. Partendo dagli ospedali di riferimento, in primo luogo, ma senza dimenticare il ruolo chiave che devono avere le strutture territoriali e, più urgenti che mai, una dotazione di ambulanze del 118 sul territorio con medico a bordo, affinché nelle emergenze si scelga sempre l'ospedale più adeguato e non il più vicino. Da sindaco quale è stato, sono convinto che Rodolfo Lena voglia coinvolgere i sindaci del territorio che, meglio di altri, hanno il polso della situazione e possono rivelarsi utilissimi nel trovare una soluzione ottimale per tutti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serrone, Natale Nucheli: "La Regione Lazio ci dica cosa vuole fare della sanità della Ciociaria"

FrosinoneToday è in caricamento