menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sora, quasi un milione di euro destinato ai lavori di sistemazione della diga di Valfrancesca

Il Consigliere Portavoce M5S Loreto Marcelli conferma che ilavori saranno principalmente diretti a manutenere la paratia e a ricostruire la spalla in destra idraulica della diga a causa di alcune crepe strutturali

A seguito degli eventi verificatisi il 5 giugno presso la diga sul fiume Liri nella zona di Valfrancesca, a Sora – annuncia il consigliere regionale Loreto Marcelli - ho chiesto di poter effettuare un sopralluogo al Commissario straordinario dei Consorzi di bonifica “A Sud di Anagni”, “Valle del Liri” e “Conca di Sora”, la Dott.ssa Stefania Ruffo, che mi ha messo a disposizione una squadra composta dal Direttore del Consorzio “Conca di Sora e “A Sud di Anagni”, Aurelio Tagliaboschi, dal responsabile tecnico, ingegnere Pierluigi Saccucci.

Durante il sopralluogo sono stato ragguagliato in dettaglio sulla situazione in cui versa la diga e sulle attività che saranno messe in campo sin da settembre grazie alla somma di 957.000 euro, finanziata attraverso il Piano di sviluppo rurale, da utilizzare per mettere in sicurezza lo sbarramento mobile sul Liri. I lavori saranno principalmente diretti a manutenere la paratia e a ricostruire la spalla in destra idraulica della diga a causa di alcune crepe strutturali.  In base a quanto accaduto è stata inoltrata una richiesta di lavori di “somma urgenza” per consolidare il bypass, costruito nella situazione emergenziale del 6 giugno, così da evitare che si possa incorrere nuovamente in tali situazioni. Ricordo, inoltre, che stiamo parlando di una diga la cui costruzione risale al 1956, un’avanguardia per quei tempi ma certamente, - continua il consigliere regionale Loreto Marcelli - come ho avuto contezza anche durante il sopralluogo di oggi, da ristrutturare totalmente considerando il tempo trascorso e l’inevitabile usura. Sarebbe necessario inoltre dotare la struttura di un sistema di telecontrollo, ossia che consenta di vigilare da remoto sul funzionamento della diga".

"Al di là dei lavori che senza dubbio devono essere compiuti urgentemente, per la messa in sicurezza della popolazione locale, bisognerebbe risolvere definitivamente la situazione in cui versa l’intera struttura ripensandola nella sua totalità. Nel ringraziare la Dott.ssa Stefania Ruffo e la disponibilità mostratami dalla squadra che mi ha accompagnato nel sopralluogo, mi auguro vengano presto risolte le attuali problematiche. Resta alta l’attenzione sul territorio e la responsabilità verso i cittadini e la loro sicurezza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento