Sora, la Lega fa il punto della situazione. In Comune solo se in opposizione

I parlamentari Zicchieri, Gerardi e Rufa ieri nella città volsca accanto al consigliere comunale Di Stefano ed al portavoce cittadino Vitale. Stretta di mano tra il coordinatore regionale e Mosticone. Pace fatta?

"Patti chiari ed amicizia lunga", il senso è questo, la Lega è aperta a nuove adesioni, ma per entrare è necessario riconoscersi nei valori identitari del partito di Matteo Salvini e, altro presupposto indispensabile, sottolinea Antonio Vitale, coordinatore cittadino di Sora, "è il passaggio in opposizione". In sostanza non si può sostare con il Carroccio tra le fila della maggioranza consiliare sorana. No anche "a chi vuole salire sul treno in corsa in questo momento". Una conditio sine qua non valida non solo per la città volsca, soprattutto ora che il simbolo del guerriero con armatura e spada, fa gola a molti.

Carte sul tavolo

L'incontro di ieri nella sala Simoncelli è servito a fare il punto della situazione rispetto alla strutturazione del partito a Sora, ed anche all'impegno dei rappresentanti della Lega in Parlamento e sul territorio. A fare gli onori di casa è stato per l'appunto il coordinatore Vitale, sostenitore di Salvini in tempi non sospetti e con il cui simbolo si presentò alle elezioni comunali nel 2016. Accanto a lui il consigliere comunale di opposizione, Luca Di Stefano, nel partito da circa un anno. Il perchè della sua adesione lo ha spiegato subito: "Credo in questo progetto di cambiamento e nell'impegno,  la dedizione e la costanza di una classe dirigente politica capace".

A seguire gli onorevoli Francesco Zicchieri e Francesca Gerardi ed il senatore Gianfranco Rufa. Manca all'appello il coordinatore provinciale Carmelo Palombo, presente solo sulla locandina. Dietro di loro il manifesto con le promesse fatte in campagna elettorale e mantenute dal Governo. "Stop invasione, pace fiscale, stop Fornero, prima gli italiani".

Vertenza Frusinate e FCA

Punti ripresi anche durante gli interventi dei parlamentari prima di entrare nel merito di questioni prettamente locali quali Vertenza Frusinate e lo stabilimento di Fca. Sul primo Zicchieri ha affermato: "abbiamo affrontato la problematica e con la massima serietà abbiamo detto a tutte le persone interessate che questo è l'ultimo anno che vengono presi soldi per oziare". No al clientelismo, sì a progetti che coinvolgano i soggetti in attività utili per il territorio. Da qui il messaggio rivolto all'Amminsitrazione provinciale di impiegarli in attività concrete e non di tenerli fermi "fino al prossimo anno e poi rimetterli in sciopero per riprendere il finanziamento per l'anno successivo". Su Fca, continua Zicchieri: "Ricordo tantissimi articoli ma pochissime persone con la bandiera del Pd fuori dai cancelli. Così come ricordo il comunicato di 20 giorni fa in cui si legge che il piano industriale non è cambiato, non è stato ridimensionato. Si è tornati alla normalità, ma di questo nessuno ha fatto menzione. È stata una nostra battaglia in Parlamento. Abbiamo affrontato la tematica nei tavoli giusti e con le giuste istituzioni e si è trovato un punto d'incontro".

Il caso Mosticone

Non è saltato un passaggio sul caso che ha visto protagonista il consigliere di maggioranza Alessandro Mosticone, escluso a poche ore dalla consegna delle liste, dalla corsa per le elezioni provinciali. Tra lui e Zicchieri non c'era stato ancora un incontro di persona, ma solo uno scambio di battute telefoniche. Ieri la stretta di mano, ma se la questione sembra risolta per il coordinatore regionale, lo stesso pare non possa dirsi per il consigliere sorano che non ha voluto rilasciare commenti dopo il brevissimo "a tu per tu" avvenuto a fine conferenza. Sulla vicenda l'onorevole pontino è stato chiaro: "Non ho mai detto che ha problemi giudiziari nè che ha un dossier. Non mi permetterei mai, non sono un giudice. - e senza entrare nello specifico - Le problematiche per cui non potevamo tenerlo in lista erano di tutt'altra natura e che semplicemente non collimavamo con l'ideologia della Lega".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane finanziere muore nel sonno, la tragedia nella notte

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento