Lunedì, 27 Settembre 2021
Politica Sora

Sora, la frana di via Portella ‘piomba’ sulla campagna elettorale: scontro tra Caschera e Tersigni

L’uscente delegato alle Manutenzioni, sostenitore di Altobelli, punta il dito contro la candidata a sindaco in quanto ex funzionaria comunale. Quest’ultima chiede di spiegare come si sia adoperato negli ultimi cinque anni per risolvere il problema

La frana di via Portella, verificatasi al termine del mandato del sindaco 2011-2016 Ernesto Tersigni, è piombata sulla campagna elettorale di Sora alla luce del blocco di uno scuolabus registrato nelle scorse ore.

A lamentare il disagio è stata Eugenia Tersigni, una dei cinque candidati a sindaco in corsa alle Elezioni amministrative 2021, innescando un botta e risposta con Lino Caschera: consigliere uscente della Lega, delegato alle Manutenzioni nell’amministrazione guidata dal ricandidato primo cittadino Roberto De Donatis, ma ora sostenitore del competitor di centrodestra Federico Altobelli.  

Frana di via Portella: lo scarico di responsabilità

Caschera ha precisato che “la frana è vecchia e che in passato non è mai stata attenzionata né dalla stessa ingegner Eugenia Tersigni né dall’ex consigliere delegato Valter Tersigni”. Ovvero dalla già funzionaria del settore comunale e dall’ultimo delegato ai Lavori Pubblici, tacciati di inefficienza dal leghista.In quanto allo scuolabus, proveniente da Isola del Liri, “ho il vago sospetto - ha insinuato Caschera - che ci sia lo ‘zampino’ di qualche suo sostenitore, in quanto il mezzo per il trasporto degli studenti in questi oltre 8 anni è sempre transitato”.  

Eugenia Tersigni, dal canto suo, invita il candidato consigliere “a spiegare ai sorani come mai in cinque anni di amministrazione tra le fila della maggioranza De Donatis non si è adoperato per risolvere il problema e non ha fatto nulla per ripristinare la sicurezza a Portella”.

Non ammettendo la scusante dell’emergenza Covid, la stessa Tersigni ritiene che si siano solo dedicati a “smantellare il Comune con le fantomatiche riorganizzazione degli uffici - critica – Invece di andare a caccia di farfalle e di attaccare il passato sarebbe meglio che il caro Caschera illustrasse alla città cosa ha fatto o sta facendo in proposito”.

I futuri lavori e la questione scuolabus

Caschera, a tal riguardo, ha fatto presente che è stata presentata una richiesta di finanziamento alla Comunità montana Valle del Liri, è stata eseguita l’indagine idrogeologica ed è stata ottenuto di recente il nulla osta della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio.

“Allo stato attuale al progetto, che ormai è diventato esecutivo - sostiene il delegato uscente - manca solo l’ultimo parere del Genio civile, bloccato dal virus che ha infettato il sistema della Regione Lazio e di OpenGenio e in questi giorni in via di ripristino, per completare l’iter autorizzativo; subito dopo la Comunità montana procederà ad indicare una ditta specializzata per il ripristino definitivo”.

Tersigni, però, lamenta che non è stato fatto ancora nulla per permettere il passaggio dello scuolabus e tutelare la pubblica e privata incolumità: “Noi ci limitiamo a osservare i fatti - conclude la candidata a sindaco - Restiamo in attesa di una risposta seria del consigliere Caschera”.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sora, la frana di via Portella ‘piomba’ sulla campagna elettorale: scontro tra Caschera e Tersigni

FrosinoneToday è in caricamento